Anchor(top)

[:rorinterattiva: Home page Ror interattiva]

[#appunti Appunti e note redazionali]

[:RorFonti: Fonti]

Gr 19:30

Genova Continuano le udienze contro i 25 manifestanti accusati devastazione e saccheggio per i fatti di Genova 2001 – nell’udienza di oggi sono stati ascoltati tre testimoni: 2 manifestanti che erano al corteo del Carlini e Giordano, di Rifondazione Comunista, in quanto responsabile del gruppo di contatto e in testa al corteo del Carlini. Ascoltiamo direttamente dall’avvocato Tambuscio il resoconto dell’udienza

G8: MORTE GIULIANI; CORTE STRASBURGO, RICORSO RICEVIBILE La Corte europea dei diritti dell'uomo ha oggi dichiarato «ricevibile» il ricorso presentato dai genitori e dalla sorella di Carlo Giuliani, assassinato a Genova nel 2001 durante gli scontri avvenuti in occasione del vertice del G8. Lo ha reso noto oggi la stessa Corte precisando che la sentenza sarà pronunciata in altra data. La decisione dei giudici europei segue la prima udienza che si era tenuta il 5 dicembre scorso. La famiglia Giuliani nel suo ricorso a Strasburgo ha invocato, in particolare, l'articolo 2 della Convenzione dei diritti dell'uomo (diritto alla vita) sostenendo che la morte di Carlo «è dovuta ad un uso eccessivo della forza» e considerando che «l'organizzazione delle operazioni per ristabilire l'ordine pubblico non siano state adeguate». I ricorrenti lamentano inoltre «l'assenza di soccorsi» immediati che ha comportato la violazione degli articoli 2 e 3 della Convenzione (divieto di trattamenti inumani). L'istanza davanti alla Corte di Strasburgo è stata presentata il 18 giugno 2002 e oggi ritenuta “ricevibile”

Villa Troili – dopo lo sgombero le condizioni degli ex occupanti sono quasi drammatiche Come saprete la radio segue continua la deportazione campo Rom - via di villa Bonelli sgomberato venerdì. Arrangiati dentro baracche autocostruite Divisa la loro comunità: Alcuni alla Cesarina, altri nei centri d'accoglienza - solo per le donne con i bambini piccoli, Prima Porta Non hanno lasciato prendere niente e non gli hanno dato nè letto nè acqua - anzi sono stati sgomberati, per volontà del Comune, un giorno prima di quanto minacciato.

Ritalin, da montare' Da venerdì è disponibile anche in Italia il Ritalin, il discusso farmaco per la sindrome da deficit di attenzione e iperattivita'. A questo proposito l’Istituto superiore di sanita' (Iss) ha dato il 'via' al Registro nazionale dei trattamenti farmacologici e non farmacologici per l'Adhd, che “scheda” icirca 10-20.000 bambini affetti dalla Sindrome da deficit di attenzione e iperattivita' Adhd (0,5-1% della popolazione in infantile). I piccoli pazienti a cui verrà somministrato il ritalin saranno tenuti sotto osservazione dai circa 100 centri predisposti nel Paese proprio per questo. Abbiamo sentito Maria Rosaria D’Oronzo, psicologa e Presidente del Telefono Viola di Bologna, che ci spiega un po’ di cosa si tratta… Chiaramente sarebbe sciocco non menzionare i grandi interessi farmaceutici che sottendono a questa tendenza a curare tutto con la chimica. Pensiamo ai tentacoli nostrani della piovra Big Pharma,

La Wal-Mart ha presentato alla corte una richiesta di revisione, ma siamo solo all'inizio di una battaglia che si preannuncia piena di colpi di scena, che potrebbe concludersi nel più grande processo per un risarcimento collettivo nella storia giudiziaria americana.

Fonti: Feminist Majority Foundation.

Messico Cinquecento donne (intellettuali, politiche e femministe) di tutto il mondo hanno firmato una petizione che chiede alle autorità messicane che venga sia giustizia per le tredici donne stuprate dai soldati messicani nel municipio di Castanos, nello stato di Cohauila, nel luglio del 2006. Alcuni dei colpevoli sono latitanti e i parenti delle vittime sono stati spesso minacciati. Nel documento si sottolinea la difficile situazione di disuguaglianza nella quale vivono le donne messicane. Le morti di Ciudad Juarez sono l’esempio più eclatante di questa violenza e delle sue cause sociali ed economiche. Non fa notizia però il fatto che stiano tagliando i fondi alla commissione di indagine sul feminicidio, nella quale lavorano anche organizzazioni indipendenti di famigliari delle vittime. L’aumento della povertà delle donne e della violenza contro di loro sono una costante di tutto il paese (e non solo del Messico!), da nord a sud, dove, ad esempio, in Chiapas, in 10 anni sono state stuprate e poi assassinate 611 donne (cinque al mese) Proteste in Grecia

Continuano le proteste in Grecia contro la riforma universitaria già approvata la settimana scorsa in Parlamento. Sono 280 le facoltà occupate in varie città del Paese. Accanto agli studenti sono infatti scesi in piazza anche gli insegnanti, che di settimana in settimana proclamano scioperi di cinque giorni per bloccare la didattica e permettere il prolungamento delle occupazioni delle facoltà. La riforma, che ha modificato alcune disposizioni della costituzione greca, andrebbe ad inserire un sistema di controllo governativo sulle università, con un manager scelto ogni quattro anni dal ministero dell'Istruzione. Gli studenti greci ritengono che l'autonomia delle università sia fondamentale, per evitare che interessi politici e economici possano interferire con l'attività didattica e politica che vi i svolge. Inoltre la riforma dovrebbe modificare il sistema dei finanziamenti all'istruzione universitaria, con la trasformazione e di molti istituti in Fondazioni private e l'ingresso del mercato nelle università. Un altro elemento della legge di riforma ha scatenato la protesta: si tratta dell'abolizione del cosiddetto "asilo universitario", ovvero l'impossibilità per la polizia di entrare nelle università senza il consenso di studenti e professori (riuniti in una apposita commissione), a meno che non si sia in flagranza di reato. Con la nuova legge invece la polizia potrà entrare direttamente nelle università con il consenso di una commissione formale e molto più ristretta ( senza studenti). Ieri pomeriggio c'è stata un' altra manifestazione sotto il tribunale in cui si stava svolgendo la prima udienza del processo contro 49 delle 62 persone arrestate. La polizia ha caricato tutte le persone che si trovavano fuori dall'aula per dare solidarietà agli studenti che si trovavano all'interno. Nella carica sono stati feriti anche i genitori degli studenti,che avevano chiesto di assistere all'udienza.

Paese Basco: arresti

Tre persone accusate di far parte del 'Comando Ibarla' dell'Eta accusati di 25 omicidi nel Paese Basco sono stati arrestati in Francia. I tre sono stati arrestati a Hendaye, nel Paese Basco francese, in un'operazione ordinata dal giudice Baltasar Garzon e che vede la collaborazione fra le polizie dei due paesi.

AGGIORNARE Nessuna notizia del corrispondente Bbc rapito ieri a Gaza

Nessuna notizia di Alan Johnston, il giornalista della Bbc rapito ieri mentre tornava nella sua abitazione nel rione Rimal di Gaza. In seguito al rapimento, severamente condannato sia da Hamas che da al-Fatah, è stato elevato lo stato di allerta nelle forze palestinesi e i posti di blocco sono stati rafforzati. Questa vicenda potrebbe rendere più difficile la presentazione del nuovo governo di unità nazionale guidato da Ismail Haniyeh. Il rapimento di Johnston non è stato finora rivendicato, né è noto se i rapitori abbiano chiesto alcun riscatto.

Il sindacato dei giornalisti palestinesi ha crititcato publicamente l'azione, " questo atto immorale lede le leggi umane e le tradizioni palestinesi", si legge in un comunicato.

Tour latinoamericano di Bush si conclude oggi in Yucatan

Il tour latinoamericano del presidente Usa George W. Bush si conclude oggi con la visita in Messico. Oggi pomeriggio (ora italiana), Bush e il Segretario di Stato Condoleezza Rice incontreranno il presidente messicano Felipe Calderon a Merida, capitale dello stato federale dello Yucatan. I principali risultati di questa visita sembrano essere legati all'annuncio di un piano antidroga regionale, i cui particolari devono ancora essere perfezionati, e alla manifestazione di volontà da parte statunitense di risolvere la delicata questione dell'emigrazione centroamericana negli Usa.

AGGIORNARE IRAQ - PALESTINA - AFGHSNISTAN

Morti a Lashkargah. Bambino ucciso in raid aereo Nato

Ancora esplosioni in Afghanistan, in due diverse zone di Lashkargah. Intanto all'ospedale dell'ong italiana Emergency della città continuano ad arrivare i civili feriti nei bombardamenti aerei della Nato in corso nella provincia di Helmand nell'ambito dell'Operazione Achille: ieri sera sono arrivate sei persone vittime di un raid Nato su Grishk. Tra queste c'era un bambino di due anni, deceduto poco dopo il ricovero.

Dall'inizio del 2007, la guerra in Afghanistan ha causato almeno 637 morti, di cui 193 civili, 324 talebani o presunti tali, 99 militari afgani e 21 soldati Nato.

Iniziativa universitaria alla statale

Questa mattina iniziativa degli studenti autorganizzati all'Unversita' Statale di Milano, per ottenere nuovamente spazi autogestiti, negati, in particolare, dopo una chiusura di dialogo seguita agli eventi dell'11 Marzo nel capoluogo lombarda. Obiettivo degli studenti, che vogliono restare al di fuori delle rappresentanze istituzionali, e' quello di creare spazi per portare, in particolare, progetti informativi, autoformativi, e battaglie per il diritto allo studio all'interno dell'ateneo. Corrispondenza.

Ritalin, da montare'

E' tutto pronto all'Istituto superiore di sanita' (Iss) per il 'via' al Registro nazionale dei trattamenti farmacologici e non farmacologici per l'Adhd: registrera', naturalmente in forma anonima e criptata, tutti i piccoli pazienti che in Italia saranno curati con il Ritalin, il discusso farmaco per la sindrome da deficit di attenzione e iperattivita' che, dopo la registrazione dei giorni scorsi da parte dell'Agenzia del farmaco Aifa, sara' disponibile anche nel nostro paese. Il registro, ha affermato il direttore del dipartimento del farmaco dell'Istituto superiore di sanita' Stefano Vella, sara' coordinato dall'Iss, in collaborazione con l'Aifa, e sara' unostrumento mirato ad impedire che si determini un pericoloso abuso del Ritalin come accaduto in altri paesi. Partira', ha precisato Vella, non appena la registrazione del Ritalin da parte dell'Aifa sara' pubblicata in gazzetta ufficiale. In Italia, ha spiegato l'esperto, si stima che siano circa 10-20.000 i bambini affetti dalla Sindrome da deficit di attenzione e iperattivita' Adhd (0,5-1% della popolazione in infantile), ma solo una piccola parte di questi avra' bisogno, in casi specifici, di essere sottoposta a trattamenti terapeutici con il Ritalin. Ma come avverra' il monitoraggio? Tutto partira' dai Centri di riferimento per l'Adhd, circa 100 su tutto il territorio nazionale (presso centri di igiene mentale o di neuropsichiatria infantile): i Centri saranno quelli che tratteranno i piccoli pazienti decidendo se sia opportuno o meno la somministrazione del farmaco; in questo caso, comunicheranno la decisione all'Iss, perche' il paziente, in forma anonima, sia inserito nel registro. L'obiettivo insomma, ha concluso Vella, e' creare una vera e propria 'rete di protezione', affinche' l'uso del Ritalin sia controllato e appropriato e perche' venga impedito ogni possibile abuso. Fonte: Ansa/Federfarma

Per combattere i tentacoli nostrani della piovra Big Pharma, in Italia si è attivato un consorzio nazionale di farmacovigilanza dal nome “Giù le Mani dai Bambini” che protesta contro la somministrazione indiscriminata di psicofarmaci - metilfenidato in particolare - a bambini ed adolescenti. Questo comitato raggruppa circa cento realtà del terzo settore - incluse associazioni professionali, nonché singoli pediatri, psicologi, psichiatri, pedagogisti - ed ha espresso le proprie tesi scientifiche con un documento di consenso di respiro nazionale (“Consensus”) lanciato a Torino dall'Ospedale San Giovanni Battista Molinette nel maggio 2005, documento che riassume le tesi scientifiche del comitato - contrarie alla somministrazione del farmaco - e che ha ottenuto circa 200.000 sottoscrizioni di “addetti ai lavori”, tra individuali e collettive.

Ricordiamo anche che negli Stati Uniti infatti sono attualmente in corso varie in cause legali che coinvolgono l'Associazione Americana degli Psichiatri (APA) e l'Associazione degli Utenti (CHADD), per collusione con la casa farmaceutica Novartis che produce il Ritalin. L'accusa per gli psichiatri è di avere preso soldi dalla multinazionale del farmaco per formulare criteri diagnostici sempre più elastici e inclusivi per favorire la vendita del Ritalin. La “Children and Adults with Attention Deficit/Hyperactivity Disorder” (CHADD) ufficialmente appare come un'associazione di utenti, ma in realtà è un'emanazione dell'ortodossia psichiatrica organicista; supportata da “specialisti” fanatici del Ritalin sostiene che il disturbo dell'attenzione ha una causa biologica (mai individuata).

Sommario

In primo Piano

Editoriale

NOTIZIE BREVI

ESTERI

ITALIA

Siparietto


Gr 13:00

In primo Piano

NOTIZIE BREVI

ESTERI

ITALIA

Siparietto


Gr 9:30

ESTERI

ITALIA


Anchor(appunti)

Appunti e note redazionali

Servizi audio della giornata


[#top Torna a inizio pagina]