Differences between revisions 2 and 3
Revision 2 as of 2003-01-31 11:58:32
Size: 6201
Editor: anonymous
Comment:
Revision 3 as of 2003-01-31 12:00:10
Size: 8387
Editor: anonymous
Comment:
Deletions are marked like this. Additions are marked like this.
Line 49: Line 49:


'''Roma'''


 La prima Corte d'assise d'appello di Roma, presieduta da Antonio Cappiello, si e' ritirata in camera di consiglio per decidere sulla posizione di 46 persone che ruotano intorno agli ambienti "anarco-insurrezionalisti" e che sono imputate di una lunga serie di reati, tra cui associazione eversiva, sovversiva, banda armata, strage, omicidio, rapina aggravata, ricettazione e detenzione illegale di armi ed esplosivi. Tra gli imputati figura anche Marco Camenisch, 51enne svizzero. Per lui, assolto in primo grado, il sostituto procuratore generale Antonio Marini ha chiesto una condanna a sei anni di reclusione.

Per il resto, il magistrato ha sollecitato pene che vanno da un anno e sei mesi di reclusione all'ergastolo. Il carcere a vita e' stato chiesto nei confronti di Orlando Campo, Garagin Gregorian, architetto armeno di origine libica, Rose Ann Scrocco, ex hostess americana, e Francesco Porcu, gia' condannato per il sequestro di Mirella Silocchi. Questo processo scaturisce dall'impugnazione presentata dalla procura generale contro la sentenza di primo grado del 31 maggio 2000 con la quale la prima Corte d'Assise della Capitale aveva assolto gran parte degli imputati, senza attribuire ad alcuno i reati di associazione eversiva, sovversiva e banda armata. Soltanto per Porcu fu stabilito l'ergastolo in quanto ritenuto il responsabile dell'attentato che la notte del 24 agosto '89 provoco' la morte dell'anarchico Luigi De Blasi, ucciso nell'esplosione di un'autobomba, al Prenestino, destinata, invece, a una volante di polizia. Per Alfredo Maria Bonanno, considerato l'ideologo del gruppo, il pg ha sollecitato una condanna a 14 anni di reclusione, rispetto ai 3 anni e mezzo inflittigli in primo grado per propaganda ed apologia sovversiva o antinazionale relativamente al periodo '93-'96.


'''Fiat'''


Continuano le lotte dei lavoratori dell'Alfa Romeo.E' iniziato ieri e prosegue anche oggi il blocco di tutta l'area dismessa dell'Alfa Romeo di Arese che appartiene al Consorzio di Reindustrializzazione .
Ai picchetti che impediscono l'accesso all'area partecipano sia i cassintegrati che i lavoratori ancora attivi in fabbrica.

Ore 13.00

Iraq

Il Presidente americano Bush ha autorizzato esplicitamente la risposta con armi nucleari ad attacchi con armi chimiche e biologiche, oltre che nucleari, contro gli Stati Uniti, le forze americane all'estero o i Paesi amici e alleati. La versione resa pubblica alla fine dello scorso anno dell'aggiornamento della dottrina americana si limitava invece a precisare la possibilita' del ricorso a tutte le nostre opzioni. Secondo quanto rende noto il Washington Times citando fonti dell'Amministrazione, l'uso delle parole armi nucleari offre ai militari qualcosa in piu' della semplice direttiva di assicurare al Presidente tutte le opzioni possibili.

Il governo tedesco ha accolto positivamente l'iniziativa di un vertice europeo straordinario sull'Iraq annunciata dalla presidenza greca della Ue. Un portavoce governativo ha detto a Berlino che a un tale vertice naturalmente il cancelliere Gerhard Schroeder prenderebbe parte. Schroeder, ha osservato il portavoce, ha sempre sottolineato che l'obiettivo e' giungere a una politica estera europea comune

Palestina

Si è aperta nel sangue la giornata in Medio Oriente. Mentre in Israele si vive nell’attesa del nuovo governo di Ariel Sharon, nei Territori palestinesi proseguono a pieno ritmo le incursioni e gli attacchi dell’esercito di Tel Aviv.

A Jenin, nel nord della Cisgiordania, dove da ieri è in corso una massiccia operazione dell’esercito israeliano, due palestinesi sono rimasti uccisi durante una sparatoria con i militari. Le due vittime, di 23 e 52 anni, sono stati colpiti dai colpi israeliani quando i soldati dello Stato ebraico hanno aperto il fuoco verso il municipio. Al momento è ancora in corso il vasto rastrellamento da parte delle forze armate israeliane, che da ieri sera hanno invaso Jenin con una quarantina di mezzi blindati appoggiati da elicotteri.

A Hebron, nel sud della Cisgiordania, i soldati di Israele hanno demolito due case in cui vivevano le famiglie di due attivisti palestinesi.

Per tutta la giornata di ieri, l’esercito di Israele ha condotto operazioni e rastrellamenti. Il fatto più grave è avvenuto a Tulkarem, nel nord della Cisgiordania, dove un commando di un’unità scelta israeliana (che agisce camuffandosi con abbigliamento da arabi) ha eliminato il capo locale delle ‘Brigate dei martiri di Al Aqsa’ nel corso di una sparatoria insieme alla sua guardia del corpo. Altri otto tra miliziani e civili palestinesi sono rimasti feriti e una decina sono stati arrestati dai soldati israeliani.

Nel villaggio di Tamun, non lontano da Jenin, altri 17 palestinesi sono rimasti feriti in scontri con le forze armate israeliane, mentre cercavano di opporsi alla demolizione della casa di un palestinese sospettato di essere un terrorista.

Infine, nella striscia di Gaza, alcuni colpi di cannone hanno centrato un’auto a bordo della quale viaggiavano tre miliziani di Hamas. Due di loro sono rimasti feriti.

Ariel Sharon ha iniziato le consultazioni per la formazione di un nuovo governo, ricevendo Tommy Lapid, leader del partito laico Shinui, nel suo ranch Sycamore nel deserto del Negev. L'incontro avviene dopo che i risultati definitivi del voto hanno ulteriormente premiato il Likud di Sharon, che ottiene 38 seggi. I risultati preliminari ne assegnavano 37 al partito conservatore. Lapid, il cui programma elettorale per una societa' piu' laica ha fruttato al partito 15 seggi, ha dichiarato che potrebbe far parte di una coalizione assieme alla formazione religiosa Giudaismo Unito nella Torah (5 seggi), ma non con gli ultraortodossi dello Shas (11), riferisce il sito di Ha'aretz. Ma soprattutto ha espresso la speranza che il premio Nobel Shimon Peres riesca a convincere il partito Laburista ad entrare in un vasto governo di unita' nazionale. Peres ha dichiarato che il suo partito dovrebbe presentare a Sharon una lista di condizioni per entrare al governo e non escludere ogni partecipazione ad un esecutivo guidato da Sharon, come sostiene invece il leader laburista Amram Mitzna. Sharon incontrera' Mitzna lunedi prossimo.

TRIBUNALE PENALE INTERNAZIONALE'"

"A nessuno deve essere garantita l’impunità per i peggiori crimini conosciuti dall’umanità". Lo ha dichiarato Amnesty International, presentando una petizione a tutti i governi per chiedere che non firmino alcun accordo con gli Stati Uniti al fine di garantire ai cittadini nordamericani l’impunità davanti alla Corte penale internazionale.

Washington ha minacciato di interrompere il sostegno militare, o altro tipo di assistenza, agli Stati che rifiuteranno di garantire l’impunità agli statunitensi.

Va ricordato che lo Statuto di Roma della Corte penale internazionale, ratificato finora da 87 paesi, è entrato in vigore il primo luglio 2002. La Corte dovrebbe iniziare ad operare entro il 2003.

Il 29 gennaio 2003 diciotto Stati (Afghanistan, El Salvador, Gambia, Gibuti, Honduras, India, Israele, Isole Marshall, Mauritania, Micronesia, Nepal, Palau, Repubblica Dominicana, Romania, Sri Lanka, Tagikistan, Timor Est e Uzbekistan) hanno firmato ‘accordi dell’impunità’ con gli USA.

CIOCCOLATO

Gli organizzatori di Eurochocolate non inviteranno la Nestlé alla fiera in onore dei prodotti dolciari a base di cioccolato che si svolgerà a Roma la prima settimana di marzo.

Lo scorso dicembre, padre Alex Zanotelli si era rivolto al sindaco della capitale, Walter Veltroni, per chiedergli di non dare una ‘vetrina’ ad un’azienda che, come rivela l'Unicef , è corresponsabile ogni anno della morte di un milione e mezzo di bambini nei Paesi del Sud del mondo.

  • Sono anni che ong e associazioni denunciano gli effetti nocivi delle spregiudicate politiche di marketing della Nestlè che scoraggia l’allattamento al seno in favore del latte in polvere. Un battaglia a cui hanno partecipato anche i missionari attraverso la loro testata ‘Nigrizia’, che per anni ha sostenuto le campagna di controiformazione e boicottaggio della multinazionale svizzera.

Roma

  • La prima Corte d'assise d'appello di Roma, presieduta da Antonio Cappiello, si e' ritirata in camera di consiglio per decidere sulla posizione di 46 persone che ruotano intorno agli ambienti "anarco-insurrezionalisti" e che sono imputate di una lunga serie di reati, tra cui associazione eversiva, sovversiva, banda armata, strage, omicidio, rapina aggravata, ricettazione e detenzione illegale di armi ed esplosivi. Tra gli imputati figura anche Marco Camenisch, 51enne svizzero. Per lui, assolto in primo grado, il sostituto procuratore generale Antonio Marini ha chiesto una condanna a sei anni di reclusione.

Per il resto, il magistrato ha sollecitato pene che vanno da un anno e sei mesi di reclusione all'ergastolo. Il carcere a vita e' stato chiesto nei confronti di Orlando Campo, Garagin Gregorian, architetto armeno di origine libica, Rose Ann Scrocco, ex hostess americana, e Francesco Porcu, gia' condannato per il sequestro di Mirella Silocchi. Questo processo scaturisce dall'impugnazione presentata dalla procura generale contro la sentenza di primo grado del 31 maggio 2000 con la quale la prima Corte d'Assise della Capitale aveva assolto gran parte degli imputati, senza attribuire ad alcuno i reati di associazione eversiva, sovversiva e banda armata. Soltanto per Porcu fu stabilito l'ergastolo in quanto ritenuto il responsabile dell'attentato che la notte del 24 agosto '89 provoco' la morte dell'anarchico Luigi De Blasi, ucciso nell'esplosione di un'autobomba, al Prenestino, destinata, invece, a una volante di polizia. Per Alfredo Maria Bonanno, considerato l'ideologo del gruppo, il pg ha sollecitato una condanna a 14 anni di reclusione, rispetto ai 3 anni e mezzo inflittigli in primo grado per propaganda ed apologia sovversiva o antinazionale relativamente al periodo '93-'96.

Fiat

Continuano le lotte dei lavoratori dell'Alfa Romeo.E' iniziato ieri e prosegue anche oggi il blocco di tutta l'area dismessa dell'Alfa Romeo di Arese che appartiene al Consorzio di Reindustrializzazione . Ai picchetti che impediscono l'accesso all'area partecipano sia i cassintegrati che i lavoratori ancora attivi in fabbrica.

gror030131 (last edited 2008-06-26 09:59:02 by anonymous)