Inserisci una descrizione per gror191202 Da Paula: Hola querido!!! Ho aperto ieri notte la pagina. Cercherò di fornirti un aggiornamento sull'Argentina. Per quanto riguarda il redazionale che devi fare: c'è una corrispondenza di Fulvio Vassallo sul sito della radio. Probabilmente sarà anche sulla cartella ror/redazione/gr/gr19.30 di ieri. Io ti ho mandato un po' di cosette alla tua posta. Non ti stressare !!! Un beso. Da Paula per il pomeriggio: cercherò di aggiornarvi su Argentina. Conto di passare il pomeriggio per provare a sentire un aggiornamento direttamente da giù. Buon lavoro!


Il sindacato della CTA, La corrente Classista Combattente,il movimento Barrios de Pie, Il Foro Sociale, H.I.J.O.S., le Madri di Plaza de Mayo - Linea Fondatrice, Le Nonne di Plaza de Mayo, e alcune delle assemblee di quartiere della capitale hanno convocato per oggi il denominato 'Aguante Cultural' a Plaza de Mayo, una sorta di omaggio nei confronti delle vittime del 20 dicembre 2001, morte per la repressione della polizia, durante le contestazioni popolari dell'ex presidente Fernando de la rua. Intanto continuano le iniziative delle altre organizzazioni, composte da lavoratori e disoccupati. Alcune di queste realtà, provenienti da diverse parti dell'Argentina, hanno ormai costituito 4 cortei che convergono verso Buenos Aires, per arrivare a formare la denominata e massiccia Marcia Federale, assieme alle diverse sezioni del Movimento dei Lavoratori Disoccupati che compongono il coordinamento Anibal Veròn. Questa grande manifestazione si concluderà venerdi 20 a Plaza de Mayo, teatro dei più massivi concentramenti di protesta dell'anno scorso e luogo storico di raduno delle Madri di Plaza de Mayo che anche in questa occasione saranno in piazza. Le attività di oggi prevedono un Piquete, un blocco urbano per immobilizzare il centro di Buenos Aires, in particolare le corporazioni finanziarie. I manifestanti cercheranno di bloccare le entrate delle banche, delle grandi inprese e della Borsa del Commercio per protestare contro il potere economico. Verso le 19, ora argentina, si concentreranno diverse assemblee di quartiere per far risuonare un cacerolazo e poi marciare anche loro verso Plaza de Mayo. Intanto le assemblee della zona nord della capitale faranno un altro cacerolazo davanti alla residenza presidenziale di Olivos, al quale parteciperà anche uno dei cortei della marcia federale piquetera che proprio oggi dovrebbe già raggiungere Buenos Aires. Quindi la fase più calda delle manifestazioni per la ricorrenza della protesta del 20 dicembre 2001 saranno oggi e soprattutto domani, giornata durante la quale si svolgeranno iniziative in tutto il mondo in appoggio al popolo argentino. Ricordiamo che la miriade di organizzazioni argentine si stanno mobilitando per tre obiettivi comuni: le dimissioni dell'attuale presidente Duhalde, contro lo sfruttamento delle risorse del paese da parte di capitali stranieri, e per un governo dei lavoratori e del popolo. Vi invitamo a seguire gli aggiornamenti puntuali sulle iniziative argentine, direttamente sul sito di Indymedia Argentina.