Anchor(top)

[:rorinterattiva: Home page Ror interattiva]

[#appunti Appunti e note redazionali]

[:RorFonti: Fonti]

Gr 19:30

Sommario

In primo Piano

Editoriale

NOTIZIE BREVI

ESTERI

ITALIA

Siparietto


Gr 13:00

In primo Piano

Roma. Le due linee metropolitane si sono fermate alle 9.30 dopo che gli ultimi mezzi hanno lasciato i capolinea per le ultime corse. Stop anche per tutti gli autobus, che come previsto, nelle ultime corse prima della sospensione, erano molto affollati. Met.Ro.spa ha reso noto che lo sciopero ha rispettato le fasce di garanzia tra le 5.30, orario di inizio delle corse, e le 8.30. Lo sciopero proseguirà fino alle 17. Sono ferme anche le tre ferrovie in concessione: Roma-Pantano, Roma-Lido e Roma-Viterbo.

Milano. Lo sciopero dei mezzi pubblici è partito alle 8.45 di questa mattina. Metropolitane ferme e adesione del 90% secondo Nino Cortorillo, segretario generale della Filt Cgil di Milano. Traffico automobilistico intenso e rallentamenti nelle prime ore del mattino. Particolarmente difficile, la viabilità sulla tangenziale Est, in direzione A1 Bologna, dove si continuano a registrare code e rallentamenti.

Firenze. Anche a Firenze i mezzi pubblici hanno viaggiato solo nella fascia di rispetto, tra le 6 e le 9. La seconda fascia di rispetto è tra le 12 e le 15. Tutti i mezzi sono invece rimasti fermi dalle 5 alle 6. Il secondo turno di astensione va dalle 9.15 alle 11.45 e l' ultimo dalle 15.15 alle una di domani mattina. I sindacati parlano di adesione del 100% di coloro che stamani avrebbero dovuto presentarsi al primo turno di lavoro.

Bologna. A Bologna lo sciopero è cominciato alle 8,30 e proseguirà fino alle 16,30; poi dalle 19,30 a fine turno. Altissima adesione all' Atc. Secondo la Filt Cgil l' adesione sfiora il 100% per il personale viaggiante e per quello addetto ai depositi e alla manutenzione. Partecipazione più bassa per il personale degli uffici.

Napoli. Massiccia adesione allo sciopero, che nel capoluogo partenopeo ha raggiunto punte del 95,8 per cento nelle linee più importanti. Secondo i dati forniti dall'Anm, l'azienda locale dei trasporti, la media di bus rientrati nei depositi si è attestata, alle ore 11, sull'80,4 per cento. Fermo il servizio metropolitano della linea 1, a singhiozzo quello garantito dalla linea 2.

Torino. Adesione totale allo sciopero dei mezzi pubblici: i dati rilevati da Filt-Cgil registrano percentuali del 100% tra il personale viaggiante e superiore all' 80% tra gli addetti ai depositi e alla manutenzione. Secondo fonti aziendali, le percentuali sono attorno al 97%.

STOP ADDETTI FS 25-26 LUGLIO PER 24 ORE

Il Coordinamento, nel corso di una riunione oggi a Firenze, ha inoltre deciso di organizzare un' assemblea nazionale che si terrà a Roma il 17 settembre; di promuovere una manifestazione nazionale che si terrà a Genova a sostegno della riassunzione dei ferrovieri licenziati a seguito della trasmissione Rai Report, nonché del ritiro di tutte le sanzioni disciplinari comminate ai lavoratori per fatti collegati alla sicurezza.

NOTIZIE BREVI

ESTERI

ITALIA

Siparietto


Gr 9:30

STOP DI 24 ORE DI BUS, TRAM E METRO

I disagi saranno notevoli: la protesta proclamata dai sindacati Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti sarà di 24 ore, anche se con il rispetto delle fasce di garanzia. Autobus, tram e metropolitane si fermeranno dalla mezzanotte fino alla stessa ore di venerdi', con modalità diverse da città a città; come per i due precedenti scioperi (il 22 aprile di 4 ore, il 20 maggio di 8), si prevede un' adesione altissima. "Una vertenza anomala che va chiusa al più presto - sottolinea Franco Nasso, segretario nazionale Filt Cgil - aspettiamo la convocazione al tavolo, la categoria è esasperata, la situazione potrebbe scappare di mano e tradursi in scontro sociale".

MODALITA' - Queste le modalità dello sciopero nelle principali città.

servizio.

16,30 e dalle 19,30 a fine servizio.

e dalle 19,30 a fine servizio.

dalle 15,30 a fine servizio.

dalle 21,30 a fine servizio.

dalle 16 a fine servizio.

LE MOTIVAZIONI - Una vertenza particolarmente sentita dai 115.000 addetti. Il nuovo regime di trattamento malattia "é molto penalizzante: in caso di un mese di malattia, la busta paga viene falcidiata del 40%" dicono i sindacati. Il conflitto tra autoferrotranvieri e aziende che getterà nel caos molte città, vede al centro la retribuzione che spetta al lavoratore in malattia: fino al dicembre scorso pagava l'Inps ma con la finanziaria 2005, una quota (35 milioni per il 2004) spetta alle aziende. L'Inps realizza così un risparmio di 58 milioni, le aziende, di fronte ai costi maggiori da sopportare e ai bilanci in profondo rosso, hanno disdettato la normativa, scatendo la reazione dei lavoratori. Questa la proposta dei sindacati: via gli straordinari e la tassazione figurativa dal calcolo malattia, con un risparmio di 19 milioni per le aziende il cui onere si riduce a 49 milioni (anziché 68). Se la quota di risparmio Inps venisse trasferita quale finanziamento al trasporto pubblico locale, l'aggravio economico per le aziende si riduce a 25 milioni di euro, un decimo del costo del rinnovo contrattuale e pari alla quota che versano i lavoratori. Insomma, un onere del tutto sostenibile per ottenere la pace sociale.

STOP ADDETTI FS 25-26 LUGLIO PER 24 ORE

Nuovo sciopero nelle Ferrovie. "L' accordo stipulato il 23 giugno scorso tra ferrovie e sindacati, non risolve le problematiche connesse all esigenza di maggior sicurezza, dopo il disastro di Crevalcore". Con queste motivazioni, il Coordinamento 12 gennaio dei macchinisti e ferrovieri Fs ha deciso di proclamare uno sciopero di 24 ore, dalle 21 di lunedì 25 alle 21 di martedì 26 luglio prossimi nel rispetto dei servizi minimi garantiti. Il personale amministrativo incrocerà le braccia per l' intera giornata del 25.

Il Coordinamento, nel corso di una riunione oggi a Firenze, ha inoltre deciso di organizzare un' assemblea nazionale che si terrà a Roma il 17 settembre; di promuovere una manifestazione nazionale che si terrà a Genova a sostegno della riassunzione dei ferrovieri licenziati a seguito della trasmissione Rai Report, nonché del ritiro di tutte le sanzioni disciplinari comminate ai lavoratori per fatti collegati alla sicurezza.

ESTERI

Gaza: attacco elicotteri Israele

Elicotteri israeliani hanno lanciato missili su Gaza in tre attacchi. Lo riferiscono testimoni.Secondo fonti citate dalla Reuters, uno degli attacchi e' stato diretto contro Gaza City, un altro contro Khan Younis. Si ignora se ci siano vittime. L'esercito ha bloccato anche l'autostrada di Gaza in due punti. Gli attacchi di Israele giungono dopo che oggi un missile lanciato dai palestinesi aveva ucciso una donna in un villaggio israeliano.

FRONTE POLISARIO ANNUNCIA LIBERAZIONE PRIGIONIERI MAROCCHINI

Il Fronte Polisario - organizzazione che da 30 anni lotta per l’autodeterminazione dal Marocco del Sahara occidentale, ex colonia spagnola - ha annunciato che libererà i 408 prigionieri di guerra marocchini reclusi da decenni nelle proprie carceri. Lo ha affermato in un’intervista ad alcuni media internazionali Mohammed Abdelaziz, capo del Fronte indipendentista attualmente a Madrid per una conferenza sugli ultimi sviluppi della questione saharawi. Definendola una “decisione non facile”, Abdelaziz non ha specificato quando avverrà la liberazione ma ha sottolineato che sarà “il più presto possibile”, previa comunicazione al Comitato internazionale della Croce Rossa delle modalità tecniche di scarcerazione. Il capo degli indipendentisti ha poi ricordato che la giustizia marocchina ha appena pronunciato pesanti condanne contro 15 giovani militanti saharawi, colpevoli di aver manifestato a fine maggio in favore del referendum di autodeterminazione. I 408 ancora in prigione erano stati catturati all’inizio degli anni Ottanta, durante il conflitto armato che dal 1975 al 1991 è costato la vita a migliaia di persone.

ITALIA


Anchor(appunti)

Appunti e note redazionali

Servizi audio della giornata


[#top Torna a inizio pagina]