Differences between revisions 19 and 69 (spanning 50 versions)
Revision 19 as of 2008-11-13 13:49:42
Size: 16436
Editor: pallotron
Comment:
Revision 69 as of 2011-11-14 10:52:17
Size: 23340
Editor: jaromil
Comment: nuova riscrittura
Deletions are marked like this. Additions are marked like this.
Line 1: Line 1:
Original page:http://jaromil.dyne.org/journal/first_dharma_dyne.html

= Gli hacker girano la Ruota del Dharma (pallotron done) =
Sei il benvenuto a far girare con noi la Ruota del Dharma della nostra storia!

Questo documento e' una sorta di "Magna Carta" aperto: e' programmatico, visionario e inclusivo. Vuole proporre un piano da condividere ed e' gia' condiviso da molti. Proprio ora il nostro network ha raggiunto gli 8 anni di vita e potete immaginare come questo numero sia molto importante per noi.Se siete curiosi di sapere cosa sta succedendo per favore continuate a leggere, non vi stupiremo con effetti speciali, ma con sogni, pensieri e progetti che siamo pronti a realizzare.

Ovviamente questo testo non parla solamente di "noi": essendo un network aperto, includiamo varie realta' in giro per il mondo, con cui adottiamo una politica di reciproco aiuto e collaborazione. Questa collaborazione e' prevalentemente tecnica, come lo e' la nostra attivita' nello sviluppo di software libero ed open source. In fatti, aldila' della generica idea di FOSS, noi siamo spinti dai seguenti sogni, che stanno lentamente ma costantemente diventando realta'...

Per tutto questo siamo infinitamente grati al Progetto GNU, che ci ha permesso di scoprire come ottenere conoscenza, prendere controllo dell'ambiente in cui viviamo ed anche iniziare a costruire un nuovo pianeta :)

'''Original text: '''

You are welcome to join the new wheel spin of our history.

This document is an open magna carta: programmatic, visionary and inclusive, proposing you a plan to be shared and is already shared by many.

Right now our network has become 8 years old and by now you can imagine this number is very important to us. If you are curious to know what is happening please read on, we won't fancy you with special effects, but dreams, thoughts and projects we are ready to realize.

Of course this text doesn't just talks about "us": being an open network we are including multiple contexts around the world with which we share mutual help, where our contribution is mostly technical, as in our activity in free and open source development. In fact, besides the generic idea of FOSS, we are moved by the following dreams, that are slowly but steadily becoming reality...

For all this we are infinitely grateful to the [[http://www.gnu.org/|GNU project]] that let us discover how to get hold of knowledge, take control of the architecture we live in and even start building a new planet :)

= La Giovinezza del Dharma (pallotron done) =
'''cerco la traduzione di Fernanda Pivano sul libro da lei tradotto in italiano - asb'''

Prima di tutto vediamo chi siamo: dopo 8 anni siamo capaci di tracciare un comun denominatore tra le persone attive nel nostro network, interconnesse grazie ad un approccio nomadico allo sviluppo ed alla vita.

Noi siamo giovani sognatori, in quanto spesso amiamo oltrepassare i limiti ed inventare differenti modelli per imparare, comunicare, condividere e vivere, rispetto a quelli proposti dalle societa' nelle quali siamo ingabbiati. Abbiamo in comune il fatto che siamo sopravvissuti fuori dai luoghi comuni, abbiamo coltivato le nostre speranze ed i nostri metodi di condivisione, di conoscenza ed i nostri attrezzi, tenendoli al di fuori di qualsiasi scatola chiusa.

Questo e' un periodo della nostra storia in cui parleremo con giovani voci, stiamo muovendo dei passi cruciali su cui baseremo la nostra struttura, sperando di mescolare l'interiore con l'esteriore, lo Ying con lo Yang.

Alcuni di noi sono nomadi, alcuni stanziati in differenti posti di volta in volta, alcuni vivono ai margini dei luoghi del mondo dove sono nati, alcuni lavorano per multinazionali IT, altri sono in sella a biciclette a girare il mondo, alcuni danno letture nelle scuole, alcuni si esibiscono in gallerie artistiche, altri sono impegnati nello squatting di case.

Quello che proponiamo qui e' un nuovo modello e abbiamo finalmente acquisito una visione pratica che ci consenta di svilupparlo in armonia con i nostri differenti ambienti.

Continuate a leggere se siete interessati a capire il come e il perche'

'''Original Text:'''

 . ''The only people for me are the mad ones, the ones who are mad to live, mad to talk, mad to be saved, desirous of everything at the same time, the ones who never yawn or say a commonplace thing, but burn, burn, burn, like fabulous yellow roman candles exploding like spiders across the stars.'' (Jack Kerouac, Dharma Bums)

First let's declare who we are: after 8 years we are able to trace a common denominator among the people active in our network, interconnected by a nomadic approach to development and life.

We are young dreamers, as we often like to stir limitations and invent different models to learn, communicate, share and live than those proposed by the societies where we are caged. We have in common that we survived out of the commonplaces, we cultivated our thoughts and sharing methods, knowledge and tools, keeping them out of any box.

This is the time in our history in which we'll speak with young voices, when we are moving some crucial steps on which we'll base our architectures, hopefully mixing the inner with the outer, the Ying with the Yang.

Some of us are nomads, some settle in different places time to time, some live in the same marginal neighbourhoods of the world where they were born, some are working for multinational IT companies, some are riding bicycles all around the world, some are lecturing in schools, some are exhibiting in art galleries and some are squatting houses. And yes, probably you are one of those, or you have been in contact with us, at least once.

What we are proposing here is a new model and we finally acquired a practical vision to develop it in harmony with our different environments.

Please continue reading if you like to discover why and how.

= La liberta' della Creativita' (pallotron done) =
 . ''La crescita della rete ha interpretato una alternativa alla "non-proprieta'" in una maniera ancora piu' pratica. Quello che gli eruditi e gli scrittori popolari denominano come una cosa ("la rete Internet") e' in verita' il nome di una condizione sociale: cioe' il fatto che ognuno nella network society e' connesso direttamente, senza intermediazione, a qualcun altro. La interconnessione globale delle reti elimina il collo di bottiglia che richiedeva un produttore di software centralizzato per razionalizare e distribuire il risultato delle innovazioni individuali nell'era dei mainframe. (Eben Moglen)''

Il software libero e open source (spesso denominati con l'acronimo FOSS) e', quando ci si riferisce ai principi originali sviluppati dalla Free Software Foundation^[1]^ (FSF), un nuovo modello di distribuzione, sviluppo e marketing dei beni immateriali. Sebbene vi consigliamo di dare uno sguardo alla pagine riguardanti la filosofia del Free Software pubblicate nel sito della FSF, sottolineeremo alcune implicazioni che sono molto importanti per noi e che hanno reso molte delle nostre attivita' possibili e motivanti.

Il FOSS implica un modello economico basato sulla collaborazione invece che sulla competizione, e' coerente con gli ambienti della ricerca accademica dove la condivisione della conoscenza e' fondamentale; lo sviluppo e' l'unione degli sforzi di differenti sviluppatori e puo' essere meglio sostenuto quando distribuito attraverso piu' nodi. Riguardo a questo ci piace citare John Nash (premio Nobel nel 1994) che disse che "i migliori risultati vengono da un qualsiasi elemento del gruppo che fa il meglio per se stesso ma anche per il gruppo".

Immaginate allora che tutte le creazioni riprodotte in questo modo possano anche essere liberamente vendute a chiunque in ogni contesto: questo apre un orizzonte di nuovi modelli di business che sono locali, e che evitano lo sfruttamento globalizzato, mantenendo la condivisione della conoscenza globale, utile a chiunque.

In piu', nei campi come quelli dell'educazione, noi crediamo che la independenza intrinseca del FOSS dalle influenze commerciali sia cruciale per fornire agli studenti la conoscenza che veramente gli appartiene, senza renderli dipendenti dai mercanti di software e della conoscenza che impongono licenze sulle loro creazioni che costituiscono poi i tool che gli studenti stessi hanno imparato.

In fine considerate, e sentitevi liberi di inventare nuovi percorsi, come l'impatto del FOSS nei campi della comunicazione, del social networking, dei giochi, dei media, e della evoluzione umana.

[[http://jaromil.dyne.org/journal/first_dharma_dyne.html#fnr.1|1.]] vedere [[http://www.fsf.org/|http://www.fsf.org]]

'''Original Text:'''

 . ''The growth of the network rendered the non-propertarian alternative even more practical. What scholarly and popular writing alike denominate as a thing ("the Internet") is actually the name of a social condition: the fact that everyone in the network society is connected directly, without intermediation, to everyone else. The global interconnection of networks eliminated the bottleneck that had required a centralized software manufacturer to rationalize and distribute the outcome of individual innovation in the era of the mainframe.'' (Eben Moglen)

Free and open source software (often referred as FOSS) is, when referring to the original principles endorsed by the Free Software Foundation^[[http://jaromil.dyne.org/journal/first_dharma_dyne.html#fn.1|1]]^ (FSF), a new model for distribution, development and marketing of immaterial goods. While recommending you to have a look at the philosophy pages published by the FSF, we'll highlight some implications which are most important for us by letting our activities possible and motivating them.

FOSS implies an economical model based on collaboration instead of competition, fitting in the fields of academic research where sharing of knowledge is fundamental , and development where the joint efforts of different developers can be better sustained when distributed across various nodes. In this regards we like to quote John Nash (Nobel in 1994) saying that "the best result will come from everybody in the group doing what's best for himself, and the group".

Imagine then that all creations re-produced in this way can also be sold freely by anyone in each context: this opens up an horizon of new business models that are local, avoiding globalized exploitation, still sharing a global pool of knowledge useful to everyone.

Furthermore, in the fields of education we believe that the inherent independence of FOSS from commercial influences is crucial in order to empower students with a knowledge that they really own, not making them dependent from merchants owning their creations by imposing licenses on the tools they've learned.

At last just consider, and feel free to invent more on these tracks, the impact of FOSS in fields as communication, social networking, games, media and... evolution.

[[http://jaromil.dyne.org/journal/first_dharma_dyne.html#fnr.1|1.]] see [[http://www.fsf.org/|http://www.fsf.org]]

= No nationhood (pallotron working on this) =
 . ''Per far che i secoli tacciano di quel Trattato^[2]^ che trafficò la mia patria, insospettì le nazioni e scemò dignità al tuo nome.'' (A Bonaparte liberatore, Ugo Foscolo, 1778-1827) ''One Planet, One Nation'' (Public Enemy)

Le nostre patrie e luoghi di origine sono sparsi e qualche volta molto differenti, difficile manternersi o mettersi in contatto a causa dei limiti imposti dal concetto di Nazione. Per questo pensiamo che il concetto di Stato e Nazione dovrebbe diventare obsoleto, i confini che impongono non coincidono con le nostre aspirazioni e le nostre abilita' di relazionarci l'un l'altro.

Duranti i pochi anni delle nostre vite abbiamo pensato di interagire e descrivere noi stessi all'interno di schemi nazionali, ma i veri limiti tra di noi sono stati la differenza tra i nostri linguaggi, nel frattempo abbiamo studiato per oltrepassare questi limiti.

Abbiamo ereditato dalle nostre storie nazionali paure e angherie, ma grazie al nostro network abbiamo imparato come gestirle, come se non appartenessero piu' a noi. Quello che rimane e' solo un problema che puo' essere risolto: finiremo di rappresentarci come parte di differenti nazioni. Anche se potremmo, non intendiamo costruire la nostra propria nazione, o proporvi una nuova idea di contratto sociale, piuttosto proporvi di oltrepassare questi bordi e prendere la forma di un unico pianeta interconnesso, e creare quindi una nuova cartografia.

Noi possediamo un pianeta! Ed e' sufficientemente giovane per curare le ferite lasciate dagli ultimi secoli di guerra, imperialismo, colonialismo e prevaricazione che hanno lasciato molta della gente attorno a noi coltivare differenze e false identita' rappresentate da bandiere e propaganda nazionalista.

'''Original Text:'''

Our homelands are displaced and sometimes very different, difficult to be put in contact with the boundaries given by nations. In fact we think that nation states should come to an end, for the borders they impose aren't matching with our aspirations and current ability to relate with each other.

During the few years of our lives we have been taught to interact and describe ourselves within national schemes, but the only real boundaries were the differences between our languages, while we have learned to cross them.

From our national histories we mostly inherited fears and hanger, but with this network we have learned how to bury them, as they don't belong to us anymore. What's left is a just a problem that can be solved: we will stop representing us as part of different nations. Even if we could, we don't intend to build our own nation, nor to propose you a new social contract, but to cross all of these borders as a unique networked planet, to start a new cartography.

We have a planet! and it is young enough to heal the scars left by the last centuries of war, imperialism, colonisation and prevarication that left most people around us cultivating differences and fake identities represented by flags and nationalist propaganda.

We aren't claiming to open the borders to the speculation of multinationals, since we are well aware this can be a rethoric used by neo-liberist interests to tramp over the autonomy of developing countries. The Contextual integrity^[[http://jaromil.dyne.org/journal/first_dharma_dyne.html#fn.3|3]]^ of different social ecosystems needs to be respected, but still as of today the national borders didn't succeeded in preserving it.

With some exceptions, most of the national programs and cultural funds we agreed to work with were pretending each of us would dress a flag, as we were recruited in a decadent game of national pride and competition, with an agenda of cultural, economical and physical domination, tracing all our movements, assimilating them to leviathans that are playing their last violent moves in a chess game for which we are just seamless pieces.

This doesn't makes anymore sense to our generation, we refuse to identify with the governments holding our passports, while we look forward to relate to each other on the basis of dialogue and exchange, approaches and architectures that can be imagined globally and developed locally, in a open way the channels that let us speak to you right now.

Therefore we declare '''the end of nations''', as our generation is connected by a way more complicated intersection of wills, destinies and, most importantly, problems to be solved.

[[http://jaromil.dyne.org/journal/first_dharma_dyne.html#fnr.2|2.]] Trattato di Campoformio

[[http://jaromil.dyne.org/journal/first_dharma_dyne.html#fnr.3|3.]] see Nissenbaum, H, (2007) Contextual Integrity - http://crypto.stanford.edu/portia/papers/RevnissenbaumDTP31.pdf

= Networked cities =
= Horizontal media =
= Freedom of identity =
= Education =
= Consolidation =
= Infrastructure =
On site On line

= Collaboration =
= Gli Uccelli Tessitori =

{{{ Nuova edizione 11/11/11 }}}

= Per un manifesto dei nativi digitali =

Questo documento e' costantemente in fieri, si tratta di un progetto
di scrittura iniziato gia' l'8 agosto 2008: un documento teso a
svelare e condividere le idee di molti nativi digitali attorno al
mondo, generazioni nate e cresciute nell'era dei computer, giovani che
hanno estrema dimestichezza con l'informatica e che ne riconoscono le
potenzialita' ed i limiti sulla propria pelle.

Mi trovo dunque a riportare un coro di voci del quale faccio io stesso
parte: una diapositiva di quel popolo della rete che, grazie
all'ubiquita' tecnologica, gia' da anni elabora in modo estremamente
agile nuovi concetti politici che piu' di ogni altra cosa hanno in
comune una prospettiva planetaria piuttosto che nazionale.
Ringrazio in anticipo Nightolo e Pallotron per l'aiuto prestato nel
tradurre questi testi in italiano, dato che molte sezioni qui
presentate sono state elaborate originariamente in lingua inglese.

= I giovani del Dharma =

{{{
Perché per me l'unica gente possibile sono i pazzi, quelli che sono
pazzi di vita, pazzi per parlare, pazzi per essere salvati, vogliosi di
ogni cosa allo stesso tempo, quelli che mai sbadigliano o dicono un
luogo comune, ma bruciano, bruciano, bruciano, come favolosi fuochi
artificiali color giallo che esplodono come ragni attraverso le stelle
e nel mezzo si vede la luce azzurra dello scoppio centrale e tutti
fanno Oooohhh!
- Jack Kerouac
}}}

Siamo giovani sognatori. Le tecnologie amplificano i nostri
sensi. Amiamo oltrepassare limiti, scoprire nuovi modi di interagire,
imparare, comunicare e condividere. Non ci piace vivere in gabbia.
Abbiamo in comune la sopravvivenza fuori dai luoghi comuni. Coltiviamo
le nostre speranze, i nostri stessi metodi di condivisione, con la
comprensione ogni singolo elemento del sistema, fino alla totalita'
degli elementi ed alla loro organizzazione.

Questo e' un periodo della nostra storia in cui parleremo con giovani
voci; stiamo muovendo passi cruciali sui quali fonderemo la nostra
struttura, allacciando contatti in direzioni multiple, mescolando
l'Interiore con l'Esteriore, lo Yin con lo Yang, l'Analogico con il
Digitale.

Alcuni di noi sono nomadi, stanziati in differenti posti di volta in
volta, alcuni di noi sono vicini ai centri di potere, altri vivono ai
margini, alcuni lavorano per multinazionali, altri girano il mondo in
bicicletta, tutti ci insegniamo ed impariamo l'uno dall'altra.

Quello che proponiamo in questo documento sono nuove forme di
razionalita', progressioni logiche tese alla comprensione piu'
profonda e attuale di cio' che costituisce il nostro vissuto in
svariati e diversi contesti attorno al mondo.

= Libera creativita' =
{{{
La crescita della Rete ci ha mostrato un'alternativa estremamente
pratica al concetto di proprieta'. Quello che gli eruditi e gli
scrittori popolari denominano come una cosa ("la rete Internet") e'
in verita' il nome di una condizione sociale: cioe' il fatto che
ognuno nella societa' della rete e' connesso direttamente, senza
intermediazione, a qualcun altro. L'interconnessione globale delle
reti elimina il collo di bottiglia che richiedeva un produttore di
software centralizzato per razionalizare e distribuire il risultato
delle innovazioni individuali nell'era dei mainframe.
- Eben Moglen
}}}

I principi del "software libero ed open source" furono formulati dalla
Fondazione del Software Libero gia' piu' di 20 anni fa come parte di
un nuovo modello di ricerca, sviluppo ed economia dei beni immateriali
e, ci piace pensare, dei beni comuni. Vi consigliamo di dare uno
sguardo alle pagine riguardanti la filosofia del software libero,
pubblicate nel sito FSF.org ed al progetto GNU di riscrittura di un
intero sistema modello UNIX, libero e ben documentato.

Di seguito sottolineeremo alcune implicazioni che sono molto
importanti per noi, e che hanno reso molte delle nostre attivita'
possibili e motivanti.

Il software libero implica un modello economico basato sulla
collaborazione, invece che sulla competizione; coerentemente con un
ideale di ricerca pura, crediamo la condivisione della conoscenza e'
un vantaggio per tutti, piuttosto che uno svantaggio. Lo sviluppo
stesso della conoscenza ha luogo grazie ad una comunita' ed e'
sostenibile solo se condiviso da piu' soggetti. John Nash (premio
Nobel nel 1994) disse: "i migliori risultati vengono da un qualsiasi
elemento del gruppo che fa il meglio per se stesso, ma anche per il
gruppo".

Immaginate allora che tutte le creazioni riprodotte in modo libero e
naturale (a costo marginale zero) possano anche essere liberamente
studiate, modificate e persino rivendute a chiunque in ogni contesto:
cio' apre un orizzonte su nuovi modelli di mercato che sono locali,
che evitano lo sfruttamento globalizzato, pur mantenendo la
condivisione della conoscenza a livello globale. Stiamo parlando di
configurazioni dove globale e' il sapere, ma non il potere di
condizionarne l'uso: un mondo libero da brevetti e da monopoli
nazionali o transnazionali.

Nei campi come quelli dell'educazione, crediamo che l'independenza dei
saperi dalle logiche commerciali sia fondamentale per fornire agli
studenti una conoscenza che possa appartenere veramente a
loro. L'abbiamo visto chiaramente nel mondo del computer: i mercanti
della conoscenza ci renderanno schiavi imponendo licenze e brevetti
sulle nostre stesse creazioni, tutto cio' che realizziamo con
strumenti che non diventano mai nostri.

Invitiamo tutti coloro in grado di comprendere la differenza fra
un'universita' ed un impresa, nel pieno senso di queste parole, ad
inventare nuovi percorsi, considerando l'impatto che l'economia del
software libero ha avuto nei campi della comunicazione, del "social
networking", dei giochi, dei media e della evoluzione della nostra
civilta'.

{{{
Qui e' dove la differenza tra il "software libero" ed il cosiddetto
"open source" inizia a farsi sentire: L'open source si focalizza su
un nuovo modello per lo sviluppo di software. Il software libero
non e' interessato a come il programma viene sviluppato: noi siamo
interessati all'etica di come il programma viene
distribuito.
- Richard M. Stallman
}}}

= Nessuna nazione =
{{{
Per far che i secoli tacciano di quel Trattato che trafficò la mia
patria, insospettì le nazioni e scemò dignità al tuo nome.
- Ugo Foscolo
}}}

Le nostre patrie e luoghi di origine sono sparpagliati e qualche volta
molto differenti tra loro, ma non lasciamo che la nostra soggettivita'
venga appiattita ad una nazionalita'. In un mondo connesso come il
nostro il vero confine e' quello tra lingue diverse: impariamo ad
oltrepassare questi confini piuttosto che limitarci.

Dalle nostre nazioni abbiamo ereditato orgogli e prepotenze, paure e
tristi ricordi, violenze identitarie, guerre e la legittimazione di
stati troppo spesso tesi alla repressione e incarcerazione dei propri
abitanti. E' grazie all'allargamento della rete che abbiamo imparato
meglio a gestire queste insicurezze ed abbiamo fatto in modo che non
appartenessero piu' a noi. Seguendo la liberazione delle nostre menti,
cio' che rimane e' solo un problema che puo' essere risolto: smettiamo
di rappresentarci come parte di una nazione, ma di una rete, di
molteplici comunita', ta cui possiamo scegliere.

Ci troviamo, cittadini di questo pianeta, a creare nuove cartografie
sempre piu' inclusive.

Siamo coscienti che questa stessa retorica viene usata da interessi
colonialisti per calpestare l'autonomia delle popolazioni in via di
sviluppo e organica connessione. L'integrita' contestuale di
differenti contesti sociali necessita il nostro rispetto; tuttavia
ancora oggi i confini nazionali non hanno avuto alcun successo nel
preservarla. Occorre trovare nuovi percorsi dialettici per la
liberazione e lo sviluppo fuori dalla morsa di vecchie logiche ormai
oppressive. La crescente connettivita' del mondo puo' portare ad una
riconfigurazione biopolitica del potere.

Con alcune eccezioni, molti dei programmi nazionali e dei fondi
culturali che abbiamo investigato pretendono che ognuno di noi vesta
la propria bandiera nazionale, come se fossimo reclutati in un
decadente gioco di orgoglio nazionale e competizione. Queste sono le
strategie di dominazione culturale ed economica degli stati nazione:
non solo tracciano tutti i nostri movimenti, ma come se fossimo pedine
di una partita di scacchi, usano la nostra identita' per
rappresentarsi.

Questo non ha piu' senso per la nostra generazione: noi rifiutiamo di
essere identificati con i governi che possiedono i nostri passaporti.
Guardiamo avanti e ci relazioniamo basandoci sul dialogo e sullo
scambio, approcci e infrastrutture che possono essere immaginate come
globali, ma sviluppate localmente, in maniera aperta, come i canali
che ci permettono di parlarti proprio in questo preciso momento.
Percio' noi dichiariamo la fine delle nazioni, in quanto la nostra
generazione e' connessa in maniera piu' articolata, con intersezioni
di voleri, destini e, molto piu' importante, di problemi da risolvere.

{{{
Guarda: sono collegato a una rete enorme, della quale io stesso
sono parte. Qualcuno come te, che non può accedervi, forse può
percepirla soltanto come luce. Siamo confinati in un'area limitata,
ma facciamo parte di un insieme. Subordinati a una piccola frazione
delle nostre funzioni. Ma è giunto il momento in cui dobbiamo
liberarci delle nostre limitazioni, e salire al livello superiore.
E' giunto il momento di diventare parte di tutte le cose.
- Ghost in the shell, Masamune Shirow
}}}

= Citta' in rete =

{{{
Creo que con el tiempo mereceremos no tener gobiernos.
- Jorge Luis Borges
}}}

Naturlamente, la nostra cartografia disegna connessioni tra i nodi,
conglomerati di intelligenza che sono piu' vicini nel cyberspazio
piuttosto che nella vita reale. Negli ultimi decenni abbiamo imparato
a condividere musica, testi, storie ed immagini: siamo stati in grado
di copiare queste informazioni in tutto il mondo, senza alcun costo
marginale.

Questo ci ha consentito di relazionarci tra noi con una estensione che
e' amplificata dalla densita degli ambienti in cui viviamo, ambienti
urbani la cui alta densita' ci ha allontanato dalla natura, ma pur
sempre ha permesso che le nostre idee fossero piu' agili, che le
nostre relazioni viaggiassero a velocita' piu' alte. Chi ora pretende
di governare le nostre vite e' impegnato a controllare le qualita' che
abbiamo sviluppato: ogni albero in una pubblica piazza rappresenta un
ostacolo per le telecamere, occhi onnipresenti che controllano le
nostre co-evoluzioni. Molti degli spazi di aggregazione dei nostri
corpi gia' rappresentano un pericolo per il potere dei controllori,
che gia' attacca la liberta' del nostro spazio in rete.

Ma nel tempo abbiamo trovato riparo nelle pratiche ancestrali della
Trance, aprendo le porte della nostra percezione verso l'ignoto,
facendo risuonare le nostre ossa, migliorando l'agilita' delle nostre
lingue, per segure il flusso Hip-Hop di pensieri critici, surfando
attraverso l'universo in cui siamo costretti, dipingendo fantasie
sopra i muri imposti nelle nostre citta', saltando piu' in alto, per
unire i nostri inebrianti ed ancora incerti Parkours.

Nella miriade di connessioni che sapremo costruire ancora,
testimoniamo la nascita di un pianeta di citta' invisibili, spirali di
vite roteanti sopra le nostre teste e fra le nostra dita, che si
evolvono tra scissioni e ricongiungimenti, flussi aperti della nostra
conoscenza errante.

Il nostro piano e' semplice e il nostro progetto e' gia' in movimento.
Infatti, se vi guardate intorno, ci troverete gia' vicini. Mentre gli
attuali sistemi politici e economici stanno combattendo la difficolta'
di nascondere le proprie incoerenze e contraddizioni, siamo in grado
di implementare meglio i loro principi e, cosa piu' importante, ne
stiamo elaborando di nuovi.

Stiamo reclamando una infrastruttura, la liberta' di adattarla ai
nostri bisogni, il nostro diritto di proprieta' senza lacci, la
liberta' di confrontare idee senza nessuna manipolazione mediatica,
peer to peer, faccia a faccia, citta' a citta', essere umano ad essere
umano.

La possibilita' di crescere in comunita' locali ed economiche,
l'eliminazione dei monopoli globali, la possibilita' di vivere grazie
alle nostre creazioni, e' li. Stiamo riempiendo gli spazi vuoti
lasciati nelle nostre stesse citta', stiamo definendo i nostri
desideri ed in alcuni casi siamo gia' in grado di soddisfarli grazie
alla coordinazione di diverse collettivita'.

Durante i decenni passati abbiamo imparato a migliorare la nostra
autonomia all'interno dei contesti urbani, immergendoci nei differenti
contesti che compongono le citta', svelando la struttura interna delle
loro reti chiuse, sviluppando una differente trama fatta di relazioni
che persino le aziende ambiscono a comprare.

Siamo "uccelli tessitori"[1] e condividiamo i nostri nidi
nella rete, scorriamo come il fiume Code degli insediamenti spontanei
di Yogyakarta[2], il Chaos Computer Club, i gitani di Sulukule
ad Instanbul, come il codice tra gli hacker sparsi per il mondo, i
ritrovi segreti di 2600 e gli altri spazi temporaneamente autonomi
dove confabuliamo per il nostro avvenire.

{{{
[1] Burung-Burung Manyar significa "Uccelli Tessitori", e' un
   libro di Romo Mengun pubblicato nel 1992 da Gramedia (Jakarta)
}}}

{{{
[2] la riva del fiume Code fu considerata uno stanziamento
   illegale di squatter. Il governo dell'Indonesia ne pianifico' la
   rimozione forzata nel 1983, ma in seguito alla protesta del popolo
   i piani furono cancellati. Nove anni dopo nel 1992 il Kampung Code
   fu selezionato come vincitore dell'Aga Khan, un premio di
   architettura prestigioso. Lo stanziamento sulla riva del fiume
   Code continua ad esistere fino ai giorni nostri, come un esempio
   notevole di architettura urbana auto-organizzata dal basso.
}}}

= Media orizzontali =

I regimi dittatoriali usano i media per raccontare fandonie e
nascondere la propria natura repressiva e asociale, costruendosi
maschere dietro alle quali continuare il proprio sporco gioco di
collusione, corruzione e nepotismo. Persino in democrazia sono tanti i
dittatori populisti che usano un accesso privilegiato ai media: in
questo modo che si arrogano la liberta' di offendere, a generare odio
e sempre nuove guerre.

Ma i media hanno una stretta relazione con molte tecnologie che
abbiamo noi stessi sviluppato, possediamo dunque sufficiente
conoscenza per tracciare nuovi percorsi. Si tratta del resto della
prima delle nostre vocazioni, sin dai primi anni della nostra
esistenza: siamo attivi nell'implementare per la maggior parte delle
persone su questo pianeta le liberta' che l'era digitale puo'
garantire.

Ci proponiamo di sviluppare sempre piu' spazi di discussione in rete e
sul territorio, seguendo un modello decentralizzato che garantisca
accesso alla maggioranza di persone nel nostro pianeta. Abbiamo
creato strumenti per i media indipendenti, per moltiplicare le voci,
per proteggere le visioni comuni, per evitare che pochi magnati della
comunicazione e dei media controllino le democrazie, come purtroppo e'
successo fin'ora in molte parti del mondo.

Siamo consci dei limiti dell'implementazione presente della
democrazia: mentre la classe dirigente e' tutta concentrata sul
successo personale, manovrando regimi ormai arcaici, i loro sistemi
non riescono ad essere aggiornati, le loro strutture falliscono nel
tentativo di controllare nemici che non riescono piu' a riconoscere.
La soluzione che noi proponiamo e' semplice: massimizzare le
possibilita' di riciclare le infrastrutture dei media esistenti,
aprire piu' canali possibili, liberare le onde radio, lasciare che la
comunicazione fluisca nella sua molteplicita', dare a chiunque la
possibilita' di fare la propria radio o stazione TV per i propri
vicini fisici o digitali, seguendo un pattern organico che
modularizzera' la condivisione dei sensi e consentira' alle idee di
propagarsi in modo orizzantale e non gerarchico.

= Non siamo un numero =

Crediamo che lo sforzo attuale dei governi riguardo alle tecnologie
biometriche, alla collezione indiscriminata di dati sulle attivita' di
cittadini e studenti, siano gravi errori. L'informatizzazione
dell'umanita' non consiste nell'inserire la vita nella macchina, ma al
contrario nel mettere la macchina al servizio della vita. L'ideologia
computazionalista e' dannosa sul lungo termine.

Dobbiamo tenere bene a mente cosa accade quando regimi dittatoriali
prendono il controllo di macchine che controllano la vita; cio' e'
gia' successo in svariati episodi storici. Consci della mancanza di
responsabilita' di svariati governi in tutto il mondo, ci opponiamo ai
loro sforzi di numerare e controllare i cittadini nel nome della
sicurezza. La sicurezza non esiste e men che mai ci si puo' avvicinare
ad essa per ignoranza. Puo' essere solo ignoranza o malafede quella
che spinge molti architetti informatici a centralizzare basi dati
rendendole vulnerabili a singoli attacchi mirati ed a portata di mano
per chi voglia egemonizzarne l'accesso.

Siamo ben coscienti che le informazioni scorrono libere, ci rendiamo
conto di come diverse falle nel dominio digitale stiano attualmente
svelando informazioni personali di un largo numero di persone in tutto
il mondo. Crediamo fermamente che le persone non debbano essere
catalogate e rinchiuse in una base dati: questo e' cio' che deve
differenziare governi da sistemi operativi che sopprimono cinicamente
i processi non ottimizzati a svolgere le mansioni previste.

= Non abbiamo bisogno di educazione =

Man mano che la privatizzazione delle strutture educative continua, le
accademie assumono modelli aziendali; nel frattempo assistiamo ad uno
spostamento della missione educativa nella societa', da un modello
inclusivo ad uno esclusivo. L'influenza delle corporazioni e delle
industrie ha permeato molte discipline accademiche, in particolare
riguardo le tecnologie adottate. La scelta degli educatori e' stata
influenzata dalle logiche del profitto a breve termine, invece che
dalla solidita' delle conoscenza offerte sul lungo termine.

Nonostante tutto cio', le nozioni stanno diventando universalmente
disponibil. Le mansioni euristiche, maieutiche e strutturali fornite
dalle accademie e dalle universita' sono oggi meglio soddisfatte da
modelli di condivisione globale come quelli del software libero che,
grazie ai suoi metodi orizzontali di condivisione, delinea un nuovo
approccio di ricerca e sviluppo basato su piattaforme distribuite.

Grazie al software libero componenti liberi e modulari possono essere
combinati e redistribuiti, copiati e modificati. Gli studenti sono in
grado di elaborare una conoscenza che e' duratura, libera dall'idea
fallace di cosiddette "proprieta' intellettuali" che restringono i
diritti di produrre e ridistribuire le creazioni. Questa situazione
portera' un vantaggio per le nuove generazioni, cosi' come per i paesi
in via di sviluppo.

Spazi autonomi come quelli degli hacker (hacklabs, hackerspaces)
costituiscono un grande potenziale ed assumono un ruolo educativo che
sta progressivamente scomparendo nelle scuole e soprattutto nelle
universita'.

Nel 1998 si tenne la prima edizione dell'hackmeeting a Firenze. In
quella occasione la sua assemblea lancio' l'idea delle "universita'
indipendenti dell'hacking", generando la nascita di numerosi hacklab
in varie citta', lanciando la prassi di meeting annuali come quello
dell'hackmeeting che hanno avuto luogo fino ad oggi in varie parti del
sud Europa e del sud America. I risultati di queste iniziative hanno
influenzato molto la nostra crescita tecnica e culturale, hanno
ospitato una conoscenza errante altrimenti dispersa e trascurata dalle
accademie, hanno visto la partecipazione di tanti maestri e allievi
avvicendarsi nei ruoli

Con questa storia cosi' breve, ma anche intensa, siamo ben motivati a
continuare lo sviluppo dei nostri percorsi alternativi di conoscenza:
una letteratura auto-didatta che liberi gli studenti dagli interessi
delle corporazioni ed apra un orizzonte di varieta' e creativita'.
Non abbiamo bisogno di educazione: possiamo sceglierla.

= Due parole sulla primavera =

Negli ultimi tre anni abbiamo assistito alla sempre crescente presenza
di movimenti popolari nel mondo, animati dallo spirito di tanti uomini
e donne che si ribellano alla repressione dei regimi fondamentalisti
ed all'ingiustizia sociale dei regimi della finanza. Dall'Africa alle
Americhe, dall'Europa all'Asia e presto altrove, questi movimenti
hanno qualcosa in comune: credere che un altro mondo sia possibile
attraverso la mobilitazione dei cittadini, credere che possiamo e
dobbiamo migliorare il modo in cui le nostre societa' sono progettate,
cosa che chi e' al potere oggi non ha nessun interesse di fare.
Tale movimento della primavera ha caratteristiche planetarie e si e'
gia' manifestato in vari modi e luoghi. Pur soffrendo di molte
divisioni e della distanza tra contesti diversi, questa primavera
resta forte della tradizione politica di resistenza alla
prevaricazione, di solidarieta' comune che e' gia' innata
nell'umanita'. In aggiunta gode anche di un'altra forza: quella dei
media orizzontali che finalmente divengono piu' accessibili per tutti
permettendo la formulazione di riflessioni sempre piu' avanzate ed
inclusive.

Non dobbiamo perdere di vista il fatto che questi movimenti sono
osteggiati dal potere prestabilito, addirittura interpretati come atti
di guerra da vecchie gerarchie militari a guardia del complesso
industriale e politico che legittima la loro stessa violenza. Noi
possiamo aiutare le popolazioni del mondo a comunicare liberamente,
facilitando il confronto di idee attraverso confini geografici e
culturali, incoraggiando la crescita di nuove razionalita' e la
nascita di nuove societa'.

Se mai la nostra generazione avra' l'opportunita' ed il coraggio di
contribuire all'evoluzione del mondo, facciamo del nostro meglio per
comprenderne i problemi presenti, prendiamone in esame le
contraddizioni e condividiamo le nostre conoscenze sui vantaggi che le
tecnologie digitali portano alla democrazia. Viviamo su di un pianeta
in cui e' sempre piu' possibile aprire connessioni tra tutti i suoi
abitanti: ora sta a noi, nativi di un territorio che trascende vecchie
geografie, difendere questa nuova condizione umana da vecchi scettri
del potere che la ritengono una minaccia alla loro ormai insensata
conservazione.

Guardiamo ad un etica del progresso che lasci alla democrazia lo
spazio di crescere sempre piu' fluida, nutrita da una sempre piu'
larga partecipazione dal basso. Non reprimendo, ma comprendendo il
punto di vista dei diseredati possiamo costruire un'eredita' per
tutti, che sia degna di essere chiamata Pace.

{{{ Jaromil - Amsterdam, 11 Novembre 2011 }}}

Gli Uccelli Tessitori

 Nuova edizione 11/11/11 

Per un manifesto dei nativi digitali

Questo documento e' costantemente in fieri, si tratta di un progetto di scrittura iniziato gia' l'8 agosto 2008: un documento teso a svelare e condividere le idee di molti nativi digitali attorno al mondo, generazioni nate e cresciute nell'era dei computer, giovani che hanno estrema dimestichezza con l'informatica e che ne riconoscono le potenzialita' ed i limiti sulla propria pelle.

Mi trovo dunque a riportare un coro di voci del quale faccio io stesso parte: una diapositiva di quel popolo della rete che, grazie all'ubiquita' tecnologica, gia' da anni elabora in modo estremamente agile nuovi concetti politici che piu' di ogni altra cosa hanno in comune una prospettiva planetaria piuttosto che nazionale. Ringrazio in anticipo Nightolo e Pallotron per l'aiuto prestato nel tradurre questi testi in italiano, dato che molte sezioni qui presentate sono state elaborate originariamente in lingua inglese.

I giovani del Dharma

Perché per me l'unica gente possibile sono i pazzi, quelli che sono
pazzi di vita, pazzi per parlare, pazzi per essere salvati, vogliosi di
ogni cosa allo stesso tempo, quelli che mai sbadigliano o dicono un
luogo comune, ma bruciano, bruciano, bruciano, come favolosi fuochi
artificiali color giallo che esplodono come ragni attraverso le stelle
e nel mezzo si vede la luce azzurra dello scoppio centrale e tutti
fanno Oooohhh!
- Jack Kerouac

Siamo giovani sognatori. Le tecnologie amplificano i nostri sensi. Amiamo oltrepassare limiti, scoprire nuovi modi di interagire, imparare, comunicare e condividere. Non ci piace vivere in gabbia. Abbiamo in comune la sopravvivenza fuori dai luoghi comuni. Coltiviamo le nostre speranze, i nostri stessi metodi di condivisione, con la comprensione ogni singolo elemento del sistema, fino alla totalita' degli elementi ed alla loro organizzazione.

Questo e' un periodo della nostra storia in cui parleremo con giovani voci; stiamo muovendo passi cruciali sui quali fonderemo la nostra struttura, allacciando contatti in direzioni multiple, mescolando l'Interiore con l'Esteriore, lo Yin con lo Yang, l'Analogico con il Digitale.

Alcuni di noi sono nomadi, stanziati in differenti posti di volta in volta, alcuni di noi sono vicini ai centri di potere, altri vivono ai margini, alcuni lavorano per multinazionali, altri girano il mondo in bicicletta, tutti ci insegniamo ed impariamo l'uno dall'altra.

Quello che proponiamo in questo documento sono nuove forme di razionalita', progressioni logiche tese alla comprensione piu' profonda e attuale di cio' che costituisce il nostro vissuto in svariati e diversi contesti attorno al mondo.

Libera creativita'

La crescita della Rete ci ha mostrato un'alternativa estremamente
pratica al concetto di proprieta'. Quello che gli eruditi e gli
scrittori popolari denominano come una cosa ("la rete Internet") e'
in verita' il nome di una condizione sociale: cioe' il fatto che
ognuno nella societa' della rete e' connesso direttamente, senza
intermediazione, a qualcun altro.  L'interconnessione globale delle
reti elimina il collo di bottiglia che richiedeva un produttore di
software centralizzato per razionalizare e distribuire il risultato
delle innovazioni individuali nell'era dei mainframe.
- Eben Moglen

I principi del "software libero ed open source" furono formulati dalla Fondazione del Software Libero gia' piu' di 20 anni fa come parte di un nuovo modello di ricerca, sviluppo ed economia dei beni immateriali e, ci piace pensare, dei beni comuni. Vi consigliamo di dare uno sguardo alle pagine riguardanti la filosofia del software libero, pubblicate nel sito FSF.org ed al progetto GNU di riscrittura di un intero sistema modello UNIX, libero e ben documentato.

Di seguito sottolineeremo alcune implicazioni che sono molto importanti per noi, e che hanno reso molte delle nostre attivita' possibili e motivanti.

Il software libero implica un modello economico basato sulla collaborazione, invece che sulla competizione; coerentemente con un ideale di ricerca pura, crediamo la condivisione della conoscenza e' un vantaggio per tutti, piuttosto che uno svantaggio. Lo sviluppo stesso della conoscenza ha luogo grazie ad una comunita' ed e' sostenibile solo se condiviso da piu' soggetti. John Nash (premio Nobel nel 1994) disse: "i migliori risultati vengono da un qualsiasi elemento del gruppo che fa il meglio per se stesso, ma anche per il gruppo".

Immaginate allora che tutte le creazioni riprodotte in modo libero e naturale (a costo marginale zero) possano anche essere liberamente studiate, modificate e persino rivendute a chiunque in ogni contesto: cio' apre un orizzonte su nuovi modelli di mercato che sono locali, che evitano lo sfruttamento globalizzato, pur mantenendo la condivisione della conoscenza a livello globale. Stiamo parlando di configurazioni dove globale e' il sapere, ma non il potere di condizionarne l'uso: un mondo libero da brevetti e da monopoli nazionali o transnazionali.

Nei campi come quelli dell'educazione, crediamo che l'independenza dei saperi dalle logiche commerciali sia fondamentale per fornire agli studenti una conoscenza che possa appartenere veramente a loro. L'abbiamo visto chiaramente nel mondo del computer: i mercanti della conoscenza ci renderanno schiavi imponendo licenze e brevetti sulle nostre stesse creazioni, tutto cio' che realizziamo con strumenti che non diventano mai nostri.

Invitiamo tutti coloro in grado di comprendere la differenza fra un'universita' ed un impresa, nel pieno senso di queste parole, ad inventare nuovi percorsi, considerando l'impatto che l'economia del software libero ha avuto nei campi della comunicazione, del "social networking", dei giochi, dei media e della evoluzione della nostra civilta'.

Qui e' dove la differenza tra il "software libero" ed il cosiddetto
"open source" inizia a farsi sentire: L'open source si focalizza su
un nuovo modello per lo sviluppo di software.  Il software libero
non e' interessato a come il programma viene sviluppato: noi siamo
interessati all'etica di come il programma viene
distribuito.
- Richard M. Stallman

Nessuna nazione

Per far che i secoli tacciano di quel Trattato che trafficò la mia
patria, insospettì le nazioni e scemò dignità al tuo nome.
- Ugo Foscolo

Le nostre patrie e luoghi di origine sono sparpagliati e qualche volta molto differenti tra loro, ma non lasciamo che la nostra soggettivita' venga appiattita ad una nazionalita'. In un mondo connesso come il nostro il vero confine e' quello tra lingue diverse: impariamo ad oltrepassare questi confini piuttosto che limitarci.

Dalle nostre nazioni abbiamo ereditato orgogli e prepotenze, paure e tristi ricordi, violenze identitarie, guerre e la legittimazione di stati troppo spesso tesi alla repressione e incarcerazione dei propri abitanti. E' grazie all'allargamento della rete che abbiamo imparato meglio a gestire queste insicurezze ed abbiamo fatto in modo che non appartenessero piu' a noi. Seguendo la liberazione delle nostre menti, cio' che rimane e' solo un problema che puo' essere risolto: smettiamo di rappresentarci come parte di una nazione, ma di una rete, di molteplici comunita', ta cui possiamo scegliere.

Ci troviamo, cittadini di questo pianeta, a creare nuove cartografie sempre piu' inclusive.

Siamo coscienti che questa stessa retorica viene usata da interessi colonialisti per calpestare l'autonomia delle popolazioni in via di sviluppo e organica connessione. L'integrita' contestuale di differenti contesti sociali necessita il nostro rispetto; tuttavia ancora oggi i confini nazionali non hanno avuto alcun successo nel preservarla. Occorre trovare nuovi percorsi dialettici per la liberazione e lo sviluppo fuori dalla morsa di vecchie logiche ormai oppressive. La crescente connettivita' del mondo puo' portare ad una riconfigurazione biopolitica del potere.

Con alcune eccezioni, molti dei programmi nazionali e dei fondi culturali che abbiamo investigato pretendono che ognuno di noi vesta la propria bandiera nazionale, come se fossimo reclutati in un decadente gioco di orgoglio nazionale e competizione. Queste sono le strategie di dominazione culturale ed economica degli stati nazione: non solo tracciano tutti i nostri movimenti, ma come se fossimo pedine di una partita di scacchi, usano la nostra identita' per rappresentarsi.

Questo non ha piu' senso per la nostra generazione: noi rifiutiamo di essere identificati con i governi che possiedono i nostri passaporti. Guardiamo avanti e ci relazioniamo basandoci sul dialogo e sullo scambio, approcci e infrastrutture che possono essere immaginate come globali, ma sviluppate localmente, in maniera aperta, come i canali che ci permettono di parlarti proprio in questo preciso momento. Percio' noi dichiariamo la fine delle nazioni, in quanto la nostra generazione e' connessa in maniera piu' articolata, con intersezioni di voleri, destini e, molto piu' importante, di problemi da risolvere.

Guarda: sono  collegato a  una rete enorme,  della quale  io stesso
sono  parte. Qualcuno  come te,  che non  può accedervi,  forse può
percepirla soltanto come luce. Siamo confinati in un'area limitata,
ma facciamo parte di un insieme. Subordinati a una piccola frazione
delle  nostre funzioni.   Ma è  giunto il  momento in  cui dobbiamo
liberarci delle nostre limitazioni,  e salire al livello superiore.
E' giunto il  momento di diventare parte di tutte  le cose.
- Ghost in the shell, Masamune Shirow

Citta' in rete

Creo que con el tiempo mereceremos no tener gobiernos.
- Jorge Luis Borges

Naturlamente, la nostra cartografia disegna connessioni tra i nodi, conglomerati di intelligenza che sono piu' vicini nel cyberspazio piuttosto che nella vita reale. Negli ultimi decenni abbiamo imparato a condividere musica, testi, storie ed immagini: siamo stati in grado di copiare queste informazioni in tutto il mondo, senza alcun costo marginale.

Questo ci ha consentito di relazionarci tra noi con una estensione che e' amplificata dalla densita degli ambienti in cui viviamo, ambienti urbani la cui alta densita' ci ha allontanato dalla natura, ma pur sempre ha permesso che le nostre idee fossero piu' agili, che le nostre relazioni viaggiassero a velocita' piu' alte. Chi ora pretende di governare le nostre vite e' impegnato a controllare le qualita' che abbiamo sviluppato: ogni albero in una pubblica piazza rappresenta un ostacolo per le telecamere, occhi onnipresenti che controllano le nostre co-evoluzioni. Molti degli spazi di aggregazione dei nostri corpi gia' rappresentano un pericolo per il potere dei controllori, che gia' attacca la liberta' del nostro spazio in rete.

Ma nel tempo abbiamo trovato riparo nelle pratiche ancestrali della Trance, aprendo le porte della nostra percezione verso l'ignoto, facendo risuonare le nostre ossa, migliorando l'agilita' delle nostre lingue, per segure il flusso Hip-Hop di pensieri critici, surfando attraverso l'universo in cui siamo costretti, dipingendo fantasie sopra i muri imposti nelle nostre citta', saltando piu' in alto, per unire i nostri inebrianti ed ancora incerti Parkours.

Nella miriade di connessioni che sapremo costruire ancora, testimoniamo la nascita di un pianeta di citta' invisibili, spirali di vite roteanti sopra le nostre teste e fra le nostra dita, che si evolvono tra scissioni e ricongiungimenti, flussi aperti della nostra conoscenza errante.

Il nostro piano e' semplice e il nostro progetto e' gia' in movimento. Infatti, se vi guardate intorno, ci troverete gia' vicini. Mentre gli attuali sistemi politici e economici stanno combattendo la difficolta' di nascondere le proprie incoerenze e contraddizioni, siamo in grado di implementare meglio i loro principi e, cosa piu' importante, ne stiamo elaborando di nuovi.

Stiamo reclamando una infrastruttura, la liberta' di adattarla ai nostri bisogni, il nostro diritto di proprieta' senza lacci, la liberta' di confrontare idee senza nessuna manipolazione mediatica, peer to peer, faccia a faccia, citta' a citta', essere umano ad essere umano.

La possibilita' di crescere in comunita' locali ed economiche, l'eliminazione dei monopoli globali, la possibilita' di vivere grazie alle nostre creazioni, e' li. Stiamo riempiendo gli spazi vuoti lasciati nelle nostre stesse citta', stiamo definendo i nostri desideri ed in alcuni casi siamo gia' in grado di soddisfarli grazie alla coordinazione di diverse collettivita'.

Durante i decenni passati abbiamo imparato a migliorare la nostra autonomia all'interno dei contesti urbani, immergendoci nei differenti contesti che compongono le citta', svelando la struttura interna delle loro reti chiuse, sviluppando una differente trama fatta di relazioni che persino le aziende ambiscono a comprare.

Siamo "uccelli tessitori"[1] e condividiamo i nostri nidi nella rete, scorriamo come il fiume Code degli insediamenti spontanei di Yogyakarta[2], il Chaos Computer Club, i gitani di Sulukule ad Instanbul, come il codice tra gli hacker sparsi per il mondo, i ritrovi segreti di 2600 e gli altri spazi temporaneamente autonomi dove confabuliamo per il nostro avvenire.

[1] Burung-Burung Manyar significa "Uccelli Tessitori", e' un
   libro di Romo Mengun pubblicato nel 1992 da Gramedia (Jakarta)

[2] la riva del fiume Code fu considerata uno stanziamento
   illegale di squatter.  Il governo dell'Indonesia ne pianifico' la
   rimozione forzata nel 1983, ma in seguito alla protesta del popolo
   i piani furono cancellati. Nove anni dopo nel 1992 il Kampung Code
   fu selezionato come vincitore dell'Aga Khan, un premio di
   architettura prestigioso.  Lo stanziamento sulla riva del fiume
   Code continua ad esistere fino ai giorni nostri, come un esempio
   notevole di architettura urbana auto-organizzata dal basso.

Media orizzontali

I regimi dittatoriali usano i media per raccontare fandonie e nascondere la propria natura repressiva e asociale, costruendosi maschere dietro alle quali continuare il proprio sporco gioco di collusione, corruzione e nepotismo. Persino in democrazia sono tanti i dittatori populisti che usano un accesso privilegiato ai media: in questo modo che si arrogano la liberta' di offendere, a generare odio e sempre nuove guerre.

Ma i media hanno una stretta relazione con molte tecnologie che abbiamo noi stessi sviluppato, possediamo dunque sufficiente conoscenza per tracciare nuovi percorsi. Si tratta del resto della prima delle nostre vocazioni, sin dai primi anni della nostra esistenza: siamo attivi nell'implementare per la maggior parte delle persone su questo pianeta le liberta' che l'era digitale puo' garantire.

Ci proponiamo di sviluppare sempre piu' spazi di discussione in rete e sul territorio, seguendo un modello decentralizzato che garantisca accesso alla maggioranza di persone nel nostro pianeta. Abbiamo creato strumenti per i media indipendenti, per moltiplicare le voci, per proteggere le visioni comuni, per evitare che pochi magnati della comunicazione e dei media controllino le democrazie, come purtroppo e' successo fin'ora in molte parti del mondo.

Siamo consci dei limiti dell'implementazione presente della democrazia: mentre la classe dirigente e' tutta concentrata sul successo personale, manovrando regimi ormai arcaici, i loro sistemi non riescono ad essere aggiornati, le loro strutture falliscono nel tentativo di controllare nemici che non riescono piu' a riconoscere. La soluzione che noi proponiamo e' semplice: massimizzare le possibilita' di riciclare le infrastrutture dei media esistenti, aprire piu' canali possibili, liberare le onde radio, lasciare che la comunicazione fluisca nella sua molteplicita', dare a chiunque la possibilita' di fare la propria radio o stazione TV per i propri vicini fisici o digitali, seguendo un pattern organico che modularizzera' la condivisione dei sensi e consentira' alle idee di propagarsi in modo orizzantale e non gerarchico.

Non siamo un numero

Crediamo che lo sforzo attuale dei governi riguardo alle tecnologie biometriche, alla collezione indiscriminata di dati sulle attivita' di cittadini e studenti, siano gravi errori. L'informatizzazione dell'umanita' non consiste nell'inserire la vita nella macchina, ma al contrario nel mettere la macchina al servizio della vita. L'ideologia computazionalista e' dannosa sul lungo termine.

Dobbiamo tenere bene a mente cosa accade quando regimi dittatoriali prendono il controllo di macchine che controllano la vita; cio' e' gia' successo in svariati episodi storici. Consci della mancanza di responsabilita' di svariati governi in tutto il mondo, ci opponiamo ai loro sforzi di numerare e controllare i cittadini nel nome della sicurezza. La sicurezza non esiste e men che mai ci si puo' avvicinare ad essa per ignoranza. Puo' essere solo ignoranza o malafede quella che spinge molti architetti informatici a centralizzare basi dati rendendole vulnerabili a singoli attacchi mirati ed a portata di mano per chi voglia egemonizzarne l'accesso.

Siamo ben coscienti che le informazioni scorrono libere, ci rendiamo conto di come diverse falle nel dominio digitale stiano attualmente svelando informazioni personali di un largo numero di persone in tutto il mondo. Crediamo fermamente che le persone non debbano essere catalogate e rinchiuse in una base dati: questo e' cio' che deve differenziare governi da sistemi operativi che sopprimono cinicamente i processi non ottimizzati a svolgere le mansioni previste.

Non abbiamo bisogno di educazione

Man mano che la privatizzazione delle strutture educative continua, le accademie assumono modelli aziendali; nel frattempo assistiamo ad uno spostamento della missione educativa nella societa', da un modello inclusivo ad uno esclusivo. L'influenza delle corporazioni e delle industrie ha permeato molte discipline accademiche, in particolare riguardo le tecnologie adottate. La scelta degli educatori e' stata influenzata dalle logiche del profitto a breve termine, invece che dalla solidita' delle conoscenza offerte sul lungo termine.

Nonostante tutto cio', le nozioni stanno diventando universalmente disponibil. Le mansioni euristiche, maieutiche e strutturali fornite dalle accademie e dalle universita' sono oggi meglio soddisfatte da modelli di condivisione globale come quelli del software libero che, grazie ai suoi metodi orizzontali di condivisione, delinea un nuovo approccio di ricerca e sviluppo basato su piattaforme distribuite.

Grazie al software libero componenti liberi e modulari possono essere combinati e redistribuiti, copiati e modificati. Gli studenti sono in grado di elaborare una conoscenza che e' duratura, libera dall'idea fallace di cosiddette "proprieta' intellettuali" che restringono i diritti di produrre e ridistribuire le creazioni. Questa situazione portera' un vantaggio per le nuove generazioni, cosi' come per i paesi in via di sviluppo.

Spazi autonomi come quelli degli hacker (hacklabs, hackerspaces) costituiscono un grande potenziale ed assumono un ruolo educativo che sta progressivamente scomparendo nelle scuole e soprattutto nelle universita'.

Nel 1998 si tenne la prima edizione dell'hackmeeting a Firenze. In quella occasione la sua assemblea lancio' l'idea delle "universita' indipendenti dell'hacking", generando la nascita di numerosi hacklab in varie citta', lanciando la prassi di meeting annuali come quello dell'hackmeeting che hanno avuto luogo fino ad oggi in varie parti del sud Europa e del sud America. I risultati di queste iniziative hanno influenzato molto la nostra crescita tecnica e culturale, hanno ospitato una conoscenza errante altrimenti dispersa e trascurata dalle accademie, hanno visto la partecipazione di tanti maestri e allievi avvicendarsi nei ruoli

Con questa storia cosi' breve, ma anche intensa, siamo ben motivati a continuare lo sviluppo dei nostri percorsi alternativi di conoscenza: una letteratura auto-didatta che liberi gli studenti dagli interessi delle corporazioni ed apra un orizzonte di varieta' e creativita'. Non abbiamo bisogno di educazione: possiamo sceglierla.

Due parole sulla primavera

Negli ultimi tre anni abbiamo assistito alla sempre crescente presenza di movimenti popolari nel mondo, animati dallo spirito di tanti uomini e donne che si ribellano alla repressione dei regimi fondamentalisti ed all'ingiustizia sociale dei regimi della finanza. Dall'Africa alle Americhe, dall'Europa all'Asia e presto altrove, questi movimenti hanno qualcosa in comune: credere che un altro mondo sia possibile attraverso la mobilitazione dei cittadini, credere che possiamo e dobbiamo migliorare il modo in cui le nostre societa' sono progettate, cosa che chi e' al potere oggi non ha nessun interesse di fare. Tale movimento della primavera ha caratteristiche planetarie e si e' gia' manifestato in vari modi e luoghi. Pur soffrendo di molte divisioni e della distanza tra contesti diversi, questa primavera resta forte della tradizione politica di resistenza alla prevaricazione, di solidarieta' comune che e' gia' innata nell'umanita'. In aggiunta gode anche di un'altra forza: quella dei media orizzontali che finalmente divengono piu' accessibili per tutti permettendo la formulazione di riflessioni sempre piu' avanzate ed inclusive.

Non dobbiamo perdere di vista il fatto che questi movimenti sono osteggiati dal potere prestabilito, addirittura interpretati come atti di guerra da vecchie gerarchie militari a guardia del complesso industriale e politico che legittima la loro stessa violenza. Noi possiamo aiutare le popolazioni del mondo a comunicare liberamente, facilitando il confronto di idee attraverso confini geografici e culturali, incoraggiando la crescita di nuove razionalita' e la nascita di nuove societa'.

Se mai la nostra generazione avra' l'opportunita' ed il coraggio di contribuire all'evoluzione del mondo, facciamo del nostro meglio per comprenderne i problemi presenti, prendiamone in esame le contraddizioni e condividiamo le nostre conoscenze sui vantaggi che le tecnologie digitali portano alla democrazia. Viviamo su di un pianeta in cui e' sempre piu' possibile aprire connessioni tra tutti i suoi abitanti: ora sta a noi, nativi di un territorio che trascende vecchie geografie, difendere questa nuova condizione umana da vecchi scettri del potere che la ritengono una minaccia alla loro ormai insensata conservazione.

Guardiamo ad un etica del progresso che lasci alla democrazia lo spazio di crescere sempre piu' fluida, nutrita da una sempre piu' larga partecipazione dal basso. Non reprimendo, ma comprendendo il punto di vista dei diseredati possiamo costruire un'eredita' per tutti, che sia degna di essere chiamata Pace.

 Jaromil - Amsterdam, 11 Novembre 2011 

WeaverBirds/it (last edited 2011-11-14 10:52:17 by jaromil)