Differences between revisions 6 and 7
Revision 6 as of 2002-07-18 08:17:45
Size: 12827
Editor: anonymous
Comment: missing edit-log entry for this revision
Revision 7 as of 2002-07-18 08:19:30
Size: 12826
Editor: anonymous
Comment: missing edit-log entry for this revision
Deletions are marked like this. Additions are marked like this.
Line 43: Line 43:
(la notizia e' di ieri, ma se non la si e' gia' data merita!) Geni Ogm nell'intestino umano. (la notizia e' di ieri, ma se non la si e' gia' data merita!) GENI OGM NELL'INTESTINO UMANO

Da Paula: pagina solo aperta la sera del giorno prima, ci lavorerò dalla mattina del 18. Un beso e partecipate!. Da Paula: ci sto lavorando dalle 9.00 anche se qua c'è la rivolta delle macchine! Buongiorno.


Gr Flash di giovedi 18 luglio - ore 11.00

SUDAFRICA- Il ministro della Salute del Sudafrica, Manto Tshabalala-Msimang, ritarda volontariamente l'accettazione dei finanziamenti stanziati per la lotta all'Aids, la tubercolosi e la malaria. A denunciarlo è l'arcivescovo di Cape Town Ndungane, secondo cui il ministro della Salute sarebbe responsabile di ritardare lo stanziamento di 60 milioni di euro promessi dal Global Fund per combattere l'Hiv nella provincia di KwaZulu -Natal, la più colpita dal virus. Il ritardo è stato scoperto durante la 14 esima conferenza mondiale sull'Aids di Barcellona e ora vengono chieste le dimissioni del ministro.

PARAGUAY - Il presidente paraguayano Luis González Macchi ha revocato ieri sera lo ‘stato d’eccezione’ decretato lunedì scorso a seguito delle proteste costate la vita a due persone, il ferimento di altre 100 e almeno 300 arresti. Il capo dello Stato ha ribadito che non lascerà il potere fino al 2003, convocando le elezioni per il 29 aprile del prossimo anno. Il presidente non ha esitato ad imputare all’ex leader golpista Lino Oviedo, rifugiato in Brasile dal 1999, la responsabilità della mobilitazione indetta per sollecitare le sue dimissioni. Anche se secondo altri le proteste potrebbero essere dovute a una spontanea indignazione e disperazione per le condizioni economiche del paese e per la corruzione del gioverno del presidente Macchi.

GUATEMALA - Risarcire in denaro gli ex combattenti delle Pattuglie di autodifesa civile (Pac), attive durante il conflitto interno, è del tutto illegale. Lo denuncia il Centro per la difesa della Costituzione (Cedecon), precisando che in base all’articolo 155 della Carta nazionale, gli ex ‘paras’ non possono ricevere indennità ‘per il servizio reso alla patria’. Inoltre, la prestazione volontaria fornita dagli armati delle Pac, non implicherebbe alcun tipo di debito da parte dello Stato. Ma non solo. Secondo il Cedecon, l’imposizione di una tassa, ordinaria o straordinaria, per finanziare il risarcimento degli ex paramilitari "non è giustificabile". "Il Congresso non ha il diritto di sottrarre ai cittadini una parte del proprio patrimonio attraverso imposte mirate a soddisfare le esigenze di singoli gruppi o individui". A mobilitarsi per primi per esigere un compenso dal governo erano stati a metà giugno gli ex paramilitari del Petén che per tre giorni, armi in pugno, avevano paralizzato il dipartimento chiedendo una cifra pari a 2.500 dollari ciascuno per aver combattuto contro la guerriglia durante il terrorismo di stato. Nelle ultime settimane si sono uniti alla protesta anche i paramilitari di Alta Verapaz, Quiché e San Marcos. Nonostante le aspre critiche levatesi dai settori dell’opposizione e dai movimenti a tutela dei diritti umani, l’esecutivo del presidente Alfonso Portillo ha acconsentito a compensarli, con somme ancora da stabilire. A più riprese l’opposizione ha rilevato che gli ex paramilitari stanno solo reclamando quello che il Frg (Fronte rivoluzionario guatemalteco), il partito al potere, aveva promesso loro alle ultime elezioni generali in cambio di voti. Le Pac, ufficialmente smantellate a seguito degli accordi di pace del 1996, sono accusate di aver perpetrato innumerevoli crimini durante la guerra civile.

Dall'Italia TOBIN TAX - Oggi a Montecitorio oggi si festeggiano i sei mesi di campagna per la ‘Tobin tax’ e le 153mila firme raccolte da 212 comitati sorti in tutta Italia. Si tratta di un’iniziativa lanciata dal ‘Comitato italiano per la Tobin Tax’ per frenare le operazioni finanziarie internazionali di carattere speculativo, e che dovrebbe andare a vantaggio dello sviluppo sociale soprattutto del Sud del mondo. Dal nome del premio Nobel che la propose, la ‘Tobin tax’, lanciata per la prima volta nel 1972, ha lo scopo di disincentivare le transazioni finanziarie a breve termine, utilizzate quasi sempre per fini speculativi, attraverso l'applicazione di un'aliquota molto bassa. Nella giornata odierna verranno consegnate le firme a Roma e si terrà una conferenza stampa alle ore 11:00 a piazza Montecitorio.

VENDITA DI ARMI - La commissione per i Diritti Umani del Senato ha espresso IERI parere favorevole in merito all'art. 3 del ddl 1547 (ex 1927 alla Camera). Questo articolo, introduce una modifica alla LEGGE 185/90 in tema di commercio di armamenti, proibendo la vendita di armi unicamente, solamente ai paesi i cui governi si siano resi responsabili di gravi violazioni dei diritti umani. Per tutti gli altri paesi viene quindi permessa la vendita.


Gr Flash di giovedi 18 luglio - ore 9.30

PALESTINA - Almeno tre MILITANTi palestinesi sono rimasti uccisi nella tarda serata di ieri durante scontri a fuoco con le forze di sicurezza israeliane avvenuti in Cisgiordania. Lo hanno confermato fonti dell'una e dell'altra parte, secondo cui due delle vittime sono cadute sotto i colpi avversari in un villaggio nel nord del territorio autonomo; entrambi appartenevano alle"Brigate dei Martiri di al-Aqsa", braccio armato di "al-Fatah". E ieri oltre a due palestinesi rimasti uccisi da una potente esplosione nel campo profughi di al-Amari, a Ramallah, in Cisgiordania, altre nove persone sono rimaste ferite dall'esplosione, la cui natura non è stata accertata. Secondo fonti mediche, potrebbe trattarsi di un proiettile di carro armato o di un missile. Mentre E’ di 5 morti e 32 feriti il bilancio definitivo dell’azione di ieri sera a Tel Aviv. Due kamikaze palestinesi si sono fatti esplodere in un caffè non lontano della vecchia stazione degli autobus. La polizia israeliana, ha riferito che nell’esplosione sono morti un israeliano e due lavoratori immigrati, oltre agli stessi kamikaze palestinesi. L’attentato è stato rivendicato dalla Jihad islamica.

IRAQ - Per il segretario di Stato americano Colin Powell il rovesciamento del GOVERNO di Saddam Hussein "è una questione di sicurezza", prima ancora che di principio. Questo ha detto nel corso di una intevista. Powell ha ricordato che il presidente George W. Bush, che s'è impegnato a rovesciare Saddam, "non ha ancora deciso la strada da seguire e se ricorrere ai militari. Ma, se sarà necessario, lo farà". Il segretario di stato ha pure ricordato le consultazioni in corso riguardo all'Iraq con alleati e partner, avvertendo, però, che "se abbiamo una posizione di principio, e se pensiamo che una cosa vada fatta, allora la faremo".

KASHMIR- Nello stato indiano del Jammu e Kashmir le forze di sicurezza hanno circondato una moschea dentro alla quale sono asserragliati quattro ribelli separatisti musulmani, riusciti in precedenza a sottrarsi alla cattura in un'abitazione di Banihal. Lo hanno reso noto fonti della polizia locale, secondo cui l'assedio ha avuto inizio dopo che i miliziani erano riusciti a seminare gli inseguitori fuggendo da una casa all'altra fino a raggiungere la moschea. Quella di cercare rifugio nelle moschee è una tattica difensiva consolidata da parte dei guerriglieri indipendentisti kashmiri, che puntano a creare un proprio stato separato nella regione himalayana. L'India li accusa invece di volersi unire al Pakistan, che li appoggerrebbe con armi e finanziamenti.

ARGENTINA - L'ex generale Leopoldo Fortunato Galtieri, che fu presidente dell'Argentina negli anni della dittatura, si è rifiutato IERI di deporre nell'ambito della causa in cui, insieme ad altri 40 ex militari, è accusato del sequestro e dell'uccisione di una ventina di militanti 'montoneros', la guerriglia peronista. Lo hanno reso noto fonti giudiziarie. Subito dopo, l'ex generale è stato trasferito in un'unità militare dove è stato posto gli arresti domiciliari. E' questa la prima volta che Galtieri viene arrestato per una causa relativa ai 'desaparecidos'. In precedenza era stato processato per il suo comportamento durante il conflitto per l'arcipelago delle Malvine contro la Gran Bretagna, da lui stesso dichiarato.

USA - E' stato accusato di aggressione e violenze l'agente di polizia bianco che, sabato 6 luglio, PICCHIò, durante un arresto, un ragazzo nero di 16 anni, a Inglewood, nei pressi di Los Angeles. La scena venne ripresa da un videoamatore e le immagini, diffuse da tutte le tv degli Stati Uniti, suscitarono indignazione e proteste nella comunità nera e non solo. L'agente, Jeremy Morse, era stato subito sospeso, sia pure senza perdere la retribuzione, in attesa che le inchieste facessero il loro corso. Il suo avvocato ha detto che Morse si consegnerà alla polizia nelle prossime ore.

FIRENZE - Per oggi 18 luglio è stata fissata, presso il Tribunale di Firenze, l'udienza preliminare davanti al GIP per la MANIFESTAZIONE CONTRO LA GUERRA NATO NEI BALCANI del 1999. 15 i processati per "resistenza, violenza, lesioni a pubblico ufficiale, blocco stradale". Del processo ce ne ha parlato ieri Lorenzo del Movimento Antagonista Toscano, raggiunto telefonicamente.

aggiornamento ore

ITALIA - DROGA IN CARCERE, IN MANETTE ANCHE AGENTI PENITENZIARI. (ANSA) - ROMA, 18 LUG - Gestivano senza molte difficolta' un traffico di droga dalle carceri romane di Rebibbia e Regina Coeli: ad aiutarli anche alcuni agenti della polizia penitenziaria. A scoprire l'organizzazione, guidata da pregiudicati, sono stati i Carabinieri di Roma che dall'alba di oggi hanno eseguito 36 ordinanze di custodia cautelare con l'accusa di associazione a delinquere finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti e commissione di rapine. I Cc, hanno appurato che i pregiudicati che si trovavano a Rebibbia e Regina Coeli destinavano il denaro che proveniva dal traffico di droga e dalle rapine che commissionavano per 'migliorare' la vita all'interno del carcere. Ad aiutarli dall'esterno anche familiari e guardie carcerarie. (ANSA).

(la notizia e' di ieri, ma se non la si e' gia' data merita!) GENI OGM NELL'INTESTINO UMANO

Uno studio britannico ha scoperto che in persone in determinate condizioni di salute particelle di verdure transgeniche ingerite "passano" intatte per l'intestino.

LONDRA - Il Dna modificato può passare dalle verdure Ogm all'uomo. Per la prima volta un gruppo di ricercatori britannici ha scoperto che, in condizioni particolari, materiale geneticamente modificato proveniente da vegetali transgenici ha trovato una "via" per passare all'uomo attraverso i batteri dell'intestino. Benchè il materiale modificato in molti cibi Ogm non presenti rischi per la salute, molti di questi vegetali "biotech" possiedono alcuni geni che influiscono sulla resistenza agli antibiotici. Se, come riferisce lo studio dei ricercatori dell'Università di Newcastle pubblicato sul Guardian, questi geni possono arrivare allo stomaco umano, la resistenza dell'uomo a questi farmaci potrebbe essere alterata.

La ricerca, commissionata dalla Food standard agency, è la prima al mondo che ha testato cibo Ogm su volontari umani. Ed è stata definita pura dinamite dall'associazione Friends of Earth,nonostante i committenti ne abbiano ridimensionato i risultati: il passaggio di materiale transgenico non è avvenuto in condizioni normali. I ricercatori, infatti, hanno coinvolto 7 volontari che erano stati sottoposti, in precedenza, alla rimozione del basso intestino, e ora usano il 'sacchetto'. Dopo averli nutriti con un burger alla soya Ogm e un frullato, i ricercatori hanno confrontato le loro feci con quelle di 12 persone sane. Così hanno scoperto che una proporzione relativamente ampia di Dna geneticamente modificato era "sopravvissuta" al primo passaggio nello stomaco. Nulla di simile era accaduto, invece, nei volontari sani.

Per scoprire se il Dna Ogm era trasmigrato "via batterio" all'intestino, gli studiosi ne hanno prelevato un campione da ciascun 'sacchetto' e lo hanno coltivato in laboratorio. In tre dei 7 campioni sono stati scoperti microrganismi con un gene resistente agli erbicidi. I transgeni, benchè sopravvivano al passaggio nell'intestino umano, appaiono completamente degradati nel colon, precisano i ricercatori.

Secondo Michael Antonio, genetista molecolare della King's College Medical School di Londra, si tratta di un lavoro significativo. Dimostra che si può modificare laresistenza agli antibiotici, anche se a livelli molto bassi, con un solo pasto. Ma per la Fsa la ricerca mostra che in condizioni reali, con volontari umani nessun materiale sopravvive al passaggio attraverso l'intero tratto digerente.

gror180702 (last edited 2008-06-26 09:52:37 by anonymous)