Differences between revisions 17 and 18
Revision 17 as of 2002-07-03 16:49:42
Size: 46316
Editor: anonymous
Comment: missing edit-log entry for this revision
Revision 18 as of 2003-07-02 08:46:33
Size: 5570
Editor: anonymous
Comment:
Deletions are marked like this. Additions are marked like this.
Line 1: Line 1:
'''Buongiorno'''
aperto da luca alle ore 9.00. Da Paula: ci lavoro un poco dalle 16.25 per il gr Flash delle 17.00 ma dalle 17.15 ci lavorerà Sandro. Por favor: dateci una mano.CIAO SONO SANDRO E HO MESSO MANO ORA AL GR
----------------
== Gr Flash di mercoledi 3 luglio - ore 17.00 ==

Gr Flash di mercoledi 3 luglio - ore 17.00.

DAL MONDO

PERU' -Vladimiro Montesinos ex uomo-forte della dittatura peruviana dell'epoca di Fujimori, è stato condannato con l'accusa di usurpazione di potere. Questo rappresenterebbe una pietra miliare nella giustizia secondo l'Associazione dei Diritti Umani. Montesinos è stato condannato a nove anni e quattro mesi di prigione, ed inoltre al pagamento di 2,8 milioni di dollari. Montesinos è stato il consigliere privilegiato dell'ex presidente-dittatore peruviano Alberto Fujimori. Ha gestito in prima persona il servizio segreto peruviano (SIN) dall'inizio del 1990 usandolo come suo strumento di potere personale ed a sostegno del pugno di ferro di Fujimori. Montesinos inoltre ha organizzato il gruppo di Colina, uno squadrone della morte che ha compiuto massacri all'inizio degli anni 90 ed atti intimidatori verso avversari politici. Il governo peruviano attualmente sta cercando di ottenere l'estradizione dello steso Fujimori per questi ed altri crimini.

PERU - Migliaia di reclusi del carcere di Lurigancho (est di Lima), il più popolato del Perù, hanno iniziato uno sciopero della fame per protestare contro il sistema giudiziario nazionale. Dei 6.850 detenuti ospitati nel penitenziario, solo 657 sono stati condannati, mentre gli altri sono in attesa di giudizio. La mobilitazione, indetta a tempo indeterminato, consiste sostanzialmente nel rifiutare ogni tipo di alimento e nel restare in cella, anche a costo di disertare le visite dei familiari. Finora la protesta si è svolta in maniera pacifica ma le autorità carcerarie hanno rafforzato le misure di sicurezza per evitare un’eventuale rivolta. Nelle ultime ore anche un migliaio di detenuti del carcere di El Milagro (Trujillo) si è unito allo sciopero della fame indetto dai colleghi di Lurigancho. A motivare la mobilitazione avrebbe contribuito, tra l’altro, un film uscito recentemente nelle sale peruviane, dal titolo “Díjango: La otra cara”, pellicola che narra la storia del criminale Oswaldo Gonzales. Secondo quanto riferito dai prigionieri al parlamentare Yonhy Lescano Anchieta, la violenza contenuta nel film potrebbe influire negativamente sui giudici, rischiando di aggravare la situazione giudiziaria di molti reclusi. (

PALESTINA -Una postazione della polizia palestinese sarebbe stata presa di mira a Rafah, nel sud della striscia di Gaza da centinaia di militanti di Hamas che invocavano la pena di morte per un recluso. Secondo i dimostranti, questo è infatti un collaborazionista di Israele. Fonti locali hanno riferito che i dimostranti hanno preso a sassate la sede della polizia e hanno anche scagliato un piccolo ordigno rudimentale. Sei persono sono rimaste ferite.
In precedenza a Gaza si era svolta una affollata manifestazione di sostegno al presidente Yasser Arafat. Migliaia di persone avevano scandito slogan a suo favore e di biasimo nei confronti dei dirigenti degli Stati Uniti che chiedono che l'attuale presidente palestinese sia messo da parte per far posto a una nuova leadership palestinese.

Intanto il consolato degli Stati Uniti a Gerusalemme est - afferma in un comunicato il deputato palestinese Hatem Abdel Qader di al- Fatah - è attivamente impegnato nella ricerca di nuovi dirigenti politici fra i palestinesi. Secondo Abdel Qader, una ventina di "figure pubbliche" di Gerusalemme e della Cisgiordania sono state invitate a visitare Washington "per consultazioni non ufficiali". Fra questi personaggi spiccano i nomi, secondo Abdel Qader, di membri del Consiglio legislativo palestinese, esponenti del mondo accademico, attivisti politici e leader di organizzazioni non governative.
Nel documento, non viene tuttavia precisata la loro identità. "Avvertiamo queste figure di non ardire ad aggirare la legittima leadership palestinese. Altrimenti ne pagherebbero il prezzo", conclude il dirigente di al-Fatah.

MESSICO - A quasi 34 anni dalla strage di Plaza de Tlatelolco l’ex presidente messicano Luis Echeverría Alvarez si è presentato davanti ai giudici per rispondere di diversi reati, tra i quali genocidio, omicidio, lesioni e sparizioni forzate. Primo ex capo di Stato nella storia del Messico ad essere convocato in qualità di indiziato, Echeverría ha ascoltato per circa sette ore le accuse formulate dalla procura speciale per i movimenti politici e sociali del passato. Di fronte alla decine di domande rivoltegli, l’ex presidente ha chiesto 30 giorni di tempo per rispondere per iscritto sul proprio presunto coinvolgimento nella dura repressione poliziesca sfociata nel massacro del 2 ottobre 1968. In tale occasione, secondo il governo rimasero uccisi 30 studenti, mentre la società civile parlò di centinaia di morti. Il suo difensore, l’avvocato Anatonio Cuéllar Salas, ha dichiarato che Echeverría si proclama innocente e che, nonostante i suoi 80 anni, è in perfette condizioni fisiche e mentali per replicare ad ogni accusa. La strategia della difesa, ha spiegato Cuéllar, sarà semplicemente “dichiarare la verità”. In aula erano presenti anche alcuni ex leader studenteschi del ’68, tra i quali Raúl Alvarez Garín, fiducioso sulla possibilità che l’interrogatorio di Echeverría apra le porte a quelli di altri ex funzionari accusati di responsabilità nella cosiddetta ‘guerra sporca’ che si è consumata nel Paese a cavallo fra gli anni ‘70 e ’80. Echeverría sarà chiamato nuovamente a deporre il 9 luglio, questa volta per la carneficina del 10 giugno 1971, perpetrata dal gruppo paramilitare conosciuto come ‘los Halcones’ a Città del Messico e costata la vita ad un numero imprecisato di studenti, tra i 16 e i 30, secondo diverse fonti. Da parte sua, l’Alto commissario Onu, Mary Robinson, ha giudicato l’apparizione di Echeverría davanti ai giudici un “segnale positivo” per iniziare il processo di riconciliazione nazionale in Messico.

AIDS - Fino a 68 milioni di persone potrebbero morire a causa dell'Aids nei primi 20 anni del secolo in corso, e trovare i mezzi per ridurre questa cifra e' l'obiettivo che si prefigge la XIV Conferenza Internazionale sulla malattia, che si aprira' domenica prossima a Barcellona, e i cui lavori sono stati presentati oggi a Madrid dall'organismo delle Nazioni Unite per l'Aids (Onusida). Luiz Loures, responsabile per l'America Latina dell'Onusida, ha sottolineato che "dopo 20 anni di lotta contro l'Aids, disponiamo di una sufficiente conoscenza del problema, nonche' della volonta' politica per combatterlo: mancano adesso le risorse per affrontare la questione". Loures ha aggiunto che "in realta' esistono due malattie: "l'Aids dei poveri e quello dei ricchi", come si evince dal fatto che dei 68 milioni di morti previsti ben 55 milioni moriranno in Africa, e piu' in particolare nell'Africa subsahariana. Gli oltre 14 mila delegati attesi a Barcellona -dove la conferenza sara' inauguerata domenica 7 luglio dalla Infanta Elena- affronteranno la questione dell'Aids da diversi punti di vista: si va dai trattamenti per sieropositivi, con la presentazione di due nuovi farmaci anti-Hiv, alle problematiche regionali o l'estensione del contagio fuori dai tradizionali gruppi considerati a rischio.

 

Dall'Italia
SI E' DIMESSO IL MINISTRO SCAJOLA - ''Un doveroso atto di servizio'': cosi' il Ministro dell' Interno Scajola motiva le sue dimissioni in una lettera al Presidente del Consiglio. Nella stessa lettera, Scajola rinnova le sue scuse alla famiglia di Marco Biagi per aver ''contribuito a rinnovare il loro dolore''
E i delegati Fiom riuniti a Firenze per la loro assemblea nazionale, in mille, hanno accolto con un boato ed un prolungato applauso la notizia delle dimissioni del ministro dell'Interno Claudio Scajola.

SOFRI E BOMPRESSI - Sono 1.430 le persone che hanno aderito finora allo sciopero della fame a staffetta (che in totale durerà 2.897 giorni), per sostenere un cambiamento in positivo nei confronti di Adriano Sofri e Ovidio Bompressi.

MILANO - E' iniziato stamani a Milano il processo di secondo grado nei confronti di un imprenditore che il 14 marzo di due anni fa, durante un litigio nel suo ufficio, diede fuoco a un suo dipendente, il migrante romeno Jon Cazacu, che morì dopo un mese di agonia per le gravissime ustioni riportate. In primo grado l'imprenditore era stato giudicato col rito abbreviato e gli erano stati inflitti 30 anni di reclusione. La moglie e le figlie si sono costituite parte civile. Nella vicenda sono costituiti parte civile anche i sindacati confederali. Al termine della requisitoria il sostituto procuratore generale Bruno Fenizia ha chiesto la conferma della sentenza di primo grado.
Line 35: Line 3:
=== G.R. 9,30 ===
Line 36: Line 5:
'''IRAQ'''
DA LONDRA, Il generale americano Barry McCaffrey - veterano della Guerra del Golfo del 1991, - ha avvertito che le truppe Usa potrebbero essere costrette a rimanere in Iraq per il prossimo decennio. Lo ha detto in un'intervista trasmessa in serata dalla televisione Bbc, sottolineando inoltre che i prossimi 12 mesi saranno molto duri. ''Dovremo affrontare un anno di ambiente molto complesso, pericoloso, violento'', ha dichiarato il generale, andato in pensione nel 1996. ''Abbiamo tre enormi, bellicose fazioni, i curdi, gli sciiti, i sunniti'', ha aggiunto. McCaffrey. A suo avviso, le truppe americane, con rinforzi internazionali, possono reggere a un simile impegno nel breve periodo, ma avere due/terzi delle Forze armate dispiegate in Iraq, Afghanistan e Corea del sud non e' una situazione sostenibile a lungo termine. ''Bisogna costruire una polizia irachena e un nuovo esercito iracheno, che siano in grado per conto loro di mantenere la sicurezza'', ha proseguito il generale. McCaffrey ha inoltre insisito sulla necessita' che al popolo americano sia detta la verita'. ''Penso vi sia stato qualche discorso che non ha aiutato. Dobbiamo essere franchi con il popolo americano e con le Forze armate Usa''.
Line 37: Line 8:
'''PALESTINA'''
A Betlemme avverra' nel pomeriggio il passaggio delle consegne tra Esercito d'Israele e forze dell'Autorita' Nazionale Palestinese, con conseguente ritiro delle truppe di occupazione israeliane dalla citta' autonoma della Cisgiordania. Lo ha precisato la radio militare israeliana, secondo cui sul campo si dispiegheranno subito agenti della sicurezza palestinese in uniforme e dotati di armi di ordinanza; quanto agli israeliani, nessun ripiegamento vero e proprio in quanto da settimane a Betlemme gia' non c'era piu' una presenza costante e predeterminate di soldati e mezzi blindati.
Line 38: Line 11:
= Giornale radio delle ore 9.30 =
== Sommario ==
'''Oggi giornata nazionale di lotta in argentina, mentre il presidente annuncia che si terranno a marzo del 2003 le elezioni generali anticipate in Argentina. Lo ha annunciato il presidente della repubblica Eduardo Duhalde. '''
''' Dimissioni dei responsabili della sicurezza preventiva dell'autorità nazionale palestinese a Gaza e in Cisgiordania'''
'''Borsa francese in calo '''
''' Un vertice per il caso Scaiola la telenovellas delle dimissioni''
'''AFGHANISTAN'''
KABUL, 2 LUG - Un uomo e' rimasto ucciso oggi alla periferia di Kabul quando l'esplosivo che portava legato al suo corpo e' esploso, ha detto oggi la polizia. L'esplosione si e' verificata poco prima della mezzanotte di ieri, martei' primo luglio, a circa tre km da una base usata da soldati Usa e francesi per addestrare militari afghani. ''Egli aveva materiale esplosivo attaccato al corpo, ma non sappiamo quale fossero le sue intenzioni'', ha affermato il capo della polizia di Kabul Basir Salangi. Quattro soldati tedeschi della forza di interposizione sono stati uccisi il 7 giugno in un attacco suicida con autobomba a Kabul. Le autorita' afghane attribuiscono la responsabilita' di questo come di altri attacchi al governo e alle truppe internazionali a irriducibili del regime dei taleban che ancora sono nascosti nel paese, ai loro alleati di al Qaida, e ai combattenti leali dall'ex signore della guerra Gulbuddin Hekmatyar che, tutti, non vogliano soldati stranieri in territorio afghano
Line 45: Line 14:
Dal Mondo
Oggi giornata nazionale di lotta in argentina, mentre il presidente annuncia che si terranno a marzo del 2003 le elezioni generali anticipate in Argentina. Lo ha annunciato il presidente della repubblica Eduardo Duhalde. La chiamata alle urne, in teoria, avrebbe dovuto avere luogo nel settembre del prossimo anno. La notizia era nell’aria da un paio di settimane ma il capo dello Stato ha voluto attendere il ritorno dagli Usa del ministro dell’economia Roberto Lavagna, il quale gli avrebbe offerto assicurazioni circa la possibilità di chiudere in tempi ragionevoli il fondamentale accordo con il Fondo monetario internazionale. In dicembre, dunque, i partiti politici saranno tenuti a celebrare le primarie interne, per scegliere i propri candidati. Il presidente che uscirà dalle consultazioni di marzo assumerà il potere il successivo 25 maggio. Il ricorso anticipato al voto dovrebbe escludere dalla partita l’ex capo dello Stato Carlos Menem. La legge prevede infatti che un ex presidente, per ricandidarsi, debba far trascorrere almeno tre anni dalla fine del precedente mandato.
Vi leggiamo integralmente il comunicato che annuncia la mobilitazione:contro il terrorismo di stato
Dario e Maxi, hasta la victoria siempre
Contro il terrorismo di stato, con il coinvolgimento di tutti. Dario e maxi, hasta la victoria sempre.
'''PENA DI MORTE/ USA'''
, OMICIDA GIUSTIZIATO IN OKLAHOMA Aveva assassinato quattro persone McAlester (Oklahoma), 2 lug. - Un uomo di 31 anni, Lewis Eugene Gilbert, è stato giustiziato mediante iniezione letale nel carcere di McAlester nell'Oklahoma. Era stato condannato a morte per l'assassinio di una donna nove anni fa. Aveva ricevuto una seconda condanna a morte per l'uccisione di una coppia di coniugi, ed aveva confessato un quarto omicidio, per il quale non era ancora stato processato.
Line 51: Line 17:
Mobilitazione 3 luglio. '''CECENIA'''
MOSCA, 2 LUG - Centotrentuno ribelli ceceni si sono arresi per poter beneficiare dell'Amnistia entrata in vigore all'inizio di giugno nella repubblica caucasica, mentre va avanti il sanguinoso conflitto che nelle ultime ore ha reclamato la vita di almeno 25 uomini da entrambe le parti. Secondo il ministero dell'interno ceceno colloqui sarebbero in corso con un gruppo di altri 60 guerriglieri in vista di una possibile resa e si ritiene possibile che entro la scadenza dell'amnistia a settembre avranno lasciato le armi in tutto 600 uomini. Secondo Mosca le forze indipendentiste conterebbero su non piu' di 2.000-3.000 uomini ma secondo calcoli indipendenti questa cifra sarebbe piu' vicina ai 4.000-5.000. La guerriglia ha respinto l'amnistia - che esclude i vertici politici e militari indipendentisti a cominciare dal presidente eletto Aslan Maskhadov - come un trucco per ottenere cio' che i russi non sono riusciti a fare con le armi dei loro 80.000 uomini di stanza in Cecenia, cioe' la rinuncia all'indipendenza in cambio di un'ampia autonomia. Il presidente dell'amministrazione cecena filorussa Akhmad Kadyrov ha avuto colloqui in questi giorni con esponti di alto livello al Cremlino per negoziare un accordo sulla promessa autonomia. Secondo fonti ufficiali non si esclude che alla Cecenia possa essere concessa un'autonomia piu' vasta di quella di cui godono altre repubbliche. La guerra intanto continua, sia pure a bassa intensita', con l'uccisione tra lunedi e martedi di almeno 15 ribelli in varie parti del Paese, Continuano intanto, secondo i ribelli, i bombardamenti aerei russi lanciati nelle scorse settimane soprattutto contro le basi della guerriglia sulle montagne.
Line 53: Line 20:
Gran Buenos Aires, domenica 30 giugno 2002 '''ROMA, OPERAIO URTATO DA GRU IN CANTIERE EDILE'''
 = RICOVERATO IN PROGNOSI RISERVATA Roma, 2 lug. - E' ricoverato in prognosi riservata all'ospedale Sant'Eugenio Salvatore Z., 32 anni, l'operaio urtato per errore ieri sera da una gru all'interno di un cantiere edile in via dell'Ippica, nella zona dell'Eur a Roma. L'uomo, soccorso da alcuni colleghi, ha riportato un forte trauma toracico. Sono in corso indagini per ricostruire la dinamica dell'incidente.
Line 55: Line 23:
Sui tragici fatti accaduti in torno all’uccisione dei giovani piqueteros
nella repressione di Puente Pueyrredon

a tutti gli uomini e la donne del nostro popolo:

1- nei nostri quartieri ed in gran parte del nostro paese si vive una realtà di miseria e oppressione. Dal nostro movimento, nel mezzo di questa situazione esasperante, seminiamo il valore della dignità.
Come può comprendere chiunque, provando a mettersi nei nostri panni, o prestando attenzione ai mali che stiamo patendo, la dignità, al posto dell’ingiustizia, fiorisce nella lotta e nella ribellione.
Le nostre domande nel giorno in cui hanno ucciso Dario e Maximillano erano:
- per un lavoro degno e per l’aumento del misero sussidio di disoccupazione;
- una cesta di alimenti base;
- libertà, per i prigionier* di lottare contro la repressione;
- in solidarietà agli operai di zanon, come risposta alle minacce di sgombero della fabbrica occupata.
Non possono accusarci di essere violenti perché non accettiamo di vivere -ma meglio sarebbe dire morire- nella miseria. Non potranno impedirci, nemmeno sparando, di lottare contro miseria e oppressione.



2- questo sistema economico, sociale e politico, retto da un capitalismo che sta consumando un genocidio sociale, non lascia margine per attendere alle domande sociali, e quelli che detengono il potere pianificano la repressione come risposta ad una società che esige cambiamenti. Quest’opzione repressiva trova i suoi massimi responsabili nel potere economico che la istiga, in quello politico che la sostiene ed in determinate voci mediatiche che si collocano come funzionali a questi interessi.


3- il mercoledì passato non ci fu solo una repressione contro i piqueteros:
ci fu un completo montaggio politico-repressivo, che sulla base di menzogne scaricate ed uccisioni di giovani, ha tentato di inasprire il clima sociale per poi giustificare la RIPRESA DEI METODI DEL TERRORISMO DI STATO NEL PAESE.
Non si è trattato di errori, ne la responsabilità può ricadere su un commissario assassino: il canciller ruckauf dovrà spiegare la rivendicazione del decreto che lui stesso ha firmato nel 1975 per “annichilire” quelli che in quel momento chiamavano “sovversivi”, e che ha spianato la strada al genocidio che tutti conosciamo.
Il segretario di sicurezza Juan Josè Alvarez dovrà spiegare le pressioni esercitate dai governatori come Romero, nella riunione dei governatori tenuta a La Pampa un mese fa, dove si è detto dell’impossibilità di proseguire reprimendo all’interno del paese se il governo non avesse represso i blocchi stradali a Buenos Aires.

Il segretario degli interni Jorge Matzkin dovrà dare spiegazioni sul ruolo quasi militare che ha svolto nel momento in cui sosteneva, ore prima che comparissero le foto che hanno portato luce sugli assassinii, che le azioni armate dei piqueteros erano responsabili delle morti, e sul fatto di aver invocato la “legge di difesa della democrazia” per “combattere la violenza organizzata”.

Il governatore di Buenos Aires Felipe Solà dovrà spiegare quali sono i supposti “campi di addestrameto” nella grande Buenos Aires.

Il giornalista Chiche Geldblung dovrà dirci da dove è uscita l’arma che secondo lui portavamo nella marcia, misteriosamente resa pubblica nel suo programma una settimana prima di questa criminale repressione, dove si denuncia la nostra “supposta azione armata” senza che nessuno ne abbia mai avuto sentore in nessuna mobilitazione.

Il signor Hadad, almeno potrebbe dimostrare rispetto per i giovani caduti, per quanto comunque nessuno si aspetti questo da lui.

La responsabilità criminale delle uccisioni di Dario e Maximillano va divisa tra ognuna di queste dichiarazioni ed atteggiamenti che smascherano una repressione coordinata spiegabile solo attraverso il contesto politico attuale e la cui giustificazione sociale costituisce le dichiarazioni menzionate prima.

4- come contropartita di tante menzogne, qualunque cronista o cittadino che si avvicini ai nostri quartieri si troverà davanti ad un intenso lavoro comunitario: presidi, mense, centri di pianificazione, laboratori di lavoro…
inciamperanno in assemblee democratiche tutte le settimane, con laboratori di formazione e di educazione popolare…
in questo stavano Maxi, nel MTD di guernica, e Dario, nel barrio La Fe del MTD DI lanus. E quelli che vogliono conoscere i nostri “piqueteros”, che con orgoglio vediamo rispecchiati nella militanza di Dario, non devono fare altro che conoscere la sua corta ed immensa vita, simile a quella di tanti altri compagn* che, come si è detto in principio,nel mezzo della miseria e dell’oppressione, seminano dignità e ribellione.

In una società alienata ed indifferente, Dario spicca per il suo eroismo, sincero ed a volte straordinario:il compromesso tra il lavoro e lo studio quotidiani, la capacità di sentire nel profondo qualunque ingiustizia commessa contro chiunque in qualunque parte,l’indignazione e la combattività davanti alla repressione,e la immensurabile solidarietà, la più pura, che ha espresso con la sua vita;

lì lo abbiamo visto, dopo gli scontri con la polizia all’inizio della repressione, soccorrendo un compagno ferito nella prima linea di fuoco, avvertendo i suoi compagni del quartiere perché si ritirassero, e negandosi la possibilità di abbandonare il corpo di un altro piquetero caduto, sapendo che stavano uccidendo.negandosi la possibilità di accettare la morte come risposta, quella di Maxi, che non conosceva, difendendone la vita con la speranza di salvarlo, ed offrendo la sua, in cambio…

questi sono i valori che esprime questa gioventù piquetera che si forma nei nostri movimenti. Qui chi ha dei dubbi può trovare le riserve di capacità e di dignità per continuare nel profondo cambiamento sociale che, con esempi come quello di Dario, già stiamo conquistando.

5- la strategia del blocco del potere per giustificare il ritorno al terrorismo di stato che segnaliamo, solo si detiene con un massiccio e contundente rifiuto di tutta la società. Il 19 e 20 dicembre abbiamo imparato che con la reazione ferma e solidale di tutti i settori popolari non esiste nessuna legge marziale che si possa consolidare, e quelli che sostengono questa svolta autoritaria si trovano ad essere ripudiati dalla società.
Non chiediamo che si solidarizzi con i piqueteros, ma che si reagisca tutti in difesa della libertà di tutti. non ci serve di dividerci tra fratelli di questo popolo in chi è più timoroso e chi più deciso nello scontrarsi con l’ingiustizia.

Ricordiamo la poesia di Beltold Bretch, e comprendiamo che se per prima vengono per i nostri piqueteros non c’importa, dopo verranno per ognuno di noi ed in fine per gli indifferenti.


6- per questo mercoledì 3 luglio
andremo ad incontrarci nella mobilitazione di Plaza de Mayo ed in tutte le piazze del paese, pacificamente, come fratelli di tutti i settori del nostro popolo,nel ripudio deciso verso la fame e la repressione.
Il coinvolgimento di tutti gli uomini e le donne del nostro popolo, di ogni cittadino onesto, è il miglior omaggio che possiamo offrire a Maxi e Dario, i migliori figli di questa generazione che, come il 20 dicembre, viene innaffiando con il sangue della solidarietà le strade della nostra patria.



¡Compagni Maxi y Darío, PRESENTI!!! ¡¡¡hasta la victoria,
siempre!!!

¡ Por trabajo, dignidad y un cambio social!

¡Contra el terrorismo de estado!

Coordinadora de Trabajadores Desocupados "Anibal Verón

Oggi alle ore 11.30 andra in onda uno speciale sulla giornata di lotta in Argentina.


TEL AVIV, 3 LUG - Il quotidiano al-Quds di Gerusalemme est riferisce da parte sua che il nuovo ministro degli interni palestinese, generale Abdel Razeq Yihya, ha nominato il generale Omar Ashur come comandante della difesa civile a Gaza, in sostituzione di Mahmud Abu Marzuq. Questi passera' alle dipendenze dirette del generale Abdel Razek Majaideh. Il ministro degli interni ha inoltre affidato al generale Ribhi Arafat la suprevisione dei contati militari fra la Cisgiordania e Gaza. Il giornale palestinese conferma che il capo della polizia di Gaza, generale Ghazi Jebali, e' stato sollevato dall'incarico e prevede che gli sara' affidata una missione diplomatica in un paese arabo.

- PARIGI, 2 LUG - La Borsa di Parigi ha aperto in calo, del 2,86%, del Cac 40. L'indicatore dei titoli principali si e' attestato a 3.731,54 punti

Il vertice e' stato centrato sulla questione, ancora irrisolta, delle dimissioni dell'inquilino del Viminale per le dichiarazioni su Marco Biagi rilasciate al 'Corriere della Sera' e a 'Il Sole 24 ore'. Nel colloquio notturno con Berlusconi, il ministro dell'Interno avrebbe dichiarato che ''bisogna pensare al bene del governo e della maggioranza'', lasciando intendere che senza un forte sostegno sarebbe disposto a lasciare la carica. Nonostante ''la difesa a spada tratta'' assicurata dal leader della Lega Umberto Bossi e dagli alleati di governo, il ''caso Scajola'' appare tutt'altro che chiuso. Significativo infatti e' il silenzio di An. Secondo alcune ricostruzioni, il vicepresidente del Consiglio Gianfranco Fini non avrebbe mancato di esternare le sue perplessita' a Berlusconi per l'infelice battuta di Scajola su Biagi. ''L'appuntamento e' per le 15'', ha tagliato corto il portavoce di Scajola rinviando all'appuntamento di oggi alla Camera, dove e' atteso l'intervento del premier. ''Il ministro -ha aggiunto- non ha dimissioni da dare''

== Gr Flash di mercoledi 3 luglio - ORE 11,00 ==
BERLINO, 3 LUG - Accompagnati da proteste di gruppi ambientalisti, due convogli di scorie nucleari sono partiti la notte scorsa dalle centrali atomiche tedesche di Kruemmel (nord) e Unterweser (nordovest) diretti al centro di trattamento di Sellafield, in Gran Bretagna. I manifestanti hanno bloccato nelle prime ore di stamane i due convogli ferroviari. I vagoni provenienti da Kruemmel sono rimasti fermi per circa un'ora all'altezza di Amburgo-Bergedorf, dove gruppi di dimostranti hanno occupato i binari. Due di loro si sono incatenati ai binari, e la polizia ha dovuto pazientemente lavorare per liberarli, prima di arrestarli. Anche il secondo convoglio proveniente da Unterweser e' stato temporaneamente bloccato per l'occupazione della linea ferroviaria da parte di alcune decine di ecologisti. I due treni a un certo punto verranno accorpati in un unico convoglio. Un terzo convoglio, partito lunedi scorso dall'altra centrale nucleare di Neckarwestheim (sudovest), non ha incontrato difficolta' e raggiungera' presto anch'esso Sellafield.

UNIONE EUROPEA- Il premier danese Anders Fogh Rassmussen ha lanciato oggi all'Europarlamento di Strasburgo un nuovo forte appello al rispetto della tabella di marcia per l'allargamento, principale priorita' del semestre di presidenza danese: entro il 2002 - ha detto presentando ai deputati il suo programma di lavoro - e' necessario concludere i negoziati di adesione con dieci paesi membri (Polonia, Ungheria, Repubblica Ceca, Slovenia, Slovacchia, Estonia, Lettonia, Lituania, Malta e Cipro). ''Noi - ha sottolineato - manterremo la scadenza di dicembre come decisiva ed obbligatoria. Non dico che e' ora o mai piu'. Ma se non coglieremo l'opportunita' che ci e' offerta, il processo di ampliamento rischiera' di essere ritardato in maniera significativa''. ''Il percorso - ha avvertito tuttavia Rasmussen - e' punteggiato di ostacoli da superare''. Tre i piu' delicati: il capitolo degli aiuti diretti agricoli, il referendum irlandese sul Trattato di Nizza, la questione di Cipro. Sul primo fronte, il primo ministro danese ha osservato che la Commissione Ue ha fatto una proposta ''equilibrata e ragionevole'' per la trattativa con i paesi candidati: molti stati membri ''la giudicano troppo onerosa, mentre i candidati la dichiarano insufficiente''. Occorrera' trovare un compromesso, ma soprattutto saranno i 15 a dover trovare una posizione comune sugli aiuti al reddito degli agricoltori ''entro l'inizio di novembre'' per poi negoziare con gli aspiranti all'adesione in vista del vertice di Copenaghen di dicembre. Il referendum irlandese sulla ratifica del Trattato di Nizza e' un altro elemento di incertezza: un nuovo 'no' irlandese - ha detto Rasmussen - ''metterebbe il processo di allargamento in peericolo''. Infine, il problema di Cipro, la cui divisione rappresenta un fattore che complica le scelte. Il premier danese ha insistito sul fatto che le aspettative create negli ultimi 10 anni ''non possono essere disattese'': ''Noi dobbiamo mantenere i nostri impegni e rispettare le scadenze che ci siamo dati. E' il momento di passare dalle parole ai fatti''

GERUSALEMME, 3 LUG – Soltanto 5.000 manovali palestinesi sono stati autorizzati oggi a lavorare nello stato israeliano. Lo ha riferito la radio militare secondo cui questa e' una delle misure decise dal consiglio di difesa del governo per alleviare le condizioni della popolazione palestinese che - in Cisgiordania - e' da due settimane sottoposta ad assedio e, nei principali centri urbani, anche a coprifuoco. Secondo la emittente il ministro degli esteri Shimon Peres e' rimasto molto deluso dalle decisioni odierne. Peres - ha aggiunto la emittente - aveva consigliato di consentire ad almeno 30 mila palestinesi di lavorare in Israele-

- Roma, 3 lug. - Un evento sismico di magnitudo 2,5 (pari al II grado Mercalli) che ha interessato la zona dei Castelli Romani, e' stato registrato dall'Istituto Nazionale di Geofisica. L'epicentro e' stato localizzato in provincia di Roma, nel territorio dei comuni di Velletri, Lariano, Nemi e Lanuvio. Dalle verifiche fin qui effettuate dalla Sala Operativa del Dipartimento della Protezione Civile la scossa e' stata lievemente avvertita dalla popolazione. Al momento non vengono segnalati danni a persone o cose.

== Gr Flash di mercoledi 3 giugno - ORE 12,30 ==

PALESTINA - GAZA, due palestinesi sono stati catturati la scorsa notte nelle serre della colonia israeliana di Ganey Tal (Gaza) dopo che avevano assaltato un avamposto militare ferendo 2 soldati. La radio militare ha riferito che un militante palestinese pronto a compiere un attentato e' stato arrestato a Rafidye, presso Nablus. Secondo la stampa odierna inoltre, due altre militanti armati sono stati catturati ieri a Qalqilya (Cisgiordania) mentre si dirigevano verso il territorio israeliano.

Intanto l’ANSA comunica che il presidente israeliano Moshe Katzav sara' verso la fine di questo mese in Italia, Francia, Spagna per ''colloqui politici'' con i rispettivi capi di stato. Lo hanno riferito fonti governative a Gerusalemme, precisando che non si tratta di visite di stato. Il viaggio di Katzav in questi paesi, hanno aggiunto le fonti, e' stato concordato con l' ufficio del primo ministro e col ministero degli esteri poiche' si e' avvertita la necessita' di illustrare ai capi di stato europei la posizione di Israele in merito ai diversi aspetti del conflitto mediorientale. Secondo le fonti i particolari del viaggio non sono stati ancora definiti del tutto. Katzav dovrebbe fermarsi un giorno in ciascuna delle capitali che visitera'. In linea di massima dovrebbe arrivare a Roma il 23 agosto.

ITALIA - Manifestazione di Greenpeace contro l'inceneritore dei rifiuti di Como: cinque alpinisti si sono arrampicati lungo i 25 metri del comignolo, mentre altri 12 chiudevano i cancelli dell'impianto. Motivo della protesta: il latte prelevato nell'area e' contaminato di diossine e di piombo. ''Il consumo di 100 grammi di questo latte - ha spiegato il portavoce Vittoria Polidori - basta per raggiungere la soglia limite di assunzione giornaliera di diossine indicata dall' Oms per una persona di 70 chili. A un bambino di 20 chili di peso bastano 40 grammi per raggiungere la soglia''. Secondo Greenpeace, l' impatto delle diossine e dei PCB sia a livello prenatale (placenta e cordone ombelicale) che postnatale (latte materno) solleva preoccupanti interrogativi sui possibili effetti a livello neurocomportamentale. L'associazione ha condotto analisi su 11 campioni di latte di mucca, provenienti da fattorie poste a diversa distanza, fra 250 e 5500 metri. Le fattorie selezionate si trovano in 8 localita' di Emilia Romagna, Veneto, Lombardia e Toscana. Ed e' stato analizzato un campione di latte prelevato in un' azienda lontana da inceneritori, preso come valore di riferimento. Gli inquinanti si trovano in concentrazioni decrescenti man mano che ci si allontana dall' inceneritore. La concentrazione di piombo si e' rivelata dalle due alle dieci volte superiore al limite imposto dal regolamento 466/2001 dell' Unione Europea, entrato in vigore lo scorso aprile. ''Oltre alle insorgenze tumorali - ha aggiunto Polidori -, diossine e pcb possono provocare danni al sistema immunitario, riproduttivo, respiratorio e disturbi ormonali. Anziche' bruciare i rifiuti, dovremmo imparare a ridurre, riusare e riciclare. In Italia ci sono 212 inceneritori suddivisi fra rifiuti urbani e speciali e c'e' la tendenza ad aumentare il numero degli impianti e a potenziare quelli esistenti, per almeno altre 41 unita'. Greenpeace ritiene necessaria l' eliminazione progressiva di tutte le forme di incenerimento dei rifiuti, entro il 2020''.

PARLAMENTO - Le invenzioni biotecnologiche si potranno brevettare, ma a patto che osservino determinati principi e criteri. E' questo, in sostanza, quanto prevede il testo della delega al governo in materia brevettabilita' delle invenzioni biotecnologiche di cui le commissioni Attivita' Produttive e Affari Sociali della Camera hanno definito il testo inviandolo poi al parere delle altre commissioni competenti. Si tratta, in pratica, della delega al recepimento della direttiva 98/44/Ce del Parlamento Europeo e del Consiglio, del luglio 1998, in materia appunto di protezione giuridica delle invenzioni biotecnologiche. Alla sua approvazione la direttiva aveva suscitato forti polemiche ed era stata contestata (anche dall' Italia) in sede di Corte di Giustizia delle Comunita' Europee. La Corte ne aveva pero' confermato la legittimita' nell' ottobre dello scorso anno e il nostro paese si trova quindi ora a doverla recepire per non incorrere in censure.
Sono escluse dalla brevettabilita' le razze animali e le varieta' vegetali anche nel caso in cui una invenzione modifichi geneticamente una varieta' utilizzando procedimenti di ingegneria genetica. Non si potranno brevettare i metodi per il trattamento chirurgico o terapeutico del corpo umano o animale e nemmeno i metodi di diagnosi. Si potra' invece chiedere il brevetto di materiale biologico "isolato dal suo ambiente naturale o prodotto tramite un procedimento tecnico, anche se pre-esistente allo stato naturale; si potra' brevettare anche il processo attraverso il quale viene prodotto, lavorato o impiegato materiale biologico purche' abbia i requisiti di una invenzione e si dovra' prevedere che un brevetto possa essere concesso per qualsiasi applicazione nuova di un prodotto gia' brevettato.
DALLA CAMERA: un deputato di Forza Italia presenta un disegno di legge 'anti-writers' per punire penalmente e pecuniariamente chi disegna sui muri: i 'writers', ossia quelli e quelle che scrivono sui muri delle citta'. La presentera' il deputato di Fi Sabatino Aracu. ''E' necessario –cerca di spiegare Aracu- dare un taglio netto a questa vicenda che sta creando –udite, udite!- problemi anche di carattere economico per tutti i cittadini''



INVECE DI “POSTI DI LAVORO” “POSTI DI COMBATTIMENTO”. Dalla CONFINDUSTRIA un accordo con forze armate per favorire occupazione -. Una corsia preferenziale tra mondo produttivo e militare. Una banca dati con i nominativi e i curricula dei soldati volontari. Una formazione orientata verso le professionalista' piu' richieste dalle imprese, ma anche, in futuro, la possibilita', negli ultimi mesi di leva, di fare stage direttamente nelle aziende. Questo il senso della convenzione firmata oggi tra Confindustria e ministero della Difesa alla presenza, tra gli altri, del sottosegretario della Difesa, Salvatore Cicu, e del direttore generale di viale dell'Astronomia, Stefano Parisi.




= GR serale del 020703 =
SOMMARIO

Dal mondo

PALESTINA - Manifestazioni contrapposte nella striscia di gaza. Una da parte di hamas e l'altra a favore di yasser Arafat. Intanto Soltanto 5.000 manovali palestinesi sono stati autorizzati oggi a lavorare nello stato israeliano


Perù - Vladimiro Montesinos ex uomo-forte della dittatura peruviana dell'epoca di Fujimori, è stato condannato con l'accusa di usurpazione di potere. Nel frattempo migliaia di reclusi del carcere di Lurigancho (est di Lima), il più popolato del Perù, hanno iniziato uno sciopero della fame per protestare contro il sistema giudiziario nazionale

ARGENTINA - Oggi giornata nazionale di lotta in argentina, mentre il presidente annuncia che si terranno a marzo del 2003 le elezioni generali anticipate in Argentina

CORTE PENALE INTERNAZIONALE - A quattro anni dalla firma nasce la cortre penale internazionale, mentre gli Stati Uniti rapongono sempre più ostacoli



AIDS - Fino a 68 milioni di persone potrebbero morire a causa dell'Aids nei primi 20 anni del secolo in corso, e trovare i mezzi per ridurre questa cifra e' l'obiettivo che si prefigge la XIV Conferenza Internazionale sulla malattia

BERLINO - Accompagnati da proteste di gruppi ambientalisti, due convogli di scorie nucleari sono partiti la notte scorsa dalle centrali atomiche tedesche di Kruemmel (nord) e Unterweser (nordovest) diretti al centro di trattamento di Sellafield


Controllo sui corpi - Il movimento transgender americano sta attuando una forte contestazione contro le decisioni di attuare forme di controllo sui corpi

ITALIA

Manifestazione di Greenpeace contro l'inceneritore dei rifiuti di Como

 Le invenzioni biotecnologiche si potranno brevettare, ma a patto che osservino determinati principi e criteri. E' questo, in sostanza, quanto prevede il testo della delega al governo in materia brevettabilita' delle invenzioni biotecnologiche

Canpeggio contro il ponte di messina - Dall' 1 al 7 luglio "Campeggio Sotto il Ponte" contro le grandi opere per la salvaguardia dell'ambiente


DAL MONDO
PALESTINA -Una postazione della polizia palestinese sarebbe stata presa di mira a Rafah, nel sud della striscia di Gaza da centinaia di militanti di Hamas che invocavano la pena di morte per un recluso. Secondo i dimostranti, questo è infatti un collaborazionista di Israele. Fonti locali hanno riferito che i dimostranti hanno preso a sassate la sede della polizia e hanno anche scagliato un piccolo ordigno rudimentale. Sei persono sono rimaste ferite.
In precedenza a Gaza si era svolta una affollata manifestazione di sostegno al presidente Yasser Arafat. Migliaia di persone avevano scandito slogan a suo favore e di biasimo nei confronti dei dirigenti degli Stati Uniti che chiedono che l'attuale presidente palestinese sia messo da parte per far posto a una nuova leadership palestinese.

Intanto il consolato degli Stati Uniti a Gerusalemme est - afferma in un comunicato il deputato palestinese Hatem Abdel Qader di al- Fatah - è attivamente impegnato nella ricerca di nuovi dirigenti politici fra i palestinesi. Secondo Abdel Qader, una ventina di "figure pubbliche" di Gerusalemme e della Cisgiordania sono state invitate a visitare Washington "per consultazioni non ufficiali". Fra questi personaggi spiccano i nomi, secondo Abdel Qader, di membri del Consiglio legislativo palestinese, esponenti del mondo accademico, attivisti politici e leader di organizzazioni non governative.
Nel documento, non viene tuttavia precisata la loro identità. "Avvertiamo queste figure di non ardire ad aggirare la legittima leadership palestinese. Altrimenti ne pagherebbero il prezzo", conclude il dirigente di al-Fatah.
Soltanto 5.000 manovali palestinesi sono stati autorizzati oggi a lavorare nello stato israeliano. Lo ha riferito la radio militare secondo cui questa e' una delle misure decise dal consiglio di difesa del governo per alleviare le condizioni della popolazione palestinese che - in Cisgiordania - e' da due settimane sottoposta ad assedio e, nei principali centri urbani, anche a coprifuoco. Secondo la emittente il ministro degli esteri Shimon Peres e' rimasto molto deluso dalle decisioni odierne. Peres - ha aggiunto la emittente - aveva consigliato di consentire ad almeno 30 mila palestinesi di lavorare in Israele-



PERU' -Vladimiro Montesinos ex uomo-forte della dittatura peruviana dell'epoca di Fujimori, è stato condannato con l'accusa di usurpazione di potere. Questo rappresenterebbe una pietra miliare nella giustizia secondo l'Associazione dei Diritti Umani. Montesinos è stato condannato a nove anni e quattro mesi di prigione, ed inoltre al pagamento di 2,8 milioni di dollari. Montesinos è stato il consigliere privilegiato dell'ex presidente-dittatore peruviano Alberto Fujimori. Ha gestito in prima persona il servizio segreto peruviano (SIN) dall'inizio del 1990 usandolo come suo strumento di potere personale ed a sostegno del pugno di ferro di Fujimori. Montesinos inoltre ha organizzato il gruppo di Colina, uno squadrone della morte che ha compiuto massacri all'inizio degli anni 90 ed atti intimidatori verso avversari politici. Il governo peruviano attualmente sta cercando di ottenere l'estradizione dello steso Fujimori per questi ed altri crimini.Migliaia di reclusi del carcere di Lurigancho (est di Lima), il più popolato del Perù, hanno iniziato uno sciopero della fame per protestare contro il sistema giudiziario nazionale. Dei 6.850 detenuti ospitati nel penitenziario, solo 657 sono stati condannati, mentre gli altri sono in attesa di giudizio. La mobilitazione, indetta a tempo indeterminato, consiste sostanzialmente nel rifiutare ogni tipo di alimento e nel restare in cella, anche a costo di disertare le visite dei familiari. Finora la protesta si è svolta in maniera pacifica ma le autorità carcerarie hanno rafforzato le misure di sicurezza per evitare un’eventuale rivolta. Nelle ultime ore anche un migliaio di detenuti del carcere di El Milagro (Trujillo) si è unito allo sciopero della fame indetto dai colleghi di Lurigancho. A motivare la mobilitazione avrebbe contribuito, tra l’altro, un film uscito recentemente nelle sale peruviane, dal titolo “Díjango: La otra cara”, pellicola che narra la storia del criminale Oswaldo Gonzales. Secondo quanto riferito dai prigionieri al parlamentare Yonhy Lescano Anchieta, la violenza contenuta nel film potrebbe influire negativamente sui giudici, rischiando di aggravare la situazione giudiziaria di molti reclusi.



ARGENTINA - Oggi giornata nazionale di lotta in argentina, mentre il presidente annuncia che si terranno a marzo del 2003 le elezioni generali anticipate in Argentina. Lo ha annunciato il presidente della repubblica Eduardo Duhalde. La chiamata alle urne, in teoria, avrebbe dovuto avere luogo nel settembre del prossimo anno. La notizia era nell’aria da un paio di settimane ma il capo dello Stato ha voluto attendere il ritorno dagli Usa del ministro dell’economia Roberto Lavagna, il quale gli avrebbe offerto assicurazioni circa la possibilità di chiudere in tempi ragionevoli il fondamentale accordo con il Fondo monetario internazionale. In dicembre, dunque, i partiti politici saranno tenuti a celebrare le primarie interne, per scegliere i propri candidati. Il presidente che uscirà dalle consultazioni di marzo assumerà il potere il successivo 25 maggio. Il ricorso anticipato al voto dovrebbe escludere dalla partita l’ex capo dello Stato Carlos Menem. La legge prevede infatti che un ex presidente, per ricandidarsi, debba far trascorrere almeno tre anni dalla fine del precedente mandato.

CORTE PENALE INTERNAZIONALE - A quattro anni dalla firma nasce la cortre penale internazionale e vediamo quindi perchè gli Stati Uniti hanno posto il veto nel consiglio di Sicurezza dell'ONU ad una risoluzione che estende la missione di pace in Bosnia (Ascoltiamo il servizio per radio Kcentrale di Bologna)

AIDS - Fino a 68 milioni di persone potrebbero morire a causa dell'Aids nei primi 20 anni del secolo in corso, e trovare i mezzi per ridurre questa cifra e' l'obiettivo che si prefigge la XIV Conferenza Internazionale sulla malattia, che si aprira' domenica prossima a Barcellona, e i cui lavori sono stati presentati oggi a Madrid dall'organismo delle Nazioni Unite per l'Aids (Onusida). Luiz Loures, responsabile per l'America Latina dell'Onusida, ha sottolineato che "dopo 20 anni di lotta contro l'Aids, disponiamo di una sufficiente conoscenza del problema, nonche' della volonta' politica per combatterlo: mancano adesso le risorse per affrontare la questione". Loures ha aggiunto che "in realta' esistono due malattie: "l'Aids dei poveri e quello dei ricchi", come si evince dal fatto che dei 68 milioni di morti previsti ben 55 milioni moriranno in Africa, e piu' in particolare nell'Africa subsahariana. Gli oltre 14 mila delegati attesi a Barcellona -dove la conferenza sara' inauguerata domenica 7 luglio dalla Infanta Elena- affronteranno la questione dell'Aids da diversi punti di vista: si va dai trattamenti per sieropositivi, con la presentazione di due nuovi farmaci anti-Hiv, alle problematiche regionali o l'estensione del contagio fuori dai tradizionali gruppi considerati a rischio.

 
BERLINO, 3 LUG - Accompagnati da proteste di gruppi ambientalisti, due convogli di scorie nucleari sono partiti la notte scorsa dalle centrali atomiche tedesche di Kruemmel (nord) e Unterweser (nordovest) diretti al centro di trattamento di Sellafield, in Gran Bretagna. I manifestanti hanno bloccato nelle prime ore di stamane i due convogli ferroviari. I vagoni provenienti da Kruemmel sono rimasti fermi per circa un'ora all'altezza di Amburgo-Bergedorf, dove gruppi di dimostranti hanno occupato i binari. Due di loro si sono incatenati ai binari, e la polizia ha dovuto pazientemente lavorare per liberarli, prima di arrestarli. Anche il secondo convoglio proveniente da Unterweser e' stato temporaneamente bloccato per l'occupazione della linea ferroviaria da parte di alcune decine di ecologisti. I due treni a un certo punto verranno accorpati in un unico convoglio. Un terzo convoglio, partito lunedi scorso dall'altra centrale nucleare di Neckarwestheim (sudovest), non ha incontrato difficolta' e raggiungera' presto anch'esso Sellafield.

Controllo sui corpi - Il movimento transgender americano sta attuando una forte contestazione contro le decisioni di attuare forme di controllo sui corpi attraverso "scanner" che permettono di rivelare la costituzione fiosiologico-genitale di una persona indipendentemente dal sesso dichiarato. (Il servizio di K centrale di Bologna)

ITALIA

Manifestazione di Greenpeace contro l'inceneritore dei rifiuti di Como: cinque alpinisti si sono arrampicati lungo i 25 metri del comignolo, mentre altri 12 chiudevano i cancelli dell'impianto. Motivo della protesta: il latte prelevato nell'area e' contaminato di diossine e di piombo. ''Il consumo di 100 grammi di questo latte - ha spiegato il portavoce Vittoria Polidori - basta per raggiungere la soglia limite di assunzione giornaliera di diossine indicata dall' Oms per una persona di 70 chili. A un bambino di 20 chili di peso bastano 40 grammi per raggiungere la soglia''. Secondo Greenpeace, l' impatto delle diossine e dei PCB sia a livello prenatale (placenta e cordone ombelicale) che postnatale (latte materno) solleva preoccupanti interrogativi sui possibili effetti a livello neurocomportamentale. L'associazione ha condotto analisi su 11 campioni di latte di mucca, provenienti da fattorie poste a diversa distanza, fra 250 e 5500 metri. Le fattorie selezionate si trovano in 8 localita' di Emilia Romagna, Veneto, Lombardia e Toscana. Ed e' stato analizzato un campione di latte prelevato in un' azienda lontana da inceneritori, preso come valore di riferimento. Gli inquinanti si trovano in concentrazioni decrescenti man mano che ci si allontana dall' inceneritore. La concentrazione di piombo si e' rivelata dalle due alle dieci volte superiore al limite imposto dal regolamento 466/2001 dell' Unione Europea, entrato in vigore lo scorso aprile. ''Oltre alle insorgenze tumorali - ha aggiunto Polidori -, diossine e pcb possono provocare danni al sistema immunitario, riproduttivo, respiratorio e disturbi ormonali. Anziche' bruciare i rifiuti, dovremmo imparare a ridurre, riusare e riciclare. In Italia ci sono 212 inceneritori suddivisi fra rifiuti urbani e speciali e c'e' la tendenza ad aumentare il numero degli impianti e a potenziare quelli esistenti, per almeno altre 41 unita'. Greenpeace ritiene necessaria l' eliminazione progressiva di tutte le forme di incenerimento dei rifiuti, entro il 2020''.

PARLAMENTO - Le invenzioni biotecnologiche si potranno brevettare, ma a patto che osservino determinati principi e criteri. E' questo, in sostanza, quanto prevede il testo della delega al governo in materia brevettabilita' delle invenzioni biotecnologiche di cui le commissioni Attivita' Produttive e Affari Sociali della Camera hanno definito il testo inviandolo poi al parere delle altre commissioni competenti. Si tratta, in pratica, della delega al recepimento della direttiva 98/44/Ce del Parlamento Europeo e del Consiglio, del luglio 1998, in materia appunto di protezione giuridica delle invenzioni biotecnologiche. Alla sua approvazione la direttiva aveva suscitato forti polemiche ed era stata contestata (anche dall' Italia) in sede di Corte di Giustizia delle Comunita' Europee. La Corte ne aveva pero' confermato la legittimita' nell' ottobre dello scorso anno e il nostro paese si trova quindi ora a doverla recepire per non incorrere in censure.
Sono escluse dalla brevettabilita' le razze animali e le varieta' vegetali anche nel caso in cui una invenzione modifichi geneticamente una varieta' utilizzando procedimenti di ingegneria genetica. Non si potranno brevettare i metodi per il trattamento chirurgico o terapeutico del corpo umano o animale e nemmeno i metodi di diagnosi. Si potra' invece chiedere il brevetto di materiale biologico "isolato dal suo ambiente naturale o prodotto tramite un procedimento tecnico, anche se pre-esistente allo stato naturale; si potra' brevettare anche il processo attraverso il quale viene prodotto, lavorato o impiegato materiale biologico purche' abbia i requisiti di una invenzione e si dovra' prevedere che un brevetto possa essere concesso per qualsiasi applicazione nuova di un prodotto gia' brevettato.


Canpeggio contro il ponte di messina - Dall' 1 al 7 luglio "Campeggio Sotto il Ponte" contro le grandi opere per la salvaguardia dell'ambiente e della qualità della vita della popolazione. Ce ne parla Massimo del Messina Social Forum nel servizio realizzato per K centrale di bologna

G.R. 9,30

IRAQ DA LONDRA, Il generale americano Barry McCaffrey - veterano della Guerra del Golfo del 1991, - ha avvertito che le truppe Usa potrebbero essere costrette a rimanere in Iraq per il prossimo decennio. Lo ha detto in un'intervista trasmessa in serata dalla televisione Bbc, sottolineando inoltre che i prossimi 12 mesi saranno molto duri. Dovremo affrontare un anno di ambiente molto complesso, pericoloso, violento, ha dichiarato il generale, andato in pensione nel 1996. Abbiamo tre enormi, bellicose fazioni, i curdi, gli sciiti, i sunniti, ha aggiunto. McCaffrey. A suo avviso, le truppe americane, con rinforzi internazionali, possono reggere a un simile impegno nel breve periodo, ma avere due/terzi delle Forze armate dispiegate in Iraq, Afghanistan e Corea del sud non e' una situazione sostenibile a lungo termine. Bisogna costruire una polizia irachena e un nuovo esercito iracheno, che siano in grado per conto loro di mantenere la sicurezza, ha proseguito il generale. McCaffrey ha inoltre insisito sulla necessita' che al popolo americano sia detta la verita'. Penso vi sia stato qualche discorso che non ha aiutato. Dobbiamo essere franchi con il popolo americano e con le Forze armate Usa.

PALESTINA A Betlemme avverra' nel pomeriggio il passaggio delle consegne tra Esercito d'Israele e forze dell'Autorita' Nazionale Palestinese, con conseguente ritiro delle truppe di occupazione israeliane dalla citta' autonoma della Cisgiordania. Lo ha precisato la radio militare israeliana, secondo cui sul campo si dispiegheranno subito agenti della sicurezza palestinese in uniforme e dotati di armi di ordinanza; quanto agli israeliani, nessun ripiegamento vero e proprio in quanto da settimane a Betlemme gia' non c'era piu' una presenza costante e predeterminate di soldati e mezzi blindati.

AFGHANISTAN KABUL, 2 LUG - Un uomo e' rimasto ucciso oggi alla periferia di Kabul quando l'esplosivo che portava legato al suo corpo e' esploso, ha detto oggi la polizia. L'esplosione si e' verificata poco prima della mezzanotte di ieri, martei' primo luglio, a circa tre km da una base usata da soldati Usa e francesi per addestrare militari afghani. Egli aveva materiale esplosivo attaccato al corpo, ma non sappiamo quale fossero le sue intenzioni, ha affermato il capo della polizia di Kabul Basir Salangi. Quattro soldati tedeschi della forza di interposizione sono stati uccisi il 7 giugno in un attacco suicida con autobomba a Kabul. Le autorita' afghane attribuiscono la responsabilita' di questo come di altri attacchi al governo e alle truppe internazionali a irriducibili del regime dei taleban che ancora sono nascosti nel paese, ai loro alleati di al Qaida, e ai combattenti leali dall'ex signore della guerra Gulbuddin Hekmatyar che, tutti, non vogliano soldati stranieri in territorio afghano

PENA DI MORTE/ USA , OMICIDA GIUSTIZIATO IN OKLAHOMA Aveva assassinato quattro persone McAlester (Oklahoma), 2 lug. - Un uomo di 31 anni, Lewis Eugene Gilbert, è stato giustiziato mediante iniezione letale nel carcere di McAlester nell'Oklahoma. Era stato condannato a morte per l'assassinio di una donna nove anni fa. Aveva ricevuto una seconda condanna a morte per l'uccisione di una coppia di coniugi, ed aveva confessato un quarto omicidio, per il quale non era ancora stato processato.

CECENIA MOSCA, 2 LUG - Centotrentuno ribelli ceceni si sono arresi per poter beneficiare dell'Amnistia entrata in vigore all'inizio di giugno nella repubblica caucasica, mentre va avanti il sanguinoso conflitto che nelle ultime ore ha reclamato la vita di almeno 25 uomini da entrambe le parti. Secondo il ministero dell'interno ceceno colloqui sarebbero in corso con un gruppo di altri 60 guerriglieri in vista di una possibile resa e si ritiene possibile che entro la scadenza dell'amnistia a settembre avranno lasciato le armi in tutto 600 uomini. Secondo Mosca le forze indipendentiste conterebbero su non piu' di 2.000-3.000 uomini ma secondo calcoli indipendenti questa cifra sarebbe piu' vicina ai 4.000-5.000. La guerriglia ha respinto l'amnistia - che esclude i vertici politici e militari indipendentisti a cominciare dal presidente eletto Aslan Maskhadov - come un trucco per ottenere cio' che i russi non sono riusciti a fare con le armi dei loro 80.000 uomini di stanza in Cecenia, cioe' la rinuncia all'indipendenza in cambio di un'ampia autonomia. Il presidente dell'amministrazione cecena filorussa Akhmad Kadyrov ha avuto colloqui in questi giorni con esponti di alto livello al Cremlino per negoziare un accordo sulla promessa autonomia. Secondo fonti ufficiali non si esclude che alla Cecenia possa essere concessa un'autonomia piu' vasta di quella di cui godono altre repubbliche. La guerra intanto continua, sia pure a bassa intensita', con l'uccisione tra lunedi e martedi di almeno 15 ribelli in varie parti del Paese, Continuano intanto, secondo i ribelli, i bombardamenti aerei russi lanciati nelle scorse settimane soprattutto contro le basi della guerriglia sulle montagne.

ROMA, OPERAIO URTATO DA GRU IN CANTIERE EDILE

  • = RICOVERATO IN PROGNOSI RISERVATA Roma, 2 lug. - E' ricoverato in prognosi riservata all'ospedale Sant'Eugenio Salvatore Z., 32 anni, l'operaio urtato per errore ieri sera da una gru all'interno di un cantiere edile in via dell'Ippica, nella zona dell'Eur a Roma. L'uomo, soccorso da alcuni colleghi, ha riportato un forte trauma toracico. Sono in corso indagini per ricostruire la dinamica dell'incidente.

gror030702 (last edited 2008-06-26 09:54:02 by anonymous)