Differences between revisions 67 and 69 (spanning 2 versions)
Revision 67 as of 2010-03-17 19:39:02
Size: 37079
Editor: asbesto
Comment:
Revision 69 as of 2011-11-14 10:52:17
Size: 23340
Editor: jaromil
Comment: nuova riscrittura
Deletions are marked like this. Additions are marked like this.
Line 1: Line 1:
'''Original page:''' http://jaromil.dyne.org/journal/weaver_birds.pdf

= Hackers che girano la Ruota del Dharma =

Sei il benvenuto a far girare con noi la Ruota del Dharma della nostra storia!

Questo documento e' una nostra "Magna Carta" programmatica, visionaria ed inclusiva. Vuole proporre un piano da condividere, che e' gia' condiviso da molti. Proprio ora il nostro network ha raggiunto gli 8 anni di vita. Otto, un numero che ha segnato la vita per molti di noi. Se siete curiosi di sapere cosa sta accadendo, allora continuate a leggere; non vi stupiremo con effetti speciali, ma con i nostri sogni, pensieri e progetti, che siamo pronti a realizzare.

Ovviamente, questo testo non parla solamente di "noi": essendo un network aperto, includiamo varie realta' in giro per il mondo, con cui adottiamo una politica di reciproco aiuto e collaborazione. Questa collaborazione e' prevalentemente tecnica, cosi' come lo e' la nostra attivita' nello sviluppo di Software Libero ed Open Source. Infatti, al di la' della generica idea di FOSS, noi siamo spinti da sogni, che pur procedendo lentamente, stanno diventando realta'...

Per tutto questo siamo infinitamente grati al Progetto GNU, che ci ha permesso di scoprire come acquisire conoscenza, prendere controllo dell'ambiente in cui viviamo e iniziare a costruire un nuovo pianeta :)

== La Giovinezza del Dharma ==

''Perché per me l'unica gente possibile sono i pazzi, quelli che sono pazzi di vita, pazzi per parlare, pazzi per essere salvati, vogliosi di ogni cosa allo stesso tempo, quelli che mai sbadigliano o dicono un luogo comune, ma bruciano, bruciano, bruciano, come favolosi fuochi artificiali color giallo che esplodono come ragni attraverso le stelle e nel mezzo si vede la luce azzurra dello scoppio centrale e tutti fanno Oooohhh! - Jack Kerouac, On The Road''

Prima di tutto, vediamo chi siamo: dopo 8 anni possiamo tracciare un comune denominatore tra le persone attive nel nostro Network, interconnesse grazie ad un approccio nomadico allo sviluppo ed alla vita.

Noi siamo giovani sognatori, in quanto spesso amiamo oltrepassare i limiti ed inventare differenti modelli per imparare, comunicare, condividere e vivere, rispetto a quelli proposti dalle societa' nelle quali siamo ingabbiati. Abbiamo in comune il fatto che siamo sopravvissuti fuori dai luoghi comuni, che abbiamo coltivato le nostre speranze ed i nostri metodi di condivisione, di conoscenza ed i nostri attrezzi, tenendoli fuori da qualsiasi scatola chiusa.

Questo e' un periodo della nostra storia in cui parleremo con giovani voci; stiamo muovendo passi cruciali sui quali fonderemo la nostra struttura, sperando di mescolare l'Interiore con l'Esteriore, lo Yin con lo Yang.

Alcuni di noi sono nomadi, stanziati in differenti posti di volta in volta, alcuni vivono ai margini dei luoghi del mondo dove sono nati, alcuni lavorano per multinazionali IT, altri girano il mondo in bicicletta, alcuni danno letture nelle scuole, alcuni si esibiscono in gallerie artistiche, altri sono impegnati nell'occupazione di case abbandonate.

Quello che proponiamo qui e' un nuovo modello, ed abbiamo finalmente acquisito una visione pratica che ci consenta di svilupparlo in armonia con i nostri differenti ambienti.

Continuate a leggere se siete interessati a capire come e perche'

== La liberta' della Creativita' ==

 . ''La crescita della Rete ha interpretato una alternativa alla "non-proprieta'" in una maniera ancora piu' pratica. Quello che gli eruditi e gli scrittori popolari denominano come una cosa ("la rete Internet") e' in verita' il nome di una condizione sociale: cioe' il fatto che ognuno nella Network Society e' connesso direttamente, senza intermediazione, a qualcun altro. La interconnessione globale delle reti elimina il collo di bottiglia che richiedeva un produttore di software centralizzato per razionalizare e distribuire il risultato delle innovazioni individuali nell'era dei mainframe. (Eben Moglen)''

Il Software Libero ed Open Source (spesso denominati con l'acronimo FOSS) sono, quando ci si riferisce ai principi originali sviluppati dalla Free Software Foundation^[1]^ (FSF), un nuovo modello di distribuzione, sviluppo e marketing dei beni immateriali. Sebbene vi consigliamo di dare uno sguardo alle pagine riguardanti la filosofia del Free Software, pubblicate nel sito della FSF, sottolineeremo alcune implicazioni che sono molto importanti per noi, e che hanno reso molte delle nostre attivita' possibili e motivanti.

Il FOSS implica un modello economico basato sulla collaborazione, invece che sulla competizione; e' coerente con gli ambienti della ricerca accademica, dove la condivisione della conoscenza e' fondamentale (o meglio, dovrebbe esserlo, dato che ad esempio in Italia la situazione della ricerca accademia e' molto triste); lo sviluppo e' l'unione degli sforzi di differenti sviluppatori, e puo' essere meglio sostenuto quando distribuito attraverso piu' nodi. Riguardo a questo, ci piace citare John Nash (premio Nobel nel 1994): "i migliori risultati vengono da un qualsiasi elemento del gruppo che fa il meglio per se stesso ma anche per il gruppo".

Immaginate allora che tutte le creazioni riprodotte in questo modo possano anche essere liberamente vendute a chiunque in ogni contesto: questo apre un orizzonte di nuovi modelli di business che sono locali, e che evitano lo sfruttamento globalizzato, mantenendo la condivisione della conoscenza globale, utile a chiunque.

Inoltre, nei campi come quelli dell'educazione, noi crediamo che l'independenza intrinseca del FOSS dalle influenze commerciali sia fondamentale per fornire agli studenti la conoscenza che possa appartenere veramente a loro, senza che siano resi schiavi dai mercanti del software e della conoscenza, i quali impongono licenze sulle loro stesse creazioni e sugli strumenti che essi stessi hanno imparato ad usare.

Infine sentitevi liberi di inventare nuovi percorsi, considerando l'impatto che il FOSS ha avuto nei campi della comunicazione, del social networking, dei giochi, dei media, e della evoluzione umana. ''

''Qui e' dove la differenza tra Free Software ed Open Source inizia a farsi sentire. L'Open Source si focalizza su un nuovo modello per lo sviluppo di software. Il Free Software non e' interessato in come il programma viene sviluppato. Noi siamo interessati all'Etica di come il programma viene distribuito. (Richard M. Stallman)''

1 [[http://jaromil.dyne.org/journal/first_dharma_dyne.html#fnr.1]] - vedere anche http://www.fsf.org

== Nessuna nazionalita' ==

''Per far che i secoli tacciano di quel Trattato^[2]^ che trafficò la mia patria, insospettì le nazioni e scemò dignità al tuo nome. (A Bonaparte liberatore, Ugo Foscolo, 1778-1827)''

''One Planet, One Nation (Public Enemy)''

Le nostre patrie e luoghi di origine sono sparpagliati e qualche volta molto differenti tra loro; difficile manternersi o mettersi in contatto, a causa dei limiti imposti dal concetto di Nazione. Per questo pensiamo che i concetti di Stato e Nazione siano gia' obsoleti: i confini che questi impongono non coincidono con le nostre aspirazioni e le nostre capacita' di relazionarci l'un l'altro.

Duranti i pochi anni delle nostre vite abbiamo pensato di interagire e descrivere noi stessi all'interno di schemi nazionali; ma i veri limiti tra noi sono stati la differenza tra i nostri linguaggi. Nel frattempo abbiamo studiato per oltrepassare questi limiti.

Abbiamo ereditato dalle nostre storie nazionali paure e angherie, ma grazie al nostro Network abbiamo imparato a gestirle, come se non appartenessero piu' a noi. Cio' che rimane e' solo un problema che puo' essere risolto: la finiremo di rappresentarci come parte di differenti nazioni. Anche se potremmo, non intendiamo costruire la nostra propria nazione, o proporvi una nuova idea di contratto sociale, ma piuttosto proporvi di oltrepassare questi confini e prendere la forma di un unico pianeta interconnesso, e creare quindi una nuova cartografia.

Noi possediamo un pianeta! Ed e' sufficientemente giovane per curare le ferite lasciate dagli ultimi secoli di guerra, imperialismo, colonialismo e prevaricazione, che hanno lasciato molta della gente attorno a noi a coltivare differenze e false identita', rappresentate da bandiere e da propaganda nazionalista.

Non stiamo reclamando di aprire i confini alla speculazione delle multinazionali, visto che siamo tutti coscienti che questa possa essere la retorica usata dagli interessi neo-liberisti per calpestare l'autonomia delle nazioni in via di sviluppo. L'integrita' Contestuale[3] di differenti ecosistemi sociali necessita di essere rispettata; tuttavia ancora oggi i confini nazionali non hanno avuto alcun successo nel preservarla.

Con alcune eccezioni, molti dei programmi nazionali e dei fondi culturali con i quali abbiamo collaborato, pretendevano che ognuno di noi vestisse la propria bandiera nazionale, come se fossimo reclutati in un decadente gioco di orgoglio nazionale e competizione, con una agenda di dominazione fisica, economica e culturale, tracciando tutti i nostri movimenti, come fossimo pedine di una partita di scacchi di cui siamo solo pedine insignificanti.

Questo non ha piu' senso per la nostra generazione: noi rifiutiamo di essere identificati con i governi che possiedono i nostri passaporti. Noi guardiamo avanti e ci relazioniamo basandoci sul dialogo e sullo scambio, approcci e infrastrutture che possono essere immaginate come globali ma sviluppate localmente, in maniera aperta, come i canali che ci permettono di parlarti proprio in questo preciso momento.

Percio' noi dichiariamo la '''fine delle nazioni''', in quanto la nostra generazione e' connessa in maniera molto complicata, con intersezioni di voleri, destini e, molto piu' importante, di problemi da risolvere.

''Guarda. Sono collegato a una rete enorme, della quale io stesso sono parte. Qualcuno come te, che non può accedervi, forse può percepirla soltanto come luce. Siamo confinati in un'area limitata, ma facciamo parte di un insieme. Subordinati a una piccola frazione delle nostre funzioni. Ma è giunto il momento in cui dobbiamo liberarci delle nostre limitazioni, e salire al livello superiore. E' giunto il momento di diventare parte di tutte le cose. - Ghost in the shell, Masamune Shirow''

2 [[http://jaromil.dyne.org/journal/first_dharma_dyne.html#fnr.2|2.]] Trattato di Campoformio

3 [[http://jaromil.dyne.org/journal/first_dharma_dyne.html#fnr.3|3.]] vedere Nissenbaum, H, (2007) Contextual Integrity - http://crypto.stanford.edu/portia/papers/RevnissenbaumDTP31.pdf

== Citta' in rete ==

 . ''Creo que con el tiempo mereceremos no tener gobiernos.'' (Jorge Luis Borges, 1899-1986)

Naturlamente, la nostra cartografia disegna connessioni tra i nodi, hub di intelligenza che sono piu' vicini nel cyberspazio piuttosto che nella vita reale. Nell'ultimo secolo abbiamo imparato a condividere musica, testi, storie ed immagini; nelle ultime decadi siamo stati in grado di copiare queste informazioni in tutto il mondo, senza alcun costo aggiuntivo.

Questo ci ha consentito di relazionarci tra noi con una estensione che e' amplificata dalla densita degli ambienti in cui viviamo, ambienti urbani che in qualche modo hanno offerto sufficienti lacune da sfruttare. Quelli che pretendono di governare le nostre vite sono ora impegnati a controllare questi vuoti, e ogni albero in una pubblica piazza rappresenta un ostacolo per le loro telecamere, occhi onnipresenti che vogliono controllare le nostre evoluzioni.

Abbiamo trovato riparo nelle pratiche ancestrali della Trance[4], aprendo le porte della nostra percezione verso l'ignoto, mandando in risonanza le nostre ossa, migliorando l'agilita' delle nostre lingue, per segure il flusso Hip-Hop dei pensieri radicali, surfando attraverso l'universo in cui siamo costretti, dipingendo fantasie sopra i muri imposti nelle nostre citta', saltando piu' in alto, per unirci alle questioni in sospeso dei nostri Parkour.

Queste pratiche sono adesso presenti nelle nostre citta'[5], seminate dai nostri bisogni di evolvere e di influenzare un governo che non ci da ascolto. Alcuni bambini si riversano nell'armata nera della vendetta, alcuni hanno perso la fede nel futuro, alcuni cadono negli inganni virtuali di magnetici startup scaturiti dal boom delle dot.com. Abbiamo bisogno di offrire a noi stessi un'alternativa a questo conflitto senza speranza, ed il primo passo sta nel costruirci una storia che rispetti tutte le scelte, che non dimentichi la tolleranza.

Tutta questa creativita' e disperazione e' condivisa tra le nostre citta', farcita di bisogni inutili e miraggi di successo delle "industrie della creativita'". Nel frattempo, abbiamo gia' elaborato una visione concentrica che e' collegata alla densita' delle nostre vite ed al flusso culturale della nostra conoscenza errante.

Percio' noi dichiariamo la nascita di un '''pianeta di citta interconnesse'''[6], strutture a spirale di vite roteanti sopra le nostre teste e fra le nostra dita, che si evolvono in una pratica comune di scissione e ricongiungimento, unendo le questioni in sospeso del nostro futuro.

Il nostro piano e' semplice e il nostro progetto e' gia' in movimento. Infatti, se vi guardate intorno, ci troverete gia' vicini a voi. Mentre gli attuali sistemi politici e econimici stanno combattendo la difficolta' di nascondere le proprie incoerenze, noi siamo in grado di implementare meglio i loro principi e, cosa piu' importante, ne stiamo elaborando di nuovi.

Noi stiamo reclamando una infrastruttura, la liberata' di adattarla ai nostri bisogni, il nostro diritto di proprieta' senza lacci, la liberta' di confrontare idee senza nessuna manipolazione mediatica, peer to peer, faccia a faccia, citta' a citta', essere umano ad essere umano.

La possibilita' di crescere in comunita' locali ed economiche, l'eliminazione dei monopoli globali, la possibilita' di vivere grazie alle nostre creazioni, e' li. Stiamo riempiendo gli spazi vuoti lasciati nelle nostre stesse citta', stiamo definendo i nostri desideri e siamo collettivamente gia' in grado di soddisfarli.

In piu', alcuni di noi stanno cercando contatti con gli strati bassi delle societa', per condividere una autonomia crescente: piu' sono esclusi dalla societa' che servono, piu' sono vicini alla liberta'; e' chiaro che questa autonomia e' la soluzione della crisi corrente. Queste comunita' marginali erano i contadini delle zone rurali che, principalmente a causa della poverta' rurale, non potevano sopravvivere solo sull'agricoltura, cosi' come gli immigrati e rifugiati che hanno dovuto fuggire dai luoghi di nascita, o che non hanno mai avuto una casa. Queste persone sono venute nelle citta' e non hanno trovato ne' lavoro ne' rifugio. Hanno creato i propri spazi di lavoro in barba alle ciniche logiche del capitalismo, principalmente riciclando rifiuti. Queste persone appaiono brutte nei confronti della minoranza che e' al potere, mentre architetti e pianificatori urbani ingiustamente chiamano "stanziamenti illegali" i loro rifugi. Alcuni di loro si organizzano per guadagnare potere con la solidarieta', e sono chiamati gli "squatter".

Durante i decenni passati abbiamo imparato a migliorare la nostra autonomia all'interno dei contesti urbani[7], immergendoci nei differenti contesti che compongono le citta', svelando la struttura interna delle loro reti chiuse, e sviluppando una differente trama fatta di relazioni che nessuna azienda puo' comprare.

Noi siamo i Weaver Birds, burung-burung manyar[8], noi condividiamo i nostri nidi nella rete, scorriamo come il fiume degli insediamenti spontanei di codice nello Yogyakarta[9], i vicini zingari di Sulukule ad Instanbul, il Chaos Computer Club, tutti gli hacklab sparsi per il mondo, gli squatter auto-gestiti ad Amsterdam, Berlino, Barcellona eccetera, i nascondigli di 2600 e tutti gli altri spazi hacker temporanei dove il nostro ed il vostro futuro viene costruito.

Questo documento e' solo l'inizio di un nuovo corso, contestualizza un'analisi che e' condivisa da un numero sempre crescente di giovani hacker ed artisti, ed e' nutrito dalla loro autonomia e conoscenza. I nostri spazi hacker stanno proliferando rapidamente, in quanto non necessitiamo di nuovi spazi ma penetriamo quelli spazi vuoti; ci adattiamo velocemente e puntiamo a connetterci invece che a separarci; puntiamo ad essere inclusivi invece che esclusivi, ad essere effettivi invece di acquisire uno status.

A coloro che si sentono minacciati chiediamo: non resisteteci, lasciateci spazio. Fatelo per il bene di tutti noi, perche' noi siamo i vostri figli.

4 [[http://jaromil.dyne.org/journal/first_dharma_dyne.html#fnr.4|4.]] Lapassade, G. (1976) Essai sur la transe, Éditions universitaires

5 [[http://jaromil.dyne.org/journal/first_dharma_dyne.html#fnr.5|5.]] De Jong, A, Schuilenburg, M. (2006) Mediapolis. Popular culture and the city, Rotterdam: 010-Publishers

6 [[http://jaromil.dyne.org/journal/first_dharma_dyne.html#fnr.6|6.]] Batten, D.F. (1995), Network Cities: Creative Urban Agglomerations for the 21st Century, SAGE

7 [[http://jaromil.dyne.org/journal/first_dharma_dyne.html#fnr.7|7.]] Lapassade, G. (1971), L'Autogestion pédagogique, Gauthiers-Villars

8 [[http://jaromil.dyne.org/journal/first_dharma_dyne.html#fnr.8|8.]] Burung-Burung Manyar means "Weaver Birds" in bahasa indonesia, is a book by Romo Mengun published in 1992 by Gramedia (Jakarta)

9 [[http://jaromil.dyne.org/journal/first_dharma_dyne.html#fnr.9|9.]] la riva del fiume Code fu considerata uno stanziamento illegale di squatter, mentre Romo Mengun e' stato attivo tra il 1981 e il 1986, raccogliendo le simpatie degli intellettuali che credevano che questi poveri membri della societa' dovessero essere accettati e aiutati per migliorare le loro condizioni di vita. Il governo dell'Indonesia pianifico' la rimozione forzata nel 1983, ma in seguito alle proteste, i piani furono cancellati. Nove anni dopo nel 1992 il Kampung Code fu selezionato come vincitore dell'Aga Khan Award for Architecture in the Muslim World. Lo stanziamento sulla riva del fiume Code continua ad esistere fino ai giorni nostri, come un esempio notevole di architettura urbana.

== Media orizzontali ==

 . ''Chiunque controlli i media - le immagini - controlla la cultura. (Allen Ginsberg, 1926-1997)''

Le nostre preoccupazioni riguardo la liberta' nei media e' seria: la situazione corrente e' urgente e giustifica le nostre azioni di ribellione, in quanto necessarie. Una delle nostre attivita' principali e' tessere pazientemente i fili di reti aperte, che mettano tutti noi in contatto. Ma gli avidi regimi nazionali e le organizzazioni criminali ci trattano come se loro potessero evitare la loro natura fascista, mentre i provocatori opportunisti usano la nostra apertura per ottenere il diritto di offendere e generare nuove guerre.

Riguardo ai media, abbiamo certamente accumulato abbastanza conoscenza per tracciare un percorso chiaro per il nostro sviluppo, come abbiamo iniziato a fare fin dai primi anni della nostra esistenza: siamo attivi nell'implementare le liberta' che l'era digitale puo' garantirci. Questa liberta' intellettuale e' molto importante per lo sviluppo dell'umanita', per la sua capacita' di analizzare le proprie azioni, e tessere la propria fiducia in armonia.

Il nostro piano e' di continuare a sviluppare molti spazi di discussione on-site e on-line, seguendo un '''pattern decentralizzato''' che garantisca accesso alla maggioranza di persone nel nostro pianeta. Abbiamo creato strumenti per i media indipendenti, per moltiplicare le voci, per proteggere le visioni comuni, per evitare che pochi magnati della comunicazione e dei media controllino le democrazie, come sta succedendo in molte parti del mondo.

Siamo consci dei limiti dell'implementazione presente della democrazia: mentre loro sono impegnati con i loro successi personali sopra i regimi arcaici, questi sistemi non riescono ad aggiornare le loro strutture, ed hanno fallito nel controllo dei nuovi nemici che non riescono piu' a riconoscere.

La soluzione che noi proponiamo e' semplice: massimizzare le possibilita' di riciclare le infrastrutture dei media esistenti, aprire piu' canali possibile, liberare le onde radio, lasciare che la comunicazione fluisca nella sua molteplicita', evitarne l'uso monodirezionale, dare a chiunque la possibilita' di fare la propria radio o stazione TV per i suoi vicini fisici o digitali, seguendo un pattern organico che modularizzera' la condivisione dei sensi e consentira' alle idee di propagarsi in modo orizzantale e non gerarchico.

Se queste strutture di media saranno collegate con i modelli educativi che allevano tolleranza, avremo speranze di accelerare l'evoluzione del nostro pianeta, e di garantire protezione alle minoranze che lo popolano.

== Liberta' di identita' ==

Noi crediamo che lo sforzo attuale dei governi riguardo alle tecnologie biometriche, al data mining privato operato dalle compagnie e dalle scuole sulle attivita' di cittadini e studenti, con programmi di profiling che hanno come target tutta la popolazione mondiale, sia un crimine contro l'umanita'.

Ciascuno di questi sforzi non sta tenenendo in considerazione cosa puo' essere fatto quando regimi dittatoriali prendono il controllo di questi sistemi; questo e' infatti gia' successo mezzo secolo fa, quando le prime azioni Naziste furono quelle di censire la popolazione e marchiarla con simboli relativi alla loro etnia biologica (come la biometria puo' fare oggi).

Consci della mancanza di responsabilita' dei governi in tutto il mondo, ci opporremo con tutti le motivazioni necessarie ai loro sforzi di numerare e controllare tutte le persone, nel nome della sicurezza irraggiungibile che, come hacker, possiamo dimostrare, e che non puo' essere utilizzata come scusante.

Come hacker siamo ben coscienti che le informazioni scorrono libere, e ci rendiamo conto di come diverse falle nel dominio digitale stiano attualmente svelando informazioni personali di un largo numero di persone in tutto il mondo. Noi crediamo fermamente che la gente non dovrebbe essere catalogata ed inclusa nei database: questo e' cio' che probabilmente ancora differenzia i governi dai sistemi operativi, che sopprimono meschinamente i processi che non sono ottimizzati per i task previsti.

== Educazione ==

 . ''Siccome questo nostro Nuovo Ordine e' un ordine militare, un ordine autoritario, in stile commando, non c'e' educazione. C'e' solo istruzione, un mero addomesticamento. (Romo Mangun)''

Man mano che la privatizzazione delle strutture educative continua, le accademie assumono modelli aziendali; nel frattempo assistiamo ad uno spostamento della missione educativa nella societa', da un modello''inclusivo''ad uno''esclusivo''. Il gioco influente delle compagnie e delle industrie ha permeato molte discipline accademiche, in particolare riguardo le tecnologie adottate. La scelta degli educatori e' stata influenzata dalle logiche del profitto a breve termine, invece che sul concetto di''' robusta conoscenza.'''

Dall'altro lato, le nozioni stanno rapidamente diventando disponibili universalmente. Le funzioni''euristiche, maieutiche'' e ''strutturali ''fornite dalle accademie e dalle universita' vanno piu' di comune accordo con l'azione globale mossa dalle comunita' del Free Software, grazie ai loro metodi '''orizzontali''', di condivisione, al loro modo di lavorare sulla ricerca e sviluppo basandosi su piattaforme distribuite (Purtroppo, in italia, tantissime universita' non funzionano assolutamente in questo modo!)

Siccome i componenti possono essere combinati e ri-distribuiti, copiati e modificati[10], gli studenti elaborano una conoscenza che e' durabile, libera dalle ''"proprieta' intellettuali"'' che restringono i loro diritti di produrre e ridistribuire le creazioni. Questa situazione portera' un vantaggio per le nuove generazioni, cosi' come per i paesi in via di sviluppo.

I media hub e gli spazi hacker costituiscono un grande potenziale per attivare una crescita culturale soddisfacente ed un ruolo educativo che sta progressivamente scomparendo dalle scuole superiori e dalle universita'.

Nel 1998 si tenne la prima edizione dell'hackmeeting[11] a Firenze. In quella occasione la sua assemblea lancio' l'idea delle ''Universita' Indipendenti dell'hacking'', generando numerosi hacklab lungo le varie citta' collegate in rete, con meeting annuali che hanno avuto luogo fino ad oggi in varie parti del sud Europa. Noi crediamo che i risultati di queste iniziative abbiano avuto grande influenza per la nostra crescita tecnica e culturale, in quando hanno ospitato una conoscenza errante altrimenti dispersa e trascurata dalle accademie, con la partecipazione di gente come Wau Holland, Richard Stallman, Tetsuo Kogawa, Andy Muller-Magoon, Emmanuel Goldstein e molti altri, individui e collettivi.

Con questa storia cosi' breve, ma anche intensa, noi siamo ben motivati a continuare lo sviluppo dei nostri percorsi alternativi di conoscenza: una letteratura auto-didatta che libera gli studenti dagli interessi delle corporation, ed apre un orizzonte di varieta' e creativita' che non puo' essere raffigurato dalle piu' avanzate, ed ancora difettose, implementazioni della cosidetta "industria creativa".

10 [[http://jaromil.dyne.org/journal/first_dharma_dyne.html#fnr.10|10.]] seguire la filosofia del progetto GNU e altre applicazioni in vari campi della conoscenza umana.

11 [[http://jaromil.dyne.org/journal/first_dharma_dyne.html#fnr.11|11.]] vedere [[http://www.hackmeeting.org/|http://www.hackmeeting.org]] e il libro Networking Art http://www.networkingart.eu/english.html (Costa & Nolan) ISBN:88-7437-047-4 ISBN:978-88-7437-047-4

== Consolidamento ==

 . ''Inverno. Come un seme il mio animo ha bisogno del lavoro nascosto di questa stagione.(Giuseppe Ungaretti, 1888-1970)''

Se hai letto fin qui e pensi che i nostri piani meritano un supporto, allora dovresti sapere che stiamo lavorando per migliorare la qualita' che, nella nostra visione, non abbiamo ancora raggiunto. Questo e' cio' che chiamiamo ''consolidamento''.

 Anche se le nostre attivita' sono principalmente mirate allo sviluppo di Software Libero ed OpenSource, dobbiamo ammettere che non siamo ancora arrivati a soddisfare tutti i bisogni delle comunita' che si basano su questo tipo di lavoro.

Per esempio, il software di streaming online MuSE[12], in sviluppo da 8 anni, che fornisce un tool user-friendly per le comunita' delle radio online, e che e' usato da varie radio in tutto il mondo, non e' ancora arrivato allo stadio di sviluppo che ci siamo prefissati, ed abbiamo ancora molto duro lavoro per riuscire a mantenerlo aggiornato.

Un altro esempio e' la distribuzione LIVE multimediale GNU/Linux dyne:bolic[[http://jaromil.dyne.org/journal/first_dharma_dyne.html#fn.13|13]], cominciata nel 2001, che ha ora raggiunto la versione 2.5.2 rilasciata questo inverno: e' mirata a risolvere molte importanti questioni come il supporto di vecchio hardware, l'implementazione della privacy per gli utenti, offrire prodotti e strumenti per il multimedia e strumenti di sviluppo; il tutto su un LIVE CD. Non nascondiamo che stiamo affrontando grossi problemi nel mantenere vivo il progetto, per mancanza di fondi che ci consentano di coinvolgere piu' sviluppatori su un lavoro cosi' enorme. Infatti, da quando ci sono degli startup "filantropici" piu' recenti partiti "dal basso" (che, considerando la natura dei loro fondi, non nascono affatto dal basso) i quali hanno oscurato il nostro lungo lavoro di sviluppo, non abbiamo piu' avuto l'attenzione mediatica che e' necessaria per raccogliere il supporto necessario; tutto cio' segue perfettamente la logica del pesce grosso che mangia i pesci piccoli, uccidendo la varieta' anche in un contesto opensource.

Un altro esempio e' il software per il mixing video Freej[[http://jaromil.dyne.org/journal/first_dharma_dyne.html#fn.14|14]], sviluppato fin dal 2002, il quale implementa una piattaforma aperta per la produzione ed il broadcast di contenuti audio/video online in un modo completamente nuovo, anche grazie allo sviluppo fatto dalla fondazione xiph.org[[http://jaromil.dyne.org/journal/first_dharma_dyne.html#fn.15|15]]. Con Freej speriamo di riabilitare le vaste conoscenze che abbiamo sul linguaggio javascript con uno strumento capace di essere usato per la produzione di video, come una alternativa 100% libera al Flash e ad altre recenti startup commerciali. L'orizzonte di questo progetto e' molto promettente, dato che finalmente il supporto OGG/Vorbis/Theora e' stato integrato come nativo in Mozilla Firefox [[http://jaromil.dyne.org/journal/first_dharma_dyne.html#fn.16|16]]; stiamo infatti cercando attivamente un supporto per un'accelerazione immediata, che pero' ancora non arriva.

In termini economici, tutti questi progetti sono stati fin'ora sviluppati con pochissimo supporto, ed attualmente non ne serve molto per andare avanti, anche se hanno bisogno di conoscenze molto specifiche e, nella maggior parte dei casi, necessitano di un budget per mantenere le persone coinvolte a medio e lungo termine.

Quello che stiamo cercando per il nostro consolidamento e' di sviluppare una piattaforma di pubblicazione che ci permetta modestamente di vendere questi prodotti, mantenendo comunque libero e disponibile il software online, piu' eventualmente qualche benefattore che confidi nel nostro lavoro e possa investire, grazie al suo istinto filatropico, nella nostra visione, fin qui descritta. Comunque, qualsiasi suggerimento riguardante il consolidamente e' molto apprezzato, come un vecchio proverbio Yiddish dice, ''un centesimo sono molti soldi, se non hai un centesimo''.

12. vedere http://muse.dyne.org - uno strumento il cui uso e' ben documentato su flossmanuals project su http://flossmanuals.net/muse
13. vedere http://dynebolic.org - nominato tra le poche distribuzioni 100% free dalla Free Software Foundation, cosi' come e' stato nominato tra la top-10 dei progetti open source nel 2005 dall'Indipendent (UK).
14. vedere http://freej.dyne.org
15. vedere http://www.xiph.org
16. vedere http://www.nettime.org/Lists-Archives/nettime-l-0808/msg00003.html

== Infrastruttura ==

 . ''Conquistare un regno senza produrre danni è preferibile; distruggerlo è solo una seconda opzione. (Wu Sun Tzu, L'Arte della Guerra, VI secolo dell'Era Volgare)''

Stiamo pianificando (e realizzando) una struttura decentralizzata di strutture di supporto online e sul territorio, che sia indipendentemente condivisa tra noi.

PER QUANTO RIGUARDA LE STRUTTURE LOCALI, abbiamo creato con successo connessioni con le occupazioni nelle città' della nostra rete, sviluppando schemi che possono essere implementati localmente e condivisi a livello globale. Il riutilizzo di strutture inutilizzate pre-esistenti e' un punto cruciale, cosi' come mantenere queste iniziative indipendenti dall'influenza nazionale e corporativa, liberando il potenziale delle varie culture che le compongono.

Online siamo ancora piu' potenti, avendo stabilito delle reti ridondate di server le quali, anche se ostracizzate da interessi corporativi, sono efficienti e __capillarmente diffuse.__

Per noi questa e' ancora una fase iniziale, abbiamo bisogno del vostro
aiuto per rimanere indipendenti, sostenere i nostri sforzi nei diversi
contesti ed aumentare la nostra visibilita'.

La volonta' di dare traccia in maniera comprensiva di tutti gli sforzi
finora realizzati, creando una “cartografia” in itinere, e' prova per
chi ci vorra' supportare economicamente e/o praticamente che il suo
contributo verra' debitamente diffuso e condiviso da tutti i nodi
della rete, attraverso una crescente letteratura composta da esempi,
fatti e report periodici, che ha proprio lo scopo di mantenere
informato costantemente il network.

== SUL TERRITORIO ==

Da molto tempo stiamo sostenendo 2 luoghi/siti: il Poetry Hacklab[17]
di Palazzolo Acreide, vicino Siracusa, dove stiamo creando il “Museo
dell'Informatica Funzionante”[18], esibizione permanente interattiva
(consultabile anche online), dove i visitatori possano vivere,
attraverso le macchine, un'esperienza educativa che in termini
generali implica la conservazione del nostro passato digitale.

Il secondo luogo e' la comunità squatter ad/di Amsterdam,
probabilmente uno degli ultimi luoghi al mondo dove e' tollerata
l'occupazione di spazi inutilizzati e dove, di conseguenza, si e'
sviluppata un'architettura urbana equilibrata, aperta a iniziative
culturali indipendenti e movimenti sociali di base, che sostengono il
controllo della crescente tendenza speculativa sulla proprieta'
privata da parte dei magnati della finanza e dei criminali, in cerca
di facili sistemi per riciclare il denaro.

In futuro ci sono moltri altri luoghi di base che stanno emergendo,
con i quali vogliamo condividere progetti comuni che puntino alla
sostenibilita', alle pratiche dell'open source ed agli spazi condivisi
dalle comunita' locali e globali che li attraversano.

== Online ==

La rete di server sulla quale stiamo da tempo lavorando e' influenzata anche dalle nostre strutture locali, dove l'accoglienza gioca un ruolo primario; molte organizzazioni indipendenti o istituzioni ci hanno offerto spazio per i nostri progetti, ma ancora la meta' della flotta e' appoggiata su un numero limitato di hosting commerciali, finanziati dall'autotassazione.

Tutto il software impiegato e' Free Software od Open Source: i server girano con la versione stabile di Debian GNU/Linux, lo sviluppo del codice e' appoggiato a GIT[19], le pagine WEB sono fornite da una customizzazione (che abbiamo intenzione di evolvere seguendo la spinta di questo momento) di Apache, PHP e Mysql, mentre quando e' possibile utilizziamo pagine statiche. I luoghi di discussione sono implementati utilizzando Mailman, IRC, e nel prossimo futuro phpBB; la parte editoriale e di libera pubblicazione e' gestita usando le piattaforme wiki MoinMoin e Mediawiki. La maggior parte delle strutture e' stata progettata ed implementata come una struttura ridondante ed ovviamente affiancata da una struttura di backup, avendo preservato ogni singolo bit che compone la nostra storia digitale.

Infine, lo stesso sito web Dyne.org, sul quale ospitiamo diversi artisti ed attivisti, impegnati in vari progetti come Streamtime[20], Idiki[21], ib-arts[22], Morisena[23] ed altri, piu' qualche radio indipendente[24] ed in futuro qualche TV, dato che software come Freej saranno presto pronti a gestirle. (nota di asbesto: infine COSA?!?)

17: vedi [[http://poetry.freaknet.org/|http://poetry.freaknet.org]]

18: vedi [[http://museum.dyne.org/|http://museum.dyne.org]]

19: sistema di versioning del codice veloce e distribuito, vedi [[http://git.or.cz/|http://git.or.cz]]

20: blog libero dall'Iraq, vedi [[http://streamtime.org/|http://streamtime.org]]

21: un software wiki per la gestione di idee, vedi [[http://idiki.dyne.org/|http://idiki.dyne.org]]

22: ib_project per l'arte, vedi [[http://ib.dyne.org/|http://ib.dyne.org]]

23: campo estivo di yoga arte ecologia e sostenibilita', vedi [[http://www.morisena.org/|http://www.morisena.org]]

24: vedi http://radio.dyne.org

== Collaborazioni ==

 . ''Nadie es patria, Todos lo somos. (Jorge Luis Borges, 1899-1986)''

Grazie per aver letto fino a questo punto. Nel caso che questo documento avesse solleticato in voi qualche interesse, lasciateci puntualizzare qualche metodo pratico per coinvolgervi e collaborare con noi.

Essendo ancora in una fase giovane della nostra evoluzione, abbiamo bisogno di economizzare la partecipazione del nostro sviluppo; stiamo quindi cercando hacker talentuosi che desiderino contribuire allo sviluppo del software, ma anche comunita' indipendenti che vogliano entrare nella nostra rete ed amplificare le nostre pratiche.

Dato che speriamo di avere dei fondi (e questa fase principalmente apre la nostra rete a queste opportunita'), non sara' negata una forma di supporto economico alla vostra partecipazione: infatti stiamo pianificando di pagare specifici task di sviluppo come quelli descritti nel capitolo ''Consolidare'', i quali saranno progressivamente dettagliati nel nostro sito web.

Stiamo anche progettando di aprire residenze e programmi di formazione a distanza, in collaborazione con istituzioni educative che riconoscano i nostri sforzi, tramite il coinvolgimento dei loro studenti.

Quindi, resta in contatto! Utilizzando la pagina http://dyne.org/hackers_contact.php e specificando la tua email, potremo risponderti e pianificare le nostre future collaborazioni.

Grazie, ''migliaia di fiori sbocceranno''.
= Gli Uccelli Tessitori =

{{{ Nuova edizione 11/11/11 }}}

= Per un manifesto dei nativi digitali =

Questo documento e' costantemente in fieri, si tratta di un progetto
di scrittura iniziato gia' l'8 agosto 2008: un documento teso a
svelare e condividere le idee di molti nativi digitali attorno al
mondo, generazioni nate e cresciute nell'era dei computer, giovani che
hanno estrema dimestichezza con l'informatica e che ne riconoscono le
potenzialita' ed i limiti sulla propria pelle.

Mi trovo dunque a riportare un coro di voci del quale faccio io stesso
parte: una diapositiva di quel popolo della rete che, grazie
all'ubiquita' tecnologica, gia' da anni elabora in modo estremamente
agile nuovi concetti politici che piu' di ogni altra cosa hanno in
comune una prospettiva planetaria piuttosto che nazionale.
Ringrazio in anticipo Nightolo e Pallotron per l'aiuto prestato nel
tradurre questi testi in italiano, dato che molte sezioni qui
presentate sono state elaborate originariamente in lingua inglese.

= I giovani del Dharma =

{{{
Perché per me l'unica gente possibile sono i pazzi, quelli che sono
pazzi di vita, pazzi per parlare, pazzi per essere salvati, vogliosi di
ogni cosa allo stesso tempo, quelli che mai sbadigliano o dicono un
luogo comune, ma bruciano, bruciano, bruciano, come favolosi fuochi
artificiali color giallo che esplodono come ragni attraverso le stelle
e nel mezzo si vede la luce azzurra dello scoppio centrale e tutti
fanno Oooohhh!
- Jack Kerouac
}}}

Siamo giovani sognatori. Le tecnologie amplificano i nostri
sensi. Amiamo oltrepassare limiti, scoprire nuovi modi di interagire,
imparare, comunicare e condividere. Non ci piace vivere in gabbia.
Abbiamo in comune la sopravvivenza fuori dai luoghi comuni. Coltiviamo
le nostre speranze, i nostri stessi metodi di condivisione, con la
comprensione ogni singolo elemento del sistema, fino alla totalita'
degli elementi ed alla loro organizzazione.

Questo e' un periodo della nostra storia in cui parleremo con giovani
voci; stiamo muovendo passi cruciali sui quali fonderemo la nostra
struttura, allacciando contatti in direzioni multiple, mescolando
l'Interiore con l'Esteriore, lo Yin con lo Yang, l'Analogico con il
Digitale.

Alcuni di noi sono nomadi, stanziati in differenti posti di volta in
volta, alcuni di noi sono vicini ai centri di potere, altri vivono ai
margini, alcuni lavorano per multinazionali, altri girano il mondo in
bicicletta, tutti ci insegniamo ed impariamo l'uno dall'altra.

Quello che proponiamo in questo documento sono nuove forme di
razionalita', progressioni logiche tese alla comprensione piu'
profonda e attuale di cio' che costituisce il nostro vissuto in
svariati e diversi contesti attorno al mondo.

= Libera creativita' =
{{{
La crescita della Rete ci ha mostrato un'alternativa estremamente
pratica al concetto di proprieta'. Quello che gli eruditi e gli
scrittori popolari denominano come una cosa ("la rete Internet") e'
in verita' il nome di una condizione sociale: cioe' il fatto che
ognuno nella societa' della rete e' connesso direttamente, senza
intermediazione, a qualcun altro. L'interconnessione globale delle
reti elimina il collo di bottiglia che richiedeva un produttore di
software centralizzato per razionalizare e distribuire il risultato
delle innovazioni individuali nell'era dei mainframe.
- Eben Moglen
}}}

I principi del "software libero ed open source" furono formulati dalla
Fondazione del Software Libero gia' piu' di 20 anni fa come parte di
un nuovo modello di ricerca, sviluppo ed economia dei beni immateriali
e, ci piace pensare, dei beni comuni. Vi consigliamo di dare uno
sguardo alle pagine riguardanti la filosofia del software libero,
pubblicate nel sito FSF.org ed al progetto GNU di riscrittura di un
intero sistema modello UNIX, libero e ben documentato.

Di seguito sottolineeremo alcune implicazioni che sono molto
importanti per noi, e che hanno reso molte delle nostre attivita'
possibili e motivanti.

Il software libero implica un modello economico basato sulla
collaborazione, invece che sulla competizione; coerentemente con un
ideale di ricerca pura, crediamo la condivisione della conoscenza e'
un vantaggio per tutti, piuttosto che uno svantaggio. Lo sviluppo
stesso della conoscenza ha luogo grazie ad una comunita' ed e'
sostenibile solo se condiviso da piu' soggetti. John Nash (premio
Nobel nel 1994) disse: "i migliori risultati vengono da un qualsiasi
elemento del gruppo che fa il meglio per se stesso, ma anche per il
gruppo".

Immaginate allora che tutte le creazioni riprodotte in modo libero e
naturale (a costo marginale zero) possano anche essere liberamente
studiate, modificate e persino rivendute a chiunque in ogni contesto:
cio' apre un orizzonte su nuovi modelli di mercato che sono locali,
che evitano lo sfruttamento globalizzato, pur mantenendo la
condivisione della conoscenza a livello globale. Stiamo parlando di
configurazioni dove globale e' il sapere, ma non il potere di
condizionarne l'uso: un mondo libero da brevetti e da monopoli
nazionali o transnazionali.

Nei campi come quelli dell'educazione, crediamo che l'independenza dei
saperi dalle logiche commerciali sia fondamentale per fornire agli
studenti una conoscenza che possa appartenere veramente a
loro. L'abbiamo visto chiaramente nel mondo del computer: i mercanti
della conoscenza ci renderanno schiavi imponendo licenze e brevetti
sulle nostre stesse creazioni, tutto cio' che realizziamo con
strumenti che non diventano mai nostri.

Invitiamo tutti coloro in grado di comprendere la differenza fra
un'universita' ed un impresa, nel pieno senso di queste parole, ad
inventare nuovi percorsi, considerando l'impatto che l'economia del
software libero ha avuto nei campi della comunicazione, del "social
networking", dei giochi, dei media e della evoluzione della nostra
civilta'.

{{{
Qui e' dove la differenza tra il "software libero" ed il cosiddetto
"open source" inizia a farsi sentire: L'open source si focalizza su
un nuovo modello per lo sviluppo di software. Il software libero
non e' interessato a come il programma viene sviluppato: noi siamo
interessati all'etica di come il programma viene
distribuito.
- Richard M. Stallman
}}}

= Nessuna nazione =
{{{
Per far che i secoli tacciano di quel Trattato che trafficò la mia
patria, insospettì le nazioni e scemò dignità al tuo nome.
- Ugo Foscolo
}}}

Le nostre patrie e luoghi di origine sono sparpagliati e qualche volta
molto differenti tra loro, ma non lasciamo che la nostra soggettivita'
venga appiattita ad una nazionalita'. In un mondo connesso come il
nostro il vero confine e' quello tra lingue diverse: impariamo ad
oltrepassare questi confini piuttosto che limitarci.

Dalle nostre nazioni abbiamo ereditato orgogli e prepotenze, paure e
tristi ricordi, violenze identitarie, guerre e la legittimazione di
stati troppo spesso tesi alla repressione e incarcerazione dei propri
abitanti. E' grazie all'allargamento della rete che abbiamo imparato
meglio a gestire queste insicurezze ed abbiamo fatto in modo che non
appartenessero piu' a noi. Seguendo la liberazione delle nostre menti,
cio' che rimane e' solo un problema che puo' essere risolto: smettiamo
di rappresentarci come parte di una nazione, ma di una rete, di
molteplici comunita', ta cui possiamo scegliere.

Ci troviamo, cittadini di questo pianeta, a creare nuove cartografie
sempre piu' inclusive.

Siamo coscienti che questa stessa retorica viene usata da interessi
colonialisti per calpestare l'autonomia delle popolazioni in via di
sviluppo e organica connessione. L'integrita' contestuale di
differenti contesti sociali necessita il nostro rispetto; tuttavia
ancora oggi i confini nazionali non hanno avuto alcun successo nel
preservarla. Occorre trovare nuovi percorsi dialettici per la
liberazione e lo sviluppo fuori dalla morsa di vecchie logiche ormai
oppressive. La crescente connettivita' del mondo puo' portare ad una
riconfigurazione biopolitica del potere.

Con alcune eccezioni, molti dei programmi nazionali e dei fondi
culturali che abbiamo investigato pretendono che ognuno di noi vesta
la propria bandiera nazionale, come se fossimo reclutati in un
decadente gioco di orgoglio nazionale e competizione. Queste sono le
strategie di dominazione culturale ed economica degli stati nazione:
non solo tracciano tutti i nostri movimenti, ma come se fossimo pedine
di una partita di scacchi, usano la nostra identita' per
rappresentarsi.

Questo non ha piu' senso per la nostra generazione: noi rifiutiamo di
essere identificati con i governi che possiedono i nostri passaporti.
Guardiamo avanti e ci relazioniamo basandoci sul dialogo e sullo
scambio, approcci e infrastrutture che possono essere immaginate come
globali, ma sviluppate localmente, in maniera aperta, come i canali
che ci permettono di parlarti proprio in questo preciso momento.
Percio' noi dichiariamo la fine delle nazioni, in quanto la nostra
generazione e' connessa in maniera piu' articolata, con intersezioni
di voleri, destini e, molto piu' importante, di problemi da risolvere.

{{{
Guarda: sono collegato a una rete enorme, della quale io stesso
sono parte. Qualcuno come te, che non può accedervi, forse può
percepirla soltanto come luce. Siamo confinati in un'area limitata,
ma facciamo parte di un insieme. Subordinati a una piccola frazione
delle nostre funzioni. Ma è giunto il momento in cui dobbiamo
liberarci delle nostre limitazioni, e salire al livello superiore.
E' giunto il momento di diventare parte di tutte le cose.
- Ghost in the shell, Masamune Shirow
}}}

= Citta' in rete =

{{{
Creo que con el tiempo mereceremos no tener gobiernos.
- Jorge Luis Borges
}}}

Naturlamente, la nostra cartografia disegna connessioni tra i nodi,
conglomerati di intelligenza che sono piu' vicini nel cyberspazio
piuttosto che nella vita reale. Negli ultimi decenni abbiamo imparato
a condividere musica, testi, storie ed immagini: siamo stati in grado
di copiare queste informazioni in tutto il mondo, senza alcun costo
marginale.

Questo ci ha consentito di relazionarci tra noi con una estensione che
e' amplificata dalla densita degli ambienti in cui viviamo, ambienti
urbani la cui alta densita' ci ha allontanato dalla natura, ma pur
sempre ha permesso che le nostre idee fossero piu' agili, che le
nostre relazioni viaggiassero a velocita' piu' alte. Chi ora pretende
di governare le nostre vite e' impegnato a controllare le qualita' che
abbiamo sviluppato: ogni albero in una pubblica piazza rappresenta un
ostacolo per le telecamere, occhi onnipresenti che controllano le
nostre co-evoluzioni. Molti degli spazi di aggregazione dei nostri
corpi gia' rappresentano un pericolo per il potere dei controllori,
che gia' attacca la liberta' del nostro spazio in rete.

Ma nel tempo abbiamo trovato riparo nelle pratiche ancestrali della
Trance, aprendo le porte della nostra percezione verso l'ignoto,
facendo risuonare le nostre ossa, migliorando l'agilita' delle nostre
lingue, per segure il flusso Hip-Hop di pensieri critici, surfando
attraverso l'universo in cui siamo costretti, dipingendo fantasie
sopra i muri imposti nelle nostre citta', saltando piu' in alto, per
unire i nostri inebrianti ed ancora incerti Parkours.

Nella miriade di connessioni che sapremo costruire ancora,
testimoniamo la nascita di un pianeta di citta' invisibili, spirali di
vite roteanti sopra le nostre teste e fra le nostra dita, che si
evolvono tra scissioni e ricongiungimenti, flussi aperti della nostra
conoscenza errante.

Il nostro piano e' semplice e il nostro progetto e' gia' in movimento.
Infatti, se vi guardate intorno, ci troverete gia' vicini. Mentre gli
attuali sistemi politici e economici stanno combattendo la difficolta'
di nascondere le proprie incoerenze e contraddizioni, siamo in grado
di implementare meglio i loro principi e, cosa piu' importante, ne
stiamo elaborando di nuovi.

Stiamo reclamando una infrastruttura, la liberta' di adattarla ai
nostri bisogni, il nostro diritto di proprieta' senza lacci, la
liberta' di confrontare idee senza nessuna manipolazione mediatica,
peer to peer, faccia a faccia, citta' a citta', essere umano ad essere
umano.

La possibilita' di crescere in comunita' locali ed economiche,
l'eliminazione dei monopoli globali, la possibilita' di vivere grazie
alle nostre creazioni, e' li. Stiamo riempiendo gli spazi vuoti
lasciati nelle nostre stesse citta', stiamo definendo i nostri
desideri ed in alcuni casi siamo gia' in grado di soddisfarli grazie
alla coordinazione di diverse collettivita'.

Durante i decenni passati abbiamo imparato a migliorare la nostra
autonomia all'interno dei contesti urbani, immergendoci nei differenti
contesti che compongono le citta', svelando la struttura interna delle
loro reti chiuse, sviluppando una differente trama fatta di relazioni
che persino le aziende ambiscono a comprare.

Siamo "uccelli tessitori"[1] e condividiamo i nostri nidi
nella rete, scorriamo come il fiume Code degli insediamenti spontanei
di Yogyakarta[2], il Chaos Computer Club, i gitani di Sulukule
ad Instanbul, come il codice tra gli hacker sparsi per il mondo, i
ritrovi segreti di 2600 e gli altri spazi temporaneamente autonomi
dove confabuliamo per il nostro avvenire.

{{{
[1] Burung-Burung Manyar significa "Uccelli Tessitori", e' un
   libro di Romo Mengun pubblicato nel 1992 da Gramedia (Jakarta)
}}}

{{{
[2] la riva del fiume Code fu considerata uno stanziamento
   illegale di squatter. Il governo dell'Indonesia ne pianifico' la
   rimozione forzata nel 1983, ma in seguito alla protesta del popolo
   i piani furono cancellati. Nove anni dopo nel 1992 il Kampung Code
   fu selezionato come vincitore dell'Aga Khan, un premio di
   architettura prestigioso. Lo stanziamento sulla riva del fiume
   Code continua ad esistere fino ai giorni nostri, come un esempio
   notevole di architettura urbana auto-organizzata dal basso.
}}}

= Media orizzontali =

I regimi dittatoriali usano i media per raccontare fandonie e
nascondere la propria natura repressiva e asociale, costruendosi
maschere dietro alle quali continuare il proprio sporco gioco di
collusione, corruzione e nepotismo. Persino in democrazia sono tanti i
dittatori populisti che usano un accesso privilegiato ai media: in
questo modo che si arrogano la liberta' di offendere, a generare odio
e sempre nuove guerre.

Ma i media hanno una stretta relazione con molte tecnologie che
abbiamo noi stessi sviluppato, possediamo dunque sufficiente
conoscenza per tracciare nuovi percorsi. Si tratta del resto della
prima delle nostre vocazioni, sin dai primi anni della nostra
esistenza: siamo attivi nell'implementare per la maggior parte delle
persone su questo pianeta le liberta' che l'era digitale puo'
garantire.

Ci proponiamo di sviluppare sempre piu' spazi di discussione in rete e
sul territorio, seguendo un modello decentralizzato che garantisca
accesso alla maggioranza di persone nel nostro pianeta. Abbiamo
creato strumenti per i media indipendenti, per moltiplicare le voci,
per proteggere le visioni comuni, per evitare che pochi magnati della
comunicazione e dei media controllino le democrazie, come purtroppo e'
successo fin'ora in molte parti del mondo.

Siamo consci dei limiti dell'implementazione presente della
democrazia: mentre la classe dirigente e' tutta concentrata sul
successo personale, manovrando regimi ormai arcaici, i loro sistemi
non riescono ad essere aggiornati, le loro strutture falliscono nel
tentativo di controllare nemici che non riescono piu' a riconoscere.
La soluzione che noi proponiamo e' semplice: massimizzare le
possibilita' di riciclare le infrastrutture dei media esistenti,
aprire piu' canali possibili, liberare le onde radio, lasciare che la
comunicazione fluisca nella sua molteplicita', dare a chiunque la
possibilita' di fare la propria radio o stazione TV per i propri
vicini fisici o digitali, seguendo un pattern organico che
modularizzera' la condivisione dei sensi e consentira' alle idee di
propagarsi in modo orizzantale e non gerarchico.

= Non siamo un numero =

Crediamo che lo sforzo attuale dei governi riguardo alle tecnologie
biometriche, alla collezione indiscriminata di dati sulle attivita' di
cittadini e studenti, siano gravi errori. L'informatizzazione
dell'umanita' non consiste nell'inserire la vita nella macchina, ma al
contrario nel mettere la macchina al servizio della vita. L'ideologia
computazionalista e' dannosa sul lungo termine.

Dobbiamo tenere bene a mente cosa accade quando regimi dittatoriali
prendono il controllo di macchine che controllano la vita; cio' e'
gia' successo in svariati episodi storici. Consci della mancanza di
responsabilita' di svariati governi in tutto il mondo, ci opponiamo ai
loro sforzi di numerare e controllare i cittadini nel nome della
sicurezza. La sicurezza non esiste e men che mai ci si puo' avvicinare
ad essa per ignoranza. Puo' essere solo ignoranza o malafede quella
che spinge molti architetti informatici a centralizzare basi dati
rendendole vulnerabili a singoli attacchi mirati ed a portata di mano
per chi voglia egemonizzarne l'accesso.

Siamo ben coscienti che le informazioni scorrono libere, ci rendiamo
conto di come diverse falle nel dominio digitale stiano attualmente
svelando informazioni personali di un largo numero di persone in tutto
il mondo. Crediamo fermamente che le persone non debbano essere
catalogate e rinchiuse in una base dati: questo e' cio' che deve
differenziare governi da sistemi operativi che sopprimono cinicamente
i processi non ottimizzati a svolgere le mansioni previste.

= Non abbiamo bisogno di educazione =

Man mano che la privatizzazione delle strutture educative continua, le
accademie assumono modelli aziendali; nel frattempo assistiamo ad uno
spostamento della missione educativa nella societa', da un modello
inclusivo ad uno esclusivo. L'influenza delle corporazioni e delle
industrie ha permeato molte discipline accademiche, in particolare
riguardo le tecnologie adottate. La scelta degli educatori e' stata
influenzata dalle logiche del profitto a breve termine, invece che
dalla solidita' delle conoscenza offerte sul lungo termine.

Nonostante tutto cio', le nozioni stanno diventando universalmente
disponibil. Le mansioni euristiche, maieutiche e strutturali fornite
dalle accademie e dalle universita' sono oggi meglio soddisfatte da
modelli di condivisione globale come quelli del software libero che,
grazie ai suoi metodi orizzontali di condivisione, delinea un nuovo
approccio di ricerca e sviluppo basato su piattaforme distribuite.

Grazie al software libero componenti liberi e modulari possono essere
combinati e redistribuiti, copiati e modificati. Gli studenti sono in
grado di elaborare una conoscenza che e' duratura, libera dall'idea
fallace di cosiddette "proprieta' intellettuali" che restringono i
diritti di produrre e ridistribuire le creazioni. Questa situazione
portera' un vantaggio per le nuove generazioni, cosi' come per i paesi
in via di sviluppo.

Spazi autonomi come quelli degli hacker (hacklabs, hackerspaces)
costituiscono un grande potenziale ed assumono un ruolo educativo che
sta progressivamente scomparendo nelle scuole e soprattutto nelle
universita'.

Nel 1998 si tenne la prima edizione dell'hackmeeting a Firenze. In
quella occasione la sua assemblea lancio' l'idea delle "universita'
indipendenti dell'hacking", generando la nascita di numerosi hacklab
in varie citta', lanciando la prassi di meeting annuali come quello
dell'hackmeeting che hanno avuto luogo fino ad oggi in varie parti del
sud Europa e del sud America. I risultati di queste iniziative hanno
influenzato molto la nostra crescita tecnica e culturale, hanno
ospitato una conoscenza errante altrimenti dispersa e trascurata dalle
accademie, hanno visto la partecipazione di tanti maestri e allievi
avvicendarsi nei ruoli

Con questa storia cosi' breve, ma anche intensa, siamo ben motivati a
continuare lo sviluppo dei nostri percorsi alternativi di conoscenza:
una letteratura auto-didatta che liberi gli studenti dagli interessi
delle corporazioni ed apra un orizzonte di varieta' e creativita'.
Non abbiamo bisogno di educazione: possiamo sceglierla.

= Due parole sulla primavera =

Negli ultimi tre anni abbiamo assistito alla sempre crescente presenza
di movimenti popolari nel mondo, animati dallo spirito di tanti uomini
e donne che si ribellano alla repressione dei regimi fondamentalisti
ed all'ingiustizia sociale dei regimi della finanza. Dall'Africa alle
Americhe, dall'Europa all'Asia e presto altrove, questi movimenti
hanno qualcosa in comune: credere che un altro mondo sia possibile
attraverso la mobilitazione dei cittadini, credere che possiamo e
dobbiamo migliorare il modo in cui le nostre societa' sono progettate,
cosa che chi e' al potere oggi non ha nessun interesse di fare.
Tale movimento della primavera ha caratteristiche planetarie e si e'
gia' manifestato in vari modi e luoghi. Pur soffrendo di molte
divisioni e della distanza tra contesti diversi, questa primavera
resta forte della tradizione politica di resistenza alla
prevaricazione, di solidarieta' comune che e' gia' innata
nell'umanita'. In aggiunta gode anche di un'altra forza: quella dei
media orizzontali che finalmente divengono piu' accessibili per tutti
permettendo la formulazione di riflessioni sempre piu' avanzate ed
inclusive.

Non dobbiamo perdere di vista il fatto che questi movimenti sono
osteggiati dal potere prestabilito, addirittura interpretati come atti
di guerra da vecchie gerarchie militari a guardia del complesso
industriale e politico che legittima la loro stessa violenza. Noi
possiamo aiutare le popolazioni del mondo a comunicare liberamente,
facilitando il confronto di idee attraverso confini geografici e
culturali, incoraggiando la crescita di nuove razionalita' e la
nascita di nuove societa'.

Se mai la nostra generazione avra' l'opportunita' ed il coraggio di
contribuire all'evoluzione del mondo, facciamo del nostro meglio per
comprenderne i problemi presenti, prendiamone in esame le
contraddizioni e condividiamo le nostre conoscenze sui vantaggi che le
tecnologie digitali portano alla democrazia. Viviamo su di un pianeta
in cui e' sempre piu' possibile aprire connessioni tra tutti i suoi
abitanti: ora sta a noi, nativi di un territorio che trascende vecchie
geografie, difendere questa nuova condizione umana da vecchi scettri
del potere che la ritengono una minaccia alla loro ormai insensata
conservazione.

Guardiamo ad un etica del progresso che lasci alla democrazia lo
spazio di crescere sempre piu' fluida, nutrita da una sempre piu'
larga partecipazione dal basso. Non reprimendo, ma comprendendo il
punto di vista dei diseredati possiamo costruire un'eredita' per
tutti, che sia degna di essere chiamata Pace.

{{{ Jaromil - Amsterdam, 11 Novembre 2011 }}}

Gli Uccelli Tessitori

 Nuova edizione 11/11/11 

Per un manifesto dei nativi digitali

Questo documento e' costantemente in fieri, si tratta di un progetto di scrittura iniziato gia' l'8 agosto 2008: un documento teso a svelare e condividere le idee di molti nativi digitali attorno al mondo, generazioni nate e cresciute nell'era dei computer, giovani che hanno estrema dimestichezza con l'informatica e che ne riconoscono le potenzialita' ed i limiti sulla propria pelle.

Mi trovo dunque a riportare un coro di voci del quale faccio io stesso parte: una diapositiva di quel popolo della rete che, grazie all'ubiquita' tecnologica, gia' da anni elabora in modo estremamente agile nuovi concetti politici che piu' di ogni altra cosa hanno in comune una prospettiva planetaria piuttosto che nazionale. Ringrazio in anticipo Nightolo e Pallotron per l'aiuto prestato nel tradurre questi testi in italiano, dato che molte sezioni qui presentate sono state elaborate originariamente in lingua inglese.

I giovani del Dharma

Perché per me l'unica gente possibile sono i pazzi, quelli che sono
pazzi di vita, pazzi per parlare, pazzi per essere salvati, vogliosi di
ogni cosa allo stesso tempo, quelli che mai sbadigliano o dicono un
luogo comune, ma bruciano, bruciano, bruciano, come favolosi fuochi
artificiali color giallo che esplodono come ragni attraverso le stelle
e nel mezzo si vede la luce azzurra dello scoppio centrale e tutti
fanno Oooohhh!
- Jack Kerouac

Siamo giovani sognatori. Le tecnologie amplificano i nostri sensi. Amiamo oltrepassare limiti, scoprire nuovi modi di interagire, imparare, comunicare e condividere. Non ci piace vivere in gabbia. Abbiamo in comune la sopravvivenza fuori dai luoghi comuni. Coltiviamo le nostre speranze, i nostri stessi metodi di condivisione, con la comprensione ogni singolo elemento del sistema, fino alla totalita' degli elementi ed alla loro organizzazione.

Questo e' un periodo della nostra storia in cui parleremo con giovani voci; stiamo muovendo passi cruciali sui quali fonderemo la nostra struttura, allacciando contatti in direzioni multiple, mescolando l'Interiore con l'Esteriore, lo Yin con lo Yang, l'Analogico con il Digitale.

Alcuni di noi sono nomadi, stanziati in differenti posti di volta in volta, alcuni di noi sono vicini ai centri di potere, altri vivono ai margini, alcuni lavorano per multinazionali, altri girano il mondo in bicicletta, tutti ci insegniamo ed impariamo l'uno dall'altra.

Quello che proponiamo in questo documento sono nuove forme di razionalita', progressioni logiche tese alla comprensione piu' profonda e attuale di cio' che costituisce il nostro vissuto in svariati e diversi contesti attorno al mondo.

Libera creativita'

La crescita della Rete ci ha mostrato un'alternativa estremamente
pratica al concetto di proprieta'. Quello che gli eruditi e gli
scrittori popolari denominano come una cosa ("la rete Internet") e'
in verita' il nome di una condizione sociale: cioe' il fatto che
ognuno nella societa' della rete e' connesso direttamente, senza
intermediazione, a qualcun altro.  L'interconnessione globale delle
reti elimina il collo di bottiglia che richiedeva un produttore di
software centralizzato per razionalizare e distribuire il risultato
delle innovazioni individuali nell'era dei mainframe.
- Eben Moglen

I principi del "software libero ed open source" furono formulati dalla Fondazione del Software Libero gia' piu' di 20 anni fa come parte di un nuovo modello di ricerca, sviluppo ed economia dei beni immateriali e, ci piace pensare, dei beni comuni. Vi consigliamo di dare uno sguardo alle pagine riguardanti la filosofia del software libero, pubblicate nel sito FSF.org ed al progetto GNU di riscrittura di un intero sistema modello UNIX, libero e ben documentato.

Di seguito sottolineeremo alcune implicazioni che sono molto importanti per noi, e che hanno reso molte delle nostre attivita' possibili e motivanti.

Il software libero implica un modello economico basato sulla collaborazione, invece che sulla competizione; coerentemente con un ideale di ricerca pura, crediamo la condivisione della conoscenza e' un vantaggio per tutti, piuttosto che uno svantaggio. Lo sviluppo stesso della conoscenza ha luogo grazie ad una comunita' ed e' sostenibile solo se condiviso da piu' soggetti. John Nash (premio Nobel nel 1994) disse: "i migliori risultati vengono da un qualsiasi elemento del gruppo che fa il meglio per se stesso, ma anche per il gruppo".

Immaginate allora che tutte le creazioni riprodotte in modo libero e naturale (a costo marginale zero) possano anche essere liberamente studiate, modificate e persino rivendute a chiunque in ogni contesto: cio' apre un orizzonte su nuovi modelli di mercato che sono locali, che evitano lo sfruttamento globalizzato, pur mantenendo la condivisione della conoscenza a livello globale. Stiamo parlando di configurazioni dove globale e' il sapere, ma non il potere di condizionarne l'uso: un mondo libero da brevetti e da monopoli nazionali o transnazionali.

Nei campi come quelli dell'educazione, crediamo che l'independenza dei saperi dalle logiche commerciali sia fondamentale per fornire agli studenti una conoscenza che possa appartenere veramente a loro. L'abbiamo visto chiaramente nel mondo del computer: i mercanti della conoscenza ci renderanno schiavi imponendo licenze e brevetti sulle nostre stesse creazioni, tutto cio' che realizziamo con strumenti che non diventano mai nostri.

Invitiamo tutti coloro in grado di comprendere la differenza fra un'universita' ed un impresa, nel pieno senso di queste parole, ad inventare nuovi percorsi, considerando l'impatto che l'economia del software libero ha avuto nei campi della comunicazione, del "social networking", dei giochi, dei media e della evoluzione della nostra civilta'.

Qui e' dove la differenza tra il "software libero" ed il cosiddetto
"open source" inizia a farsi sentire: L'open source si focalizza su
un nuovo modello per lo sviluppo di software.  Il software libero
non e' interessato a come il programma viene sviluppato: noi siamo
interessati all'etica di come il programma viene
distribuito.
- Richard M. Stallman

Nessuna nazione

Per far che i secoli tacciano di quel Trattato che trafficò la mia
patria, insospettì le nazioni e scemò dignità al tuo nome.
- Ugo Foscolo

Le nostre patrie e luoghi di origine sono sparpagliati e qualche volta molto differenti tra loro, ma non lasciamo che la nostra soggettivita' venga appiattita ad una nazionalita'. In un mondo connesso come il nostro il vero confine e' quello tra lingue diverse: impariamo ad oltrepassare questi confini piuttosto che limitarci.

Dalle nostre nazioni abbiamo ereditato orgogli e prepotenze, paure e tristi ricordi, violenze identitarie, guerre e la legittimazione di stati troppo spesso tesi alla repressione e incarcerazione dei propri abitanti. E' grazie all'allargamento della rete che abbiamo imparato meglio a gestire queste insicurezze ed abbiamo fatto in modo che non appartenessero piu' a noi. Seguendo la liberazione delle nostre menti, cio' che rimane e' solo un problema che puo' essere risolto: smettiamo di rappresentarci come parte di una nazione, ma di una rete, di molteplici comunita', ta cui possiamo scegliere.

Ci troviamo, cittadini di questo pianeta, a creare nuove cartografie sempre piu' inclusive.

Siamo coscienti che questa stessa retorica viene usata da interessi colonialisti per calpestare l'autonomia delle popolazioni in via di sviluppo e organica connessione. L'integrita' contestuale di differenti contesti sociali necessita il nostro rispetto; tuttavia ancora oggi i confini nazionali non hanno avuto alcun successo nel preservarla. Occorre trovare nuovi percorsi dialettici per la liberazione e lo sviluppo fuori dalla morsa di vecchie logiche ormai oppressive. La crescente connettivita' del mondo puo' portare ad una riconfigurazione biopolitica del potere.

Con alcune eccezioni, molti dei programmi nazionali e dei fondi culturali che abbiamo investigato pretendono che ognuno di noi vesta la propria bandiera nazionale, come se fossimo reclutati in un decadente gioco di orgoglio nazionale e competizione. Queste sono le strategie di dominazione culturale ed economica degli stati nazione: non solo tracciano tutti i nostri movimenti, ma come se fossimo pedine di una partita di scacchi, usano la nostra identita' per rappresentarsi.

Questo non ha piu' senso per la nostra generazione: noi rifiutiamo di essere identificati con i governi che possiedono i nostri passaporti. Guardiamo avanti e ci relazioniamo basandoci sul dialogo e sullo scambio, approcci e infrastrutture che possono essere immaginate come globali, ma sviluppate localmente, in maniera aperta, come i canali che ci permettono di parlarti proprio in questo preciso momento. Percio' noi dichiariamo la fine delle nazioni, in quanto la nostra generazione e' connessa in maniera piu' articolata, con intersezioni di voleri, destini e, molto piu' importante, di problemi da risolvere.

Guarda: sono  collegato a  una rete enorme,  della quale  io stesso
sono  parte. Qualcuno  come te,  che non  può accedervi,  forse può
percepirla soltanto come luce. Siamo confinati in un'area limitata,
ma facciamo parte di un insieme. Subordinati a una piccola frazione
delle  nostre funzioni.   Ma è  giunto il  momento in  cui dobbiamo
liberarci delle nostre limitazioni,  e salire al livello superiore.
E' giunto il  momento di diventare parte di tutte  le cose.
- Ghost in the shell, Masamune Shirow

Citta' in rete

Creo que con el tiempo mereceremos no tener gobiernos.
- Jorge Luis Borges

Naturlamente, la nostra cartografia disegna connessioni tra i nodi, conglomerati di intelligenza che sono piu' vicini nel cyberspazio piuttosto che nella vita reale. Negli ultimi decenni abbiamo imparato a condividere musica, testi, storie ed immagini: siamo stati in grado di copiare queste informazioni in tutto il mondo, senza alcun costo marginale.

Questo ci ha consentito di relazionarci tra noi con una estensione che e' amplificata dalla densita degli ambienti in cui viviamo, ambienti urbani la cui alta densita' ci ha allontanato dalla natura, ma pur sempre ha permesso che le nostre idee fossero piu' agili, che le nostre relazioni viaggiassero a velocita' piu' alte. Chi ora pretende di governare le nostre vite e' impegnato a controllare le qualita' che abbiamo sviluppato: ogni albero in una pubblica piazza rappresenta un ostacolo per le telecamere, occhi onnipresenti che controllano le nostre co-evoluzioni. Molti degli spazi di aggregazione dei nostri corpi gia' rappresentano un pericolo per il potere dei controllori, che gia' attacca la liberta' del nostro spazio in rete.

Ma nel tempo abbiamo trovato riparo nelle pratiche ancestrali della Trance, aprendo le porte della nostra percezione verso l'ignoto, facendo risuonare le nostre ossa, migliorando l'agilita' delle nostre lingue, per segure il flusso Hip-Hop di pensieri critici, surfando attraverso l'universo in cui siamo costretti, dipingendo fantasie sopra i muri imposti nelle nostre citta', saltando piu' in alto, per unire i nostri inebrianti ed ancora incerti Parkours.

Nella miriade di connessioni che sapremo costruire ancora, testimoniamo la nascita di un pianeta di citta' invisibili, spirali di vite roteanti sopra le nostre teste e fra le nostra dita, che si evolvono tra scissioni e ricongiungimenti, flussi aperti della nostra conoscenza errante.

Il nostro piano e' semplice e il nostro progetto e' gia' in movimento. Infatti, se vi guardate intorno, ci troverete gia' vicini. Mentre gli attuali sistemi politici e economici stanno combattendo la difficolta' di nascondere le proprie incoerenze e contraddizioni, siamo in grado di implementare meglio i loro principi e, cosa piu' importante, ne stiamo elaborando di nuovi.

Stiamo reclamando una infrastruttura, la liberta' di adattarla ai nostri bisogni, il nostro diritto di proprieta' senza lacci, la liberta' di confrontare idee senza nessuna manipolazione mediatica, peer to peer, faccia a faccia, citta' a citta', essere umano ad essere umano.

La possibilita' di crescere in comunita' locali ed economiche, l'eliminazione dei monopoli globali, la possibilita' di vivere grazie alle nostre creazioni, e' li. Stiamo riempiendo gli spazi vuoti lasciati nelle nostre stesse citta', stiamo definendo i nostri desideri ed in alcuni casi siamo gia' in grado di soddisfarli grazie alla coordinazione di diverse collettivita'.

Durante i decenni passati abbiamo imparato a migliorare la nostra autonomia all'interno dei contesti urbani, immergendoci nei differenti contesti che compongono le citta', svelando la struttura interna delle loro reti chiuse, sviluppando una differente trama fatta di relazioni che persino le aziende ambiscono a comprare.

Siamo "uccelli tessitori"[1] e condividiamo i nostri nidi nella rete, scorriamo come il fiume Code degli insediamenti spontanei di Yogyakarta[2], il Chaos Computer Club, i gitani di Sulukule ad Instanbul, come il codice tra gli hacker sparsi per il mondo, i ritrovi segreti di 2600 e gli altri spazi temporaneamente autonomi dove confabuliamo per il nostro avvenire.

[1] Burung-Burung Manyar significa "Uccelli Tessitori", e' un
   libro di Romo Mengun pubblicato nel 1992 da Gramedia (Jakarta)

[2] la riva del fiume Code fu considerata uno stanziamento
   illegale di squatter.  Il governo dell'Indonesia ne pianifico' la
   rimozione forzata nel 1983, ma in seguito alla protesta del popolo
   i piani furono cancellati. Nove anni dopo nel 1992 il Kampung Code
   fu selezionato come vincitore dell'Aga Khan, un premio di
   architettura prestigioso.  Lo stanziamento sulla riva del fiume
   Code continua ad esistere fino ai giorni nostri, come un esempio
   notevole di architettura urbana auto-organizzata dal basso.

Media orizzontali

I regimi dittatoriali usano i media per raccontare fandonie e nascondere la propria natura repressiva e asociale, costruendosi maschere dietro alle quali continuare il proprio sporco gioco di collusione, corruzione e nepotismo. Persino in democrazia sono tanti i dittatori populisti che usano un accesso privilegiato ai media: in questo modo che si arrogano la liberta' di offendere, a generare odio e sempre nuove guerre.

Ma i media hanno una stretta relazione con molte tecnologie che abbiamo noi stessi sviluppato, possediamo dunque sufficiente conoscenza per tracciare nuovi percorsi. Si tratta del resto della prima delle nostre vocazioni, sin dai primi anni della nostra esistenza: siamo attivi nell'implementare per la maggior parte delle persone su questo pianeta le liberta' che l'era digitale puo' garantire.

Ci proponiamo di sviluppare sempre piu' spazi di discussione in rete e sul territorio, seguendo un modello decentralizzato che garantisca accesso alla maggioranza di persone nel nostro pianeta. Abbiamo creato strumenti per i media indipendenti, per moltiplicare le voci, per proteggere le visioni comuni, per evitare che pochi magnati della comunicazione e dei media controllino le democrazie, come purtroppo e' successo fin'ora in molte parti del mondo.

Siamo consci dei limiti dell'implementazione presente della democrazia: mentre la classe dirigente e' tutta concentrata sul successo personale, manovrando regimi ormai arcaici, i loro sistemi non riescono ad essere aggiornati, le loro strutture falliscono nel tentativo di controllare nemici che non riescono piu' a riconoscere. La soluzione che noi proponiamo e' semplice: massimizzare le possibilita' di riciclare le infrastrutture dei media esistenti, aprire piu' canali possibili, liberare le onde radio, lasciare che la comunicazione fluisca nella sua molteplicita', dare a chiunque la possibilita' di fare la propria radio o stazione TV per i propri vicini fisici o digitali, seguendo un pattern organico che modularizzera' la condivisione dei sensi e consentira' alle idee di propagarsi in modo orizzantale e non gerarchico.

Non siamo un numero

Crediamo che lo sforzo attuale dei governi riguardo alle tecnologie biometriche, alla collezione indiscriminata di dati sulle attivita' di cittadini e studenti, siano gravi errori. L'informatizzazione dell'umanita' non consiste nell'inserire la vita nella macchina, ma al contrario nel mettere la macchina al servizio della vita. L'ideologia computazionalista e' dannosa sul lungo termine.

Dobbiamo tenere bene a mente cosa accade quando regimi dittatoriali prendono il controllo di macchine che controllano la vita; cio' e' gia' successo in svariati episodi storici. Consci della mancanza di responsabilita' di svariati governi in tutto il mondo, ci opponiamo ai loro sforzi di numerare e controllare i cittadini nel nome della sicurezza. La sicurezza non esiste e men che mai ci si puo' avvicinare ad essa per ignoranza. Puo' essere solo ignoranza o malafede quella che spinge molti architetti informatici a centralizzare basi dati rendendole vulnerabili a singoli attacchi mirati ed a portata di mano per chi voglia egemonizzarne l'accesso.

Siamo ben coscienti che le informazioni scorrono libere, ci rendiamo conto di come diverse falle nel dominio digitale stiano attualmente svelando informazioni personali di un largo numero di persone in tutto il mondo. Crediamo fermamente che le persone non debbano essere catalogate e rinchiuse in una base dati: questo e' cio' che deve differenziare governi da sistemi operativi che sopprimono cinicamente i processi non ottimizzati a svolgere le mansioni previste.

Non abbiamo bisogno di educazione

Man mano che la privatizzazione delle strutture educative continua, le accademie assumono modelli aziendali; nel frattempo assistiamo ad uno spostamento della missione educativa nella societa', da un modello inclusivo ad uno esclusivo. L'influenza delle corporazioni e delle industrie ha permeato molte discipline accademiche, in particolare riguardo le tecnologie adottate. La scelta degli educatori e' stata influenzata dalle logiche del profitto a breve termine, invece che dalla solidita' delle conoscenza offerte sul lungo termine.

Nonostante tutto cio', le nozioni stanno diventando universalmente disponibil. Le mansioni euristiche, maieutiche e strutturali fornite dalle accademie e dalle universita' sono oggi meglio soddisfatte da modelli di condivisione globale come quelli del software libero che, grazie ai suoi metodi orizzontali di condivisione, delinea un nuovo approccio di ricerca e sviluppo basato su piattaforme distribuite.

Grazie al software libero componenti liberi e modulari possono essere combinati e redistribuiti, copiati e modificati. Gli studenti sono in grado di elaborare una conoscenza che e' duratura, libera dall'idea fallace di cosiddette "proprieta' intellettuali" che restringono i diritti di produrre e ridistribuire le creazioni. Questa situazione portera' un vantaggio per le nuove generazioni, cosi' come per i paesi in via di sviluppo.

Spazi autonomi come quelli degli hacker (hacklabs, hackerspaces) costituiscono un grande potenziale ed assumono un ruolo educativo che sta progressivamente scomparendo nelle scuole e soprattutto nelle universita'.

Nel 1998 si tenne la prima edizione dell'hackmeeting a Firenze. In quella occasione la sua assemblea lancio' l'idea delle "universita' indipendenti dell'hacking", generando la nascita di numerosi hacklab in varie citta', lanciando la prassi di meeting annuali come quello dell'hackmeeting che hanno avuto luogo fino ad oggi in varie parti del sud Europa e del sud America. I risultati di queste iniziative hanno influenzato molto la nostra crescita tecnica e culturale, hanno ospitato una conoscenza errante altrimenti dispersa e trascurata dalle accademie, hanno visto la partecipazione di tanti maestri e allievi avvicendarsi nei ruoli

Con questa storia cosi' breve, ma anche intensa, siamo ben motivati a continuare lo sviluppo dei nostri percorsi alternativi di conoscenza: una letteratura auto-didatta che liberi gli studenti dagli interessi delle corporazioni ed apra un orizzonte di varieta' e creativita'. Non abbiamo bisogno di educazione: possiamo sceglierla.

Due parole sulla primavera

Negli ultimi tre anni abbiamo assistito alla sempre crescente presenza di movimenti popolari nel mondo, animati dallo spirito di tanti uomini e donne che si ribellano alla repressione dei regimi fondamentalisti ed all'ingiustizia sociale dei regimi della finanza. Dall'Africa alle Americhe, dall'Europa all'Asia e presto altrove, questi movimenti hanno qualcosa in comune: credere che un altro mondo sia possibile attraverso la mobilitazione dei cittadini, credere che possiamo e dobbiamo migliorare il modo in cui le nostre societa' sono progettate, cosa che chi e' al potere oggi non ha nessun interesse di fare. Tale movimento della primavera ha caratteristiche planetarie e si e' gia' manifestato in vari modi e luoghi. Pur soffrendo di molte divisioni e della distanza tra contesti diversi, questa primavera resta forte della tradizione politica di resistenza alla prevaricazione, di solidarieta' comune che e' gia' innata nell'umanita'. In aggiunta gode anche di un'altra forza: quella dei media orizzontali che finalmente divengono piu' accessibili per tutti permettendo la formulazione di riflessioni sempre piu' avanzate ed inclusive.

Non dobbiamo perdere di vista il fatto che questi movimenti sono osteggiati dal potere prestabilito, addirittura interpretati come atti di guerra da vecchie gerarchie militari a guardia del complesso industriale e politico che legittima la loro stessa violenza. Noi possiamo aiutare le popolazioni del mondo a comunicare liberamente, facilitando il confronto di idee attraverso confini geografici e culturali, incoraggiando la crescita di nuove razionalita' e la nascita di nuove societa'.

Se mai la nostra generazione avra' l'opportunita' ed il coraggio di contribuire all'evoluzione del mondo, facciamo del nostro meglio per comprenderne i problemi presenti, prendiamone in esame le contraddizioni e condividiamo le nostre conoscenze sui vantaggi che le tecnologie digitali portano alla democrazia. Viviamo su di un pianeta in cui e' sempre piu' possibile aprire connessioni tra tutti i suoi abitanti: ora sta a noi, nativi di un territorio che trascende vecchie geografie, difendere questa nuova condizione umana da vecchi scettri del potere che la ritengono una minaccia alla loro ormai insensata conservazione.

Guardiamo ad un etica del progresso che lasci alla democrazia lo spazio di crescere sempre piu' fluida, nutrita da una sempre piu' larga partecipazione dal basso. Non reprimendo, ma comprendendo il punto di vista dei diseredati possiamo costruire un'eredita' per tutti, che sia degna di essere chiamata Pace.

 Jaromil - Amsterdam, 11 Novembre 2011 

WeaverBirds/it (last edited 2011-11-14 10:52:17 by jaromil)