Differences between revisions 6 and 7
Revision 6 as of 2005-07-06 09:04:43
Size: 23984
Editor: domx
Comment:
Revision 7 as of 2005-07-06 09:09:53
Size: 24215
Editor: domx
Comment:
Deletions are marked like this. Additions are marked like this.
Line 163: Line 163:
'''Sommario'''

 [#1 1] Giornata di sangue in Afghanistan
 
 [#2 2]

 [#3 3]
 
 [#4 4]

 [#5 5]
 
 [#6 6]

 [#7 7]

 [#8 8]

 [#9 9]

 [#10 10]

Line 165: Line 188:
'''AFGANISTAN'''
[[Anchor(1)]] 1 '''Giornata di sangue in Afghanistan'''

Anchor(top)

[:rorinterattiva: Home page Ror interattiva]

[#appunti Appunti e note redazionali]

[:RorFonti: Fonti]

Gr 19:30

[http://radiobase.ondarossa.it/monitor/GR19.30/audio/Mese/AAMMGG/AAMMGGgror.mp3 ascolta il giornale radio]

Sommario

  • [#1 1] CPT PONTE GALERIA [#2 2] Viaggiavano nascosti nel tir, due immigrati morti sulla A31 [#3 3] Ha il cancro, ma da detenuto non può curarsi [#4 4] Scozia: G8, manifestanti bloccano base navale nucleare [#5 5] AFGHANISTAN: vittime civili per un bombardamento USA [#6 6] IRAQ: attacco con autobomba nella capitale e operazioni delle forze occupanti [#7 7] SIRIA: scontri cruenti tra militari e integralisti [#8 8] PALESTINA: la polizia israeliana arresta 300 militanti islamici [#9 9] Cina - Migliaia di contadini contro gli espropri nel sud e 19 morti in una miniera [#10 10] Viagra e cecità, la FDA sapeva dal marzo 2004


PRIMO PIANO

Per domani martedi 5 luglio manifestazione sotto il CPT di Ponte Galeria.

(ascoltiamo la corrispondenza con una compagna di Action)

Servizio audio:

[http://radiobase.ondarossa.it/monitor/GR19.30/audio/Luglio/050704/050704PonteGaleria.mp3.mp3 ascolta]


NOTIZIE BREVI

ITALIA

  • Anchor(2) 2 Viaggiavano nascosti nel tir, due immigrati morti sulla A31

VICENZA - Viaggiavano nascosti nel vano portattrezzi di un tir, che avrebbe dovuto trasportarli verso una nuova vita. E invece sono morti. Altri due sono stati trovati sotto choc e in condizioni di disidratazione ma non sarebbero in pericolo di vita. La scoperta è stata fatta nel pomeriggio in un'area di parcheggio dell' Autostrada Valdastico A31. A scoprirli è stato l'autista del camion.

I due uomini sarebbero di nazionalità irachena. Il camion con targa austriaca, su cui si erano nascosti, era sbarcato questa mattina a Venezia proveniente dalla Grecia.


  • Anchor(3) 3 Ha il cancro, ma da detenuto non può curarsi

Ha un tumore al fegato ma lui, Massimo B., detenuto di Regina Coeli e trasferito in una casa famiglia, non può seguire nessuna terapia. Non ha infatti l'autorizzazione per uscire dalla struttura e sta perdendo ogni possibilità anche solo di alleviare le sofferenze causate dalla malattia

  • Il detenuto, 48 anni, e' da un mese agli arresti domiciliari nella casa famiglia I Delfini. Il 2 giugno, Massimo ha ottenuto il trasferimento dal carcere alla struttura a causa delle sue gravi condizioni di salute. Ma, da allora, non ha ancora avuto l'autorizzazione ad allontanarsi dall'ente che lo ospita e non può andare al Sert del Regina Coeli, dove ogni giorno gli veniva somministrato il metadone. Anche le visite dall'oncologo gli sono negate: se andasse all'ospedale Fatebenefratelli per i controlli medici, potrebbe essere accusato di evasione.

Il 13 giugno Massimo si e' rivolto al Tribunale di sorveglianza e alla Corte d'Appello chiedendo un permesso giornaliero di un paio d'ore. Finora nessuna risposta è arrivata.


ESTERI

  • Anchor(4) 4 Scozia: G8, manifestanti bloccano base navale nucleare

Fonte: SDA-ATS

LONDRA - Centinaia di manifestanti bloccano da stamani la principale base militare del Regno Unito, quella di Faslane in Scozia, per protestare contro le spese militari e chiedere ai potenti del G8 di riconvertire tali risorse in aiuti ai paesi poveri.

Circa 2 mila persone, secondo gli organizzatori della protesta, sono assiepati davanti ai quattro cancelli del porto militare, dove tra l'altro staziona il sottomarino nucleare Trident. Uno dei manifestanti è stato arrestato dalla polizia mentre tentava di arrampicarsi su un'inferriata per entrare all'interno della base.

Tra i presenti ci sono anche alcuni deputati dei Verdi scozzesi e uomini di chiesa. "Il nostro obiettivo è riuscire a tenere Faslane chiusa il più a lungo possibile. Vogliamo sottolineare come vi sia uno stretto legame tra guerra e povertà e di come la forza militare rappresenti una globalizzazione distruttiva", ha spiegato ai giornalisti uno dei promotori del blocco, Joss Garman.


  • Anchor(5) 5 AFGHANISTAN: vittime civili per un bombardamento USA

Almeno 17 civili, fra cui donne e bambini, sono morti in un raid aereo con cui l'aviazione americana venerdi' scorso ha inteso colpire un campo della guerriglia Taleban, in una impervia regione della provincia di Kunar, nell'est dell'Afghanistan, secondo fonti locali. Ieri un funzionario provinciale aveva per la prima volta parlato di possibili vittime civili, che sono state poi quantificate in 25, fra cui donne, bambini e vecchi, in un comunicato diffuso ieri dai Taleban.

La provincia di Kunar, in cui e' stata compiuta l'operazione, e' la stessa dove e' stato abbattuto la settimana scorsa un elicottero americano Chinook con 17 soldati a bordo, tutti morti tranne uno, ancora disperso, e dove si sono perse le tracce anche di una squadra di ricognizione composta di quattro uomini dei Navy Seals, uno dei quali ritrovato e recuperato sano e salvo ieri. Un afgano e' rimasto ucciso in un attacco suicida contro un mezzo che trasportava degli ingegneri turchi su una strada che collega la provincia orientale di Paktika alla regione centrale di Ghazni. Nell'esplosione e' morto l'autista del veicolo e sono rimasti feriti due ingegneri turchi a bordo.


  • Anchor(6) 6 IRAQ: attacco con autobomba nella capitale e operazioni delle forze occupanti

Esplode autobomba, 2 morti e 4 feriti oggi a Bagdad, nella zona occidentale della capitale. L'esplosione, innescata da un telecomando a distanza, ha fatto due morti e quattro feriti.

Sono un centinaio i sospetti ribelli fermati oggi dalle forze della coalizione e dalle truppe irachene a sudovest di Baghdad. Fonti dell'esercito statunitense specificano che oltre 600 soldati iracheni e 250 militari Usa hanno inaugurato questa mattina un'ampia operazione di rastrellamento nei quartieri a ovest dell'aeroporto della capitale irachena, stanando i ribelli. Fra le persone arrestate, anche numerosi stranieri.


  • Anchor(7) 7 SIRIA: scontri cruenti tra militari e integralisti

Un generale dei servizi di sicurezza Ahmed Hijiazi, e due soldati siriani sono stati uccisi in due scontri con integralisti nelle ultime 48 ore. nelle sparatorie, avvenute alla periferia di Damasco e al confine con il Libano, e' morto anche un militante integralista e decine di persone sono rimaste ferite. Fonti del ministero degli interni siriano -citate dall'agenzia Sana- si sono limitate a riferire che le forze di sicurezza hanno arrestato due membri di 'gruppi terroristici' dopo una sparatoria.


  • Anchor(8) 8 PALESTINA: la polizia israeliana arresta 300 militanti islamici

Sono circa 300 i militanti della Jihad islamica arrestati dalla polizia israeliana a Hebron nelle scorse tre settimane. Lo ha comunicato Khader Adnan, uno dei leader del movimento jihadista con sede nella Striscia di Gaza, parlando alla radio palestinese "Radio Voice".


  • Anchor(9) 9 Cina - Migliaia di contadini contro gli espropri nel sud e 19 morti in una miniera

Fonte: Peacereporter

Migliaia di contadini hanno manifestato negli scorsi giorni contro l'esproprio degli appezzamenti di terreno, nella regione meridionale dello Sanshangang. Le terre erano state confiscate da parte delle industrie della zona, con l'appoggio delle forze di polizia, suscitando le rivolte degli agricoltori. Più di 600 poliziotti sono intervenuti usando la forza contro migliaia di manifestanti.

Almeno 19 minatori hanno perso la vita in seguito ad un'esplosione di gas avvenuta ieri in una miniera illegale della contea di Ningwu, nella provincia orientale dello Shanxi. Al momento dell'incidente, 44 minatori stavano lavorando sotto terra. Quattro sono riusciti a scappare, mentre altri 11 sono stati tratti in salvo dalle squadre di soccorso inviate dal governo provinciale


  • Anchor(10) 10 Viagra e cecità, la FDA sapeva dal marzo 2004

Una ricercatrice sulla sicurezza della Food and Drug Administration (FDA), il cui nome non è stato reso noto, aveva informato i vertici dell’Agenzia di controllo statunitense sul rischio di cecità legato al Viagra sin dal 1° marzo 2004 ma la FDA, troppo occupata ad autorizzare nuovi farmaci, non diede seguito alla richiesta di informare medici e pazienti, modificando il foglietto delle avvertenze del Viagra. I particolari della vicenda sono stati svelati dal senatore americano Charles Grassley e pubblicati dal “Washington Post” del 1° luglio.


Siparietto

  • 1 CPT PONTE GALERIA 2 Viaggiavano nascosti nel tir, due immigrati morti sulla A31 3 Ha il cancro, ma da detenuto non può curarsi 4 Scozia: G8, manifestanti bloccano base navale nucleare 5 AFGHANISTAN: vittime civili per un bombardamento USA 6 IRAQ: attacco con autobomba nella capitale e operazioni delle forze occupanti 7 SIRIA: scontri cruenti tra militari e integralisti 8 PALESTINA: la polizia israeliana arresta 300 militanti islamici 9 Cina - Migliaia di contadini contro gli espropri nel sud e 19 morti in una miniera 10 Viagra e cecità, la FDA sapeva dal marzo 2004


Gr 13:00

Sommario

  • [#1 1] Giornata di sangue in Afghanistan [#2 2] [#3 3] [#4 4] [#5 5] [#6 6] [#7 7] [#8 8] [#9 9] [#10 10]

In primo Piano

Anchor(1) 1 Giornata di sangue in Afghanistan

Almeno 17 civili, fra cui donne e bambini, sono morti in un raid aereo con cui l'aviazione americana venerdi' scorso ha inteso colpire un campo della guerriglia Taleban, in una impervia regione della provincia di Kunar, nell'est dell'Afghanistan, secondo fonti locali.

A darne oggi la notizia e' stato il governatore della provincia, Assadullah Wafa: Anche diciassette civili sono stati uccisi nel bombardamento di un villaggio, e fra le vittime ci sono donne e bambini, anche se non ho a questo riguardo cifre esatte, ha detto alla France Presse.

Scarno il comunicato dei militari americani nel dare l'annuncio dell'attacco: Il bombardamento, che noi abbiamo ritenuto essere urgente, e' stato compiuto con armi di precisione, ed un bilancio non e' ancora disponibile, ha dichiarato il portavoce militare, ten.col. Jerry O'Hara. Un altro portavoce, col. James Yonts, ha detto che le operazioni aeree vengono preparate meticolosamente e con tutte le precauzioni possibili per evitare di fare vittime fra i civili.

Ieri un funzionario provinciale aveva per la prima volta parlato di possibili vittime civili, che sono state poi quantificate in 25, fra cui donne, bambini e vecchi, in un comunicato diffuso ieri dai Taleban.

La provincia di Kunar, in cui e' stata compiuta l'operazione, e' la stessa dove e' stato abbattuto la settimana scorsa un elicottero americano Chinook con 17 soldati a bordo, tutti morti tranne uno, ancora disperso, e dove si sono perse le tracce anche di una squadra di ricognizione composta di quattro uomini dei Navy Seals, uno dei quali ritrovato e recuperato sano e salvo ieri.

NOTIZIE BREVI

ESTERI

IRAQ: RIAD PREPARA INVIO AMBASCIATORE A BAGHDAD

All'indomani della cattura dell'ambasciatore egiziano a Baghdad, l'Arabia Saudita intenderebbe inviare nella capitale irachena un suo rappresentante, riprendendo cosi' le relazioni diplomatiche con l'Iraq, interrotte 13 anni fa. Ne da' notizia oggi il quotidiano di Riad 'Arab News'. Esplode autobomba, 2 morti e 4 feriti oggi a Bagdad, nella zona occidentale della capitale. L'esplosione, innescata da un telecomando a distanza, ha fatto due morti e quattro feriti.

SIRIA

Un ufficiale dei servizi di sicurezza e due soldati siriani sono stati uccisi in due scontri con integralisti nelle ultime 48 ore. nelle sparatorie, avvenute alla periferia di Damasco e al confine con il Libano, e' morto anche un militante integralista e decine di persone sono rimaste ferite. Fonti del ministero degli interni siriano -citate dall'agenzia Sana- si sono limitate a riferire che le forze di sicurezza hanno arrestato due membri di 'gruppi terroristici' dopo una sparatoria

RAPIMENTO ABU OMAR - GOVERNO SUBITO IN PARLAMENTO - BASTA CON I SEGRETI DI STATO

"Governo subito in Parlamento. Davanti alla gravita' delle rivelazioni di un agente della Cia, il governo non puo' cavarsela con una semplice nota di smentita". Lo afferma il presidente dei senatori Verdi, Stefano Boco. Ma la presidenza del Consiglio persevera e smentisce nel modo piu' assoluto e categorico che ne' il governo ne' il consigliere diplomatico ne' il direttore del Sismi ne' gli apparati di informazione e sicurezza abbiano mai ricevuto alcun tipo di notizia da parte di autorita' Usa in ordine all'episodio del cittadino egiziano Abu Omar, rapito a Milano il 17 febbraio 2003. Nella nota di Palazzo Chigi si precisa che nessun contatto, nessuna conversazione, nessuna condivisione di informazione v'e' stata relativamente all'episodio di Milano, per il quale nessuna autorizzazione e' mai stata richiesta o concessa ne' mai se ne e' fatto cenno nei rapporti tra la Presidenza italiana e quella Americana, cosi' come tra i Servizi dei due Paesi, prima delle iniziative diplomatiche preannunziate in Parlamento e poi rese note dai media. Il comunicato sottolinea, poi, che questa smentita investe, pertanto, la completa infondatezza di quanto riferito dall'ex agente Cia e riportato dal quotidiano 'La Repubblica', le cui affermazioni, oltre che false, sono del resto assolutamente incompatibili con gli esiti del colloquio avuto dal presidente del Consiglio Silvio Berlusconi con l'Ambasciatore statunitense a Roma, Mel Sembler. Il comunicato di Palazzo Chigi non riesce però a smentire le decine di interviste ad alti funzionari della Cia fatte dai quotidiani statunitensi che affermano esserci stato contatto e collaborazione con i servizi italiani.

PETROLIO Vienna - Il prezzo medio giornaliero del paniere Opec (composto da undici diversi tipi di greggio) venerdi' scorso e' salito a 52,58 dollari al barile, contro i 52,01 di giovedi'. Lo ha annunciato oggi l'Opecna, l'agenzia di stampa uffiiciale del cartello, che ha sede a Vienna.

ZIMBABWE: INVIATA ONU PROSEGUE INDAGINE SU DEMOLIZIONI BARACCOPOLI

L'inviata delle Nazioni Unite e direttore esecutivo di Onu-Habitat Anna Tibaijuka, ha deciso di prolungare la sua permanenza nello Zimbabwe di cinque giorni, allo scopo di fare luce sulle demolizioni di baraccopoli alla periferia della capitale - ordinate dal presidente Robert Mugabe, che hanno lasciato senza casa almeno 300mila persone. COMINCIA OGGI QUINTO VERTICE UNIONE AFRICANA, MESSAGGIO SUL DEBITO AL G8 Ospiti del colonnello Gheddafi, almeno 20 dei 53 capi di stato africani e i rappresentanti degli altri partecipano oggi e domani al quinto vertice dell'Unione africana (Ua), in corso nella città di Sirte, per discutere di cancellazione del debito, programmi di sviluppo, conflitti in corso nel continente e riforma dell’Onu con richiesta di due seggi permanenti per l’Africa nel Consiglio di Sicurezza. PArtecipa ai lavori anche il Segretario Generale dell'Onu, Kofi Annan. Già ieri, più di una voce si è comunque levata, ai margini dei lavori preparatori del vertice, soprattutto per inviare messaggi al G8: Ministro degli Esteri del Kenya non ha esitato a dire ai giornalisti che la decisione annunciata in giugno dai paesi del G8 per la riduzione del debito delle nazioni più povere non è abbastanza. “Tutto il peso del debito per l’intero continente va eliminato”.

ITALIA

CPT PONTE GALERIA Per domani martedi 5 luglio manifestazione sotto il CPT di Ponte Galeria. (ascoltiamo la corrispondenza con una compagna di Action)

[http://radiobase.ondarossa.it/monitor/GR19.30/audio/Luglio/050704/050704PonteGaleria.mp3 ascolta la corrispondenza]


Gr 9:30

ESTERI

IRAQ

A Bagdad sequestrato il nuovo ambasciatore egiziano in Iraq Ihab al Shariff. A confermarlo ieri sono state fonti governative secondo le quali il rapimento sarebbe avvenuto sabato notte. Ancora non è stata fatta alcuna rivendicazione. Intanto la violenza non si ferma: ieri sera proprio nella capitale irachena attentato suicida contro una pattuglia della polizia locale. Ancora non si conosce il numero delle vittime.

Un elicottero militare americano e' stato incendiato e distrutto nei pressi di una base a Ramadi. Lo ha riferito l'esercito statunitense, precisando che un Chinook Ch-47 ha preso fuoco a terra in una base di Ramadi ieri mentre conduceva operazioni di rifornimento di routine. Nel comunicato si precisa che un membro dell'equipaggio e' rimasto lievemente ferito. Sull'incidente e' stata avviata un'inchiesta.

Londra ha annunciato di aver manifestato la propria preoccupazione ai massimi livelli con le autorita' irachene in seguito alla denuncia di torture sui detenuti rinchiusi per essere interrogati dalle forze di sicurezza irachene.

AFGHANISTAN

Diciassette civili afghani, tra cui donne e bambini, sono stati uccisi in un bombardamento dell'aviazione americana. Lo hanno detto fonti locali afghane. Il raid e' stato compiuto su un campo di taleban nell'est dell'Afghanistan. Il governatore della provincia di Kunar, Assadullah Wafa, ha detto di 'non avere le cifre esatte', ma di sapere che 'un certo numero di donne e bambini' del villaggio colpito dagli aerei americani 'figurano tra le vittime'

ALBANIA

I primi risultati delle elezioni che si sono svolte ieri in Albania danno in vantaggio il partito Democratico dell'ex presidente Sali Berisha. Questi risultati sono stati confermati anche dai dati diffusi dalla televisione di Tirana 'News24', mentre il conteggio delle schede prosegue con gran lentezza. La Commissione elettorale centrale e' riuscita finora a diffondere solo dati estremamente parziali e riferiti ad una quindicina di collegi sui 100 in cui si e' votato con il sistema uninominale.

PALESTINA

Dall'inizio dell'Intifada, nel settembre del 2000, sono stati uccisi 4.050 palestinesi, di cui 751 sono bambini, e feriti altri 44.848 in attacchi dell'esercito israeliano. E' quanto si legge in un rapporto ufficiale dell'Autorita' nazionale palestinese, dal quale emerge anche come l'offensiva israeliana sia continuata anche dopo la tregua siglata a marzo da tutte le fazioni palestinesi.

ARABIA SAUDITA

Le forze di sicurezza saudite hanno ucciso in uno scontro a fuoco Younis Mohammad Ibrahim al Hayari, uno dei principali esponenti di al Qaida. Il marocchino figurava in cima a una lista di 36 super-ricercati affiliati alla rete terroristica di bin Laden. E' dal maggio 2003 che il Regno saudita porta avanti una battaglia capillare contro i militanti di al Qaida. Da quando cioe' l'organizzazione ha avviato la sua campagna di violenza nei quartieri residenziali per stranieri a Riad.

Tutti gli attivisti ricercati, all'arrivo della polizia, si erano barricati in una casa. Ne è seguita una battaglia durata un paio d'ore. Al Hayari figura alla testa della più aggiornata lista dei 36 militanti di al Qaida più ricercati stilata dal ministero degli interni saudita. Al Hayari aveva 36 anni. Era entrato in Arabia saudita nel 2001 per fare il pellegrinaggio alla Mecca ed era poi rimasto nel paese, insieme alla moglie e alla figlia. Aveva combattuto in Bosnia-Erzegovina ed era entrato in Arabia con un passaporto bosniaco.

MESSICO

Enrique Peña Nieto del Partido Revolucionario Institucional (Pri) - lo stesso che per oltre 70 anni governò il Messico fino al 2000 – sarebbe stato eletto governatore del popoloso Estado de México, spesso indicato come Edomex, politicamente uno dei più importanti tra i 31 stati in cui è suddiviso il paese, anche perché circonda, meno che a sud, il distretto di Città del Messico (la capitale federale). Si presentava per la formazione "Alianza por México" costituita dal Pri e da un partito minore. Secondo i primi risultati non ufficiali dello spoglio di una buona percentuale di schede e in base a tutti i sondaggi post-voto all’uscita dei seggi, Peña Nieto dovrebbe ottenere tra il 47 e il 50% delle preferenze, mentre i suoi avversari lo seguono con distacchi percentuali incolmabili. Si sarebbe recato alle urne circa il 50% degli aventi diritto. Tutti questi dati attendono conferma dal completamento dello spoglio delle schede che dovrebbe finire ed essere ufficializzato in giornata. Edomex, con i suoi 15 milioni circa di abitanti, è lo stato più popoloso del Messico (che conta in tutto circa 105 milioni di abitanti e, per esteso, dovrebbe chiamarsi Etados Unitos Mexicanos) ed il secondo più ricco; la sua capitale, Toluca, è di per sé una piccola metropoli La vittoria in questo stato rilancia le speranze del Pri di riconquistare il potere centrale nelle elezioni del prossimo anno, ma per ora qualsiasi suo eventuale candidato alla presidenza appare ampiamente perdente a confronto con il popolare sindaco di Città del Messico Andres Manuel Lopez Obrador del Partido de la Revolución Democrática (Prd). Nello stato nord-orientale di Nayarit, le locali elezioni per la carica di governatore, vedono testa a testa i candidati del Pri e del Prd. Prima delle elezioni nazionali del luglio 2006, resta una sola consultazione relativamente significativa, quello dello stato settentrionale di Cohauila, in settembre; anche qui appare per ora favorito il candidato del Pri.

ITALIA

Sono in arrivo 190 avvisi di chiusura indagini per fatti di strada e 50 imputazioni per devastazione e saccheggio nei processi sulle contestazioni al vertice del G8 di Genova. La Procura genovese ha infatti voluto blindare i procedimenti giudiziari a carico dei manifestanti del 2001: i pm Anna Canepa e Andrea Canciani sono stati incaricati di seguire esclusivamente i procedimenti che riguardano le denunce contro i manifestanti, venendo esonerati da ogni altro impegno. I risultati di questa scelta arrivano in fretta: 190 indagini per fatti di strada e danneggiamenti sono in procinto di essere chiuse con la richiesta di rinvio a giudizio, mentre altri 50 manifestanti saranno processati per devastazione e saccheggio. Tutto questo a fronte di denunce contro aggressioni e violenze da parte di PS, CC e compagnia cantante che giacciono tra le scartoffie dei PM e di due processi, per la Diaz e per Bolzaneto, che per cambi di collegio giudicante, biblicità di tempi tecnici e burocrazia stanno marciando verso la prescrizione. Uno degli elementi più importanti è che in alcuni casi i nuovi procedimenti colpiscono persone che per l'identico episodio avevano precedentemente sporto denuncia per violenze subite da parte delle forze dell'ordine. Un atto che ha un sapore intimidatorio che dovrebbe causare qualche turbamento anche nelle assopite coscienze "democratiche".


Anchor(appunti)

Appunti e note redazionali

Servizi audio della giornata


[#top Torna a inizio pagina]

gror050704 (last edited 2008-06-26 09:52:47 by anonymous)