Inserisci una descrizione per gror030901

G.R. 10,30

PALESTINA operaio ferito da cecchino: stato assedio a Kalkilia E' in ospedale ferito gravemente un operaio israeliano colpito oggi da un cecchino mentre lavorava alla costruzione della barriera che separa Israele dai territori palestinesi. In risposta, l'esercito ha sottoposto allo stato d'assedio la città palestinese di Kalkilia, la più vicina al luogo dell'attentato. Intanto in Israele il primo ministro Ariel Sharon ha ribadito oggi la sua condanna all'immobilismo palestinese nei confronti dei gruppi di estremisti islamici. "I palestinesi - ha detto - non hanno ancora fatto cio' che avrebbero dovuto. Dunque, provvederemo noi". Lo riferisce il quotidiano Ha'aretz nella sua versione on line. Sharon ha espresso la sua posizione nel corso di un incontro di governo che vede la questione della sicurezza e il bilancio di previsone del 2004 all'ordine del giorno

Iraq

Sono stati nominati da parte del consiglio governativo dell'Iraq i 25 ministri che costituiranno il governo transitorio nel Paese che fu di Saddam. Dei ministri, 13 sono arabi sciiti, cinque sono sunniti, cinque curdi, uno cristiano e uno turcomanno Cina, tagliati 200 mila soldati entro il 2005 La Cina diminuirà di 200 mila soldati i suoi eserciti, entro la fine del 2004. Lo ha annunciato Jiang Zemin, presidente della Commissione militare centrale del Partito comunista. La decisione è per "accelerare la modernizzazione" delle più numerose forze armate del mondo

LIBIA

Il mistero di Ustica secondo Muhammar Gheddafi. Il leader Libico nel lungo discorso di ieri, in cui ha annnciato l'accordo raggiunto con i familiari delle vittime dell'aereo Uta, esploso nei cieli del Niger nel 1989 con 170 persone a bordo, ha fatto sapere che ad abbattere il Dc9 Itavia furono gli statunitensi. Pensavano, secondo Gheddafi, che lui stesso fosse a bordo e volevano ucciderlo. Comunque, ha voluto sottolineare che si tratta del passato e che i rapporti della Libia con l'Occidente sono oggi molto migliorati

Australia

Anche l'Australia sosterrà una nuova risoluzione Onu per l'Iraq, che favorirà un nuovo ruolo dell'Onu nel Paese che fu di Saddam.

INDIA

Migliaia di veicoli, fra i quali diverse camionette dell'esercito, sono rimasti bloccati ai due ingressi del Jawahar Tunnel, situato a100 chilometri a sud di Srinagar, capitale estiva del Kashmir controllato dall'India, ha riferito un ufficiale di polizia in condizione di anonimato. La bomba, che era stata intercettata, è esplosa mentre un artificiere stava tentando di disinnescarla. Il tunnel è situato lungo un'autostrada nazionale, a 2.200 metri d'altezza, nella catena montuosa di Pir Panja, nell'Himalaya

HONDURAS

Tredici persone sono rimaste uccise nel corso di tre attacchi armati sferrati nel fine settimana contro altrettanti autobus del servizio pubblico dei trasporti a San Pedro Sula, 165 chilometri a nord della capotale onduregna Tegucigalpa. Lo ha riferito il portavoce della polizia locale, Wilmer Torres, precisando che ci sarebbero anche una ventina di feriti, alcuni dei quali in gravi condizioni. Il ministro della sicurezza, Oscar Alvarez, ha comunicato che le forze dell’ordine hanno arrestato quattro persone identificate da alcuni testimoni come i responsabili degli attacchi, presumibilmente appartenenti a ‘pandillas’, le bande giovanili. In base alle prime ricostruzioni dell’accaduto, almeno in un caso uomini armati hanno costretto il conducente dell’automezzo a fermarsi, sono saliti a bordo e hanno sparato all’impazzata contro i passeggeri. “Ancora non abbiamo nulla di preciso, stiamo investigando sia sui responsabili che sui possibili moventi” ha aggiunto Torrres. San Pedro Sula, la seconda città e il primo polo commerciale dell’Honduras, è la più colpita da un’ondata di violenza. Rapine, furti d’auto, sequestri e altri crimini proseguono nonostante l’avvio della cosiddetta operazione ‘Liberación’ lanciata dalla polizia per arginare il fenomeno delle ‘pandillas’. Una legge approvata recentemente dal Congresso punisce con pene detentive dai 6 ai 12 mesi di carcere i membri di queste bande criminali che, secondo le autorità, sarebbero attualmente oltre 33mila.

COLOMBIA

La televisione colombiana ha fornito sabato la prova che Ingrid Betancourt, ex candidata presidenziale di 'Oxigeno Verde', da oltre un anno ostaggio delle Farc (Forze armate rivoluzionarie della Colombia), è viva e in discreta forma, almeno stando alle immagini. I guerriglieri colombiani hanno fatto pervenire a ‘Noticias Uno’ una videocassetta di 22 minuti in cui il loro ‘eccellente’ ostaggio rivolge un messaggio al presidente, Alvaro Uribe, affinché faccia intraprendere all'esercito un'operazione finalizzata alla sua liberazione, senza mettere a rischio la sua incolumità e quella di altri ostaggi. La Betancourt ha in particolare affermato d’essere d’accordo con l’ipotesi di un’azione di riscatto sulle cui modalità è però necessaria “una valutazione minuziosa di ogni particolare”. La dirigente dei verdi ha però espresso parere negativo nei confronti di un possibile “accordo umanitario nel quale si scambino civili da una parte e guerriglieri dall’altra” mentre ha auspicato che le Farc compiano “gesti di distensione unilaterale, vale a dire di liberazione umanitaria”.