Buongiorno danielina!!!!! Ti ho spedito su paradiso34 i documenti relativi a copenaghen per domani mattina (scusa, stamattina!) Chiamami se serve qualcosa. Io darò una mano al gr delle 13.00, fatti vedere in chat bacioni, e buona giornata. Da Paula : ci lavoro dalle 16.00 con aiuto di grandi mavi e mace. Besos a tutt@ coloro che contribuiranno.


Gr serale di venerdi 13 - ore 19.30

SOMMARIO

dAL mONDO

COPENAGHEN - Vertice UE, Controvertice e arresti.

Dall'Italia

FIAT - 6 MILA TUTE BLU IN CORTEO A TORINO

DAL MONDO

DANIMARCA - Nella notte tra il 12 e il 13 sono stati arrestati decine di manifestanti che si trovavaano a Copenaghen per contestare il vertice dell'Unione europea. Tra questi alcuni disobbedienti italiani. Secondo le ultime notizie sette di loro sarebbero gia' stati liberati. Adesso uno solo resterebbe in carcere. lo ha detto Lars Erik Kruse, console danese a Milano. Il diplomatico ha spiegato di aver ricevuto verso le 15 una telefonata del Ministero degli Esteri danese. E intanto arrivano dichiarazioni di condanna degli arresti, come quelle de i rappresentanti del Forum sociale europeo. Ancora una volta stanotte alcuni di noi sono stati arrestati. Senza alcuna seria motivazione. Circondati e ammanettati mentre camminavano per le strade di una citta'. Questa volta a Copenhagen. A dimostrazione che l'Europa e' unita. A Firenze - hanno ricordato alcuni esponenti del forum sociale europeo - abbiamo fatto piu' forte l'alleanza per un'Europa dei diritti, della pace, del lavoro, della democrazia. Questa Europa non c'e'. Lo sappiamo bene. Lo vediamo tutti i giorni, da Termini Imerese alla Galizia. Per questo non ci fermeremo. Che nessuno si illuda - concludono i no global - potete metterci in gabbia uno ad uno, ma il movimento non si arresta. Domani in piazza a Copenhagen e a Genova, il 15 febbraio in tutte le citta' d'Europa contro la guerra. Intanto un presidio contro gli arresti di copenaghen si è tenuto a Milano e uno comincerà a Roma.

E tornando in Danimarca, oggi i manifestanti del gruppo Global-Root hanno effettuato una breve, pacifica e simbolica penetrazione nella zona rossa di sicurezza che circonda il Bella-Center, il grande centro congressi dove si svolge il Consiglio europeo. L' iniziativa e' stata concordata con la polizia. I manifestanti - circa duemila persone - sono entrati per una cinquantina di metri, con le braccia alzate, all' interno della zona rossa.. Quindi, i dimostranti sono tornati sui propri passi uscendo dalla zona di sicurezza e continuando la manifestazione al di fuori della linea rossa. Intanto prosegue il vertice ufficila esull'allargamento dell'Unione europeo. Una questione chiave resta l'allargamento alla Turchia. Oggi l'appoggio del presidente nordamericano George W. Bush all'integrazione della Turchia nell'Unione europea e' stato oggetto di aspre critiche in Francia. Laurent Fabius, ex premier ed ex ministro delle finanze del governo Jospin, ha definito stamane 'incredibile' che il presidente degli Stati Uniti abbia utilizzato Jacques Chirac e il premier danese come piccoli telegrafisti, in riferimento alle telefonate di Bush al presidente francese e a Anders Fogh Rasmussen. La questione di sapere a quali condizioni la Turchia entrera' in Europa dipende dagli europei, non dal presidente degli Stati Uniti, ha detto Fabius.

DALL'ITALIA

FIAT - 6 MILA TUTE BLU IN CORTEO A TORINO = Torino, 13 dic. (Adnkronos) - Seimila lavoratori metalmeccanici, secondo il sindacato, sono scesi in piazza questa mattina a Torino per manifestare contro il piano di riorganizzazione della Fiat. Allo sciopero di 4 ore, dalle 9 alle 13, hanno aderito anche tutte le categorie dei lavoratori dell'industria piemontese. a Mirafiori l'adesione oscilla tra il 70 e l'80%. Per l'Azienda, invece, alle Presse ha aderito il 24%, alle Carrozzerie il 19%. Il corteo dei metalmeccanici della Fiat partito da piazza Arbarello era aperto dallo striscione del coordinamento dei cassaintegrati. Dietro al corteo partecipavano anche alcuni gonfaloni dei Comuni della Provincia torinese, tra cui Torino, Orbassano e Beinasco. Le tute blu si sono congiunte con un altro corteo partito da piazza Castello che raggruppava gli addetti del pubblico impiego e insieme hanno percorso l'ultimo tratto di via Roma per raggiungere nuovamente piazza Castello dove si è tenuto il comizio conclusivo.

Gr flash di venerdi 13 - ore 17.00

DANIMARCA - Nella notte tra il 12 e il 13 sono stati arrestati decine di manifestanti che si trovavaano a Copenaghen per contestare il vertice dell'Unione europea. Tra questi alcuni disobbedienti italiani. Secondo le ultime notizie sette di loro sarebbero gia' stati liberati. Adesso uno solo resterebbe in carcere. lo ha detto Lars Erik Kruse, console danese a Milano. Il diplomatico ha spiegato di aver ricevuto verso le 15 una telefonata del Ministero degli Esteri danese. E intanto arrivano dichiarazioni di condanna degli arresti, come quelle de i rappresentanti del Forum sociale europeo. Ancora una volta stanotte alcuni di noi sono stati arrestati. Senza alcuna seria motivazione. Circondati e ammanettati mentre camminavano per le strade di una citta'. Questa volta a Copenhagen. A dimostrazione che l'Europa e' unita. A Firenze - hanno ricordato alcuni esponenti del forum sociale europeo - abbiamo fatto piu' forte l'alleanza per un'Europa dei diritti, della pace, del lavoro, della democrazia. Questa Europa non c'e'. Lo sappiamo bene. Lo vediamo tutti i giorni, da Termini Imerese alla Galizia. Per questo non ci fermeremo. Che nessuno si illuda - concludono i no global - potete metterci in gabbia uno ad uno, ma il movimento non si arresta. Domani in piazza a Copenhagen e a Genova, il 15 febbraio in tutte le citta' d'Europa contro la guerra. Intanto un presidio contro gli arresti di copenaghen si è tenuto a Milano e uno comincerà a Roma.

E tornando in Danimarca, oggi i manifestanti del gruppo Global-Root hanno effettuato una breve, pacifica e simbolica penetrazione nella zona rossa di sicurezza che circonda il Bella-Center, il grande centro congressi dove si svolge il Consiglio europeo. L' iniziativa e' stata concordata con la polizia. I manifestanti - circa duemila persone - sono entrati per una cinquantina di metri, con le braccia alzate, all' interno della zona rossa.. Quindi, i dimostranti sono tornati sui propri passi uscendo dalla zona di sicurezza e continuando la manifestazione al di fuori della linea rossa. Intanto prosegue il vertice ufficila esull'allargamento dell'Unione europeo. Una questione chiave resta l'allargamento alla Turchia. Oggi l'appoggio del presidente nordamericano George W. Bush all'integrazione della Turchia nell'Unione europea e' stato oggetto di aspre critiche in Francia. Laurent Fabius, ex premier ed ex ministro delle finanze del governo Jospin, ha definito stamane 'incredibile' che il presidente degli Stati Uniti abbia utilizzato Jacques Chirac e il premier danese come piccoli telegrafisti, in riferimento alle telefonate di Bush al presidente francese e a Anders Fogh Rasmussen. La questione di sapere a quali condizioni la Turchia entrera' in Europa dipende dagli europei, non dal presidente degli Stati Uniti, ha detto Fabius.

DALL'ITALIA

Oggi si è conclusa con l'assoluzione il processo a carico dei compagni per lo sgombero della casa occupata di via Degli Angeli e per le manifestazioni dei giorni seguenti. Ascoltiamo la corrispondenza registraTA COn una legale.

FIAT - 6 MILA TUTE BLU IN CORTEO A TORINO = Torino, 13 dic. (Adnkronos) - Seimila lavoratori metalmeccanici, secondo il sindacato, sono scesi in piazza questa mattina a Torino per manifestare contro il piano di riorganizzazione della Fiat. Allo sciopero di 4 ore, dalle 9 alle 13, hanno aderito anche tutte le categorie dei lavoratori dell'industria piemontese. a Mirafiori l'adesione oscilla tra il 70 e l'80%. Per l'Azienda, invece, alle Presse ha aderito il 24%, alle Carrozzerie il 19%. Il corteo dei metalmeccanici della Fiat partito da piazza Arbarello era aperto dallo striscione del coordinamento dei cassaintegrati. Dietro al corteo partecipavano anche alcuni gonfaloni dei Comuni della Provincia torinese, tra cui Torino, Orbassano e Beinasco. Le tute blu si sono congiunte con un altro corteo partito da piazza Castello che raggruppava gli addetti del pubblico impiego e insieme hanno percorso l'ultimo tratto di via Roma per raggiungere nuovamente piazza Castello dove si è tenuto il comizio conclusivo.

GR ORE 13.00

Italia

fiat 6 MILA TUTE BLU IN CORTEO A TORINO = Torino, 13 dic. (Adnkronos) - Seimila lavoratori metalmeccanici, secondo il sindacato, sono scesi in piazza questa mattina a Torino per manifestare contro il piano di riorganizzazione della Fiat. Allo sciopero di 4 ore, dalle 9 alle 13, hanno aderito anche tutte le categorie dei lavoratori dell'industria piemontese. a Mirafiori l'adesione oscilla tra il 70 e l'80%. Per l'Azienda, invece, alle Presse ha aderito il 24%, alle Carrozzerie il 19%. Il corteo dei metalmeccanici della Fiat partito da piazza Arbarello e' aperto dallo striscione del coordinamento dei cassaintegrati. Dietro al corteo partecipano anche alcuni gonfaloni dei Comuni della Provincia torinese, tra cui Torino, Orbassano e Beinasco. Secondo il programma quando le tute blu raggiungeranno piazza san carlo si congiungeranno con un altro corteo partito poco fa da piazza Castello che raggruppa gli addetti del pubblico impiego e insieme percorreranno l'ultimo tratto di via Roma per raggiungere nuovamente piazza Castello dove si terra' il comizio conclusivo.

Uffici pubblici chiusi oggi in Sicilia per lo sciopero indetto da Cgil, Cisl, Uil e Sma per il rinnovo dei contratti di lavoro. I sindacati in una nota parlano di alta adesione (i dati effettivi saranno disponibili nei prossimi giorni) nello Stato, sanita', autonomie locali, parastato ed igiene ambientale, nel rispetto delle norme sulla garanzia dei servizi essenziali. In migliaia hanno partecipato alle manifestazioni dei comuni capoluogo di provincia. La maggiore affluenza si e' avuta ad Agrigento, Palermo e Catania dove il corteo si e' concluso con un comizio. (Ter/Gs/Adnkronos) 13-DIC-02 12:23 FIAT

La Fédération des travailleurs de la métallurgie Cgt ha emesso un comunicato di adesione alla giornata di lotta europea sulla Fiat indetta dalla Fem (Federazione europea dei metalmeccanici)per lunedì 16 dicembre. Anche negli stabilimenti francesi del gruppo Fiat, da Iveco (Irisbus) a Magneti Marelli, da Teksid a Comau, si svolgeranno dalle 10,00 alle 12,00 iniziative per esprimere solidarietà alle lotte in corso in Italia. Il comunicato mette l'accento sul fatto che l'industria automobilistica nel suo insieme, in Francia come nel resto d'Europa, subisce le ristrutturazioni condizionate da scelte strategiche che privilegiano la finanza e il profitto immediato, a scapito dei bisogni dei lavoratori e delle popolazioni. E questo avviene tanto nel caso dei produttori francesi di automobili quanto nelle aziende fornitrici e dell'indotto. I lavoratori di Matra Automobiles, del gruppo Valeo, di Faurecia, di Trw sono in lotta per invertire la logica di distruzione del tessuto industriale e sociale. La Cgt, quindi, aderisce con convinzione alla giornata europea sulla Fiat indetta dalla Fem, per farne anche in Francia un grande appuntamento di lotte e di iniziative.

SCIOPERI: VELTRONI, IL GOVERNO PRENDA INIZIATIVE QUATTRO GIORNI SCIOPERI HANNO RIPERCUSSIONI SULLA CITTAIl Governo deve prendere iniziative perche' non si puo' accettare passivamente che per quattro giorni scioperi e mobilitazioni abbiano ripercussioni molto pesanti sul tessuto cittadino. E' l' appello lanciato al Governo dal sindaco di Roma Walter Veltroni in vista della raffica di scioperi prevista nei prossimi giorni. Veltroni si e' detto molto preoccupato per la situazione perche' una citta' come Roma, ma anche qualsiasi citta' italiana, si trovera' nei giorni di Natale in una situazione difficile. Il sindaco di Roma definisce legittimo lo sciopero dei netturbini, frutto di una vertenza nazionale nella quale i sindacati aspettano da due anni e mezzo il rinnovo del contratto, ma invita il Governo a riaprire le trattative. Quando le trattative si impantanano - ha affermato - qualcuno deve tirarle fuori dalle secche e sbloccare una situazione stagnante ed e' questo l' invito che rivolgo all' Esecutivo. (ANSA).

Napoli, disocuppati in corteo

Ancora manifestazioni a Napoli, una pratica ormai consueta in una città dove il disagio generale si somma alle condizioni particolari del luogo. Una delegazione di disoccupati aderenti alla lista 'Reddito minimo d'inserimento', si e' recata nei pressi della sede del Comune di Palazzo San Giacomo ed ha chiesto di incontrare il sindaco di Napoli, Rosa Russo Jervolino. Il corteo, partito da piazzetta Museo, ha attraversato questa mattina alcune strade del centro storico. I manifestanti sono diretti in Prefettura, a piazza del Plebiscito, dove chiederanno un incontro con i responsabili dell'Ufficio territoriale del governo. Nel corso del corteo e' previsto un sit-in anche nei pressi del palazzo della Regione. Da diverse settimane i disoccupati e precari napoletani sono in mobilitazione, per chiedere agli enti locali delle risposte serie sulla situazione relativa ai corsi di formazione, alle assunzioni previste dal comune, alle indennità.

processi.

quando un pesante sgombero di case occupate a roma aveva ricevuto risposta di occupazione della circoscizione per questa occupazione la risposta fu il carcerei domiciliari e tante udienze in tribunale (audio)

NO GLOBAL:PROCURA COSENZA FARA' RICORSO CONTRO SCARCERAZIONI

lunedi inizieranno le udienze del tribunale della libertà per i 23 arrestati ancora in custodia cautelare nell'inchiesta genovese.vi ricordiamo il corteo nazionale di domani a genova h. 15.00 piazza alimonda partenza stazione termini h. 7.15 puntuali. per quel che riguarda i treni l'accordo con le ferrovie dello stato ha prodotto:solo treni di linea da roma compresa a tutto il sud 30 euro andata e ritorno. da firenze a tutto il nord entro 8 euro.

manifestazione contro la finanziaria a firenze

Circa 7000 fra studenti medi, universitari, docenti e lavoratori hanno partaecipato al corteo contro la finanziaria dei tagli all'istruzione.

Il corteo è passato anche sotto al Rettorato dal quale sventolavano due enormi drappi neri (evidentemente come simbolo di lutto).

Tutto è filato liscio, anche se il corteo dovrebbe essere ancora alle ultime battute.

ESTERI

Copenaghen, arresti Questa notte 27 persone sono state trattenute in staro di arresto a Copenhagen con l'accusa di resistenza a pubblico ufficiale, l'azione appare una evidente ritorsione per le mobilitazioni alle frontiere, ed un tentativo di condizionare la mobilitazione di oggi contro il vertice della UE. (audio) Immediata la risposta delle realtà danesi e degli attivisti giunti a Copenhgen per asssediare il vertice. Alle 12.15 ha mosso i primi passi un corteo che si dirigerà verso il Bella center luogo che ospita in summit. In testa al corteo scudi di plastica, caschi e imbottiture in gomma piuma. . Gli arrestati nella notte sono 27: 8 italiani, 6 francesi, 6 svizzeri e sette danesi.

I Disobbedienti e i Verdi stanno organizzando un presidio a Trieste, alle ore 17 sotto il consolato danese di Viale Miramare, 5, per protestare contro gli arresti di questa notte a Copenhagen. Lanciano un appello a tutti i democratici ad essere presenti per protestare contro quello che e' un arresto preventivo, per impedire di dar voce alle tematiche degli esclusi, afferma il Verde Alessandro Metz. Che sottolinea che le manette scattate anche ai polsi di Luca Casarini dimostrano una chiara volonta' di arrestare le persone che hanno maggiore visibilita. Dal Friuli Venezia Giulia erano partiti per Copenhagen 8 no global, ma nessuno di loro figura tra gli arrestati.

Sono in corso in una caserma di polizia di Copenhagen gli interrogatori degli italiani, fra cui il leader no global Luca Casarini, fermati questa notte dalle forze dell'ordine durante una operazione di controllo di documenti. I nomi degli altri fermati, resi noti dallo stesso movimento sono: Paolo Do di Roma e i veneti Max Gallob, Riccardo Varotto, Michele Valentini e Enrico Casagrande. Fonti della Farnesina, ribadendo come la vicenda sia costantemente seguita dalla nostra ambasciata, fanno comunque sapere che in un modo o nell'altro la questione si dovra' chiarire perche' i fermati non possono essere trattenuti per piu' di 24 ore senza un provvedimento dell'autorita' giudiziaria. fdv/cam/rs 131226 DIC 02

Copenaghen, temi

Secondo giorno di discussione al vertice dell’Unione Europea a Copenaghen.

E’ stato superato lo scoglio economico, quello che negli ultimi tempi aveva visto dei grossi contrasti tra i governi dei vari paesi. Ma resta ancora lo scoglio più grande, quello della Turchia. La turchia è paese candidato da tempo immemore, e ogni volta ha mantenuto questo suo ruolo per le palesi violazioni dei diritti umani nel paese. Lo scorso anno, alla turchia erano state imposte delle riforme, in parte attuate e in parte disattese. La revoca della condanna a morte di ocalan rientra in queste. La turchia è però anche paese membro della nato, e questo complica la questione. Soprattutto adesso, la Turchia preme affinchè ci sia una decisione , non sul suo ingresso, perchè quello è ancora molto lontano da venire, ma solo sulla data in cui sarà esaminata la sua candidatura. Il nuovo presidente turco pone questa questione come questione di principio, e di propria dignità. E' abbastanza preoccupante che il presidente turco sia andato proprio questa settimana negli stati uniti , a perorare la sua causa, e che abbia rivolto quelle che potremmo definire minacce, o avvertimenti, all'unione europea. Altrettanto significativo, in questo quadro, che a proporre lo slittamento della questione turchia siano la germania e la francia, e cioè i due paesi che maggiormente si oppongono all'uso della forza in irak, e che per questo sono in aperto contrasto con gli stati uniti. La turchia da dieci anni presta le proprie basi nato come piattaforma d'appoggio per i raid angloamericani sull'irak . E proprio Francia, Germania e Turchia si incontreranno oggi, nel pomeriggio, al di fuori del vertice ufficiale, in un incontro chiesto dal ministro degli esteri turco, che accusa i due paesi europei di aver influenzato la decisione dei 15 sullo slittamento. L’incontro avviene dopo che questa mattina lo stesso ministro turco, Abdullah Gul, ha giudicato inaccettabile la decisione presa nel corso dle vertice.

Francia, chiude sangatte

E’ cominciato questa mattina lo smantellamento del centro per rifugiati di Sangatte, nei pressi del tunnel della manica, destinato a concludersi entro il 30 dicembre di quest’anno, data stabilita tra il governo inglese e il governo francese. Partiranno domani gli ultimi due pullman diretti verso l’inghilterra, mentre nel pomeriggio di oggi si troverà la soluzione per i richiedenti asilo che hanno ottenuto accoglienza dalla Francia. Resta tutt’ora insoluto il problema di centinaia di migranti che non hanno ottenuto il riconoscimento di rifugiati, e per i quali è previsto il rimpatrio nei paesi di origine. Con la definitiva chiusura di Sangatte non si ottiene certo una vittoria, ma al contrario si complica la situazione per i migranti, poiché sarà più difficile dopo questo ottenere il diritto a restare nei due paesi. L’unica reale vittoria è quella ottenuta dalla società proprietaria del tunnel sotto la manica, che aveva premuto a lungo perché venisse eliminata quella che giudicavano una struttura pericolosa per lo sviluppo della loro economia, e che più volte era stata bloccata dai migranti che protestavano per la loro situazione. La soluzione adottata accontenta dunque solo alcune persone, e non risolve la situazione.

Venezuela, si litiga sul petrolio

I servizi segreti statunitensi stanno manovrando per rovesciare il presidente venezuelano Hugo Chavez. È quanto denunciato apertamente dal deputato uruguayano José Bayardi, dello schieramento di sinistra ‘Incontro progressista-Fronte Ampio’ (Ep-Fa) in un’intervista rilasciata al quotidiano ‘La Joventud’. Il parlamentare ha asserito di aver avuto accesso ad informazioni riservate dell’intelligence di Washington, in base alle quali "il governo di Caracas potrebbe crollare entro le prossime 72 ore". Lo sciopero nazionale, in corso ormai da 12 giorni nel Paese sudamericano, "persegue scopi politici, è trainato dai settori industriali, dalla burocrazia sindacale e petrolifera e il livello di intransigenza raggiunto dall’opposizione in sede negoziale impedisce di raggiungere una via d’uscita", ha dichiarato Bayardi. La mobilitazione, ha insistito il deputato di Montevideo, "è funzionale agli interessi politici della Casa Bianca". "In Venezuela – ha continuato – sta accadendo qualcosa di simile a quanto avvenuto in Cile nel 1973 e la crisi può sfociare in una guerra civile, con un bagno di sangue". Consultato in merito alla possibilità di un intervento militare straniero in Venezuela, Bayardi ha risposto che per il momento l’ipotesi resta lontana ma non è escluso che, con l’aggravarsi della tensione, si possa arrivare anche a questo. (FB)