Aperto da salvo,paoletta,massimo ore 9.15....buona giornata. cri se vedi il messaggio chiami in radio? grazie.

Aggiornamento ore 9.30

Palestina

Cinque palestinesi, di cui due ricercati, sono stati arrestati questa notte dalle forze israeliane nella zona di Hebron, nel sud della Cisgiordania. Continuano frattanto le perquisizioni in sette delle otto citta' cisgiordane, nel quadro di una vasta offensiva lanciata dopo i due recenti attentati che hanno fatto 31 morti. Due dei cinque arrestati -ha riferito una fonte militare - erano ricercati con l'ambigua accusa di avere un ruolo in attivita' ostili allo stato di Israele. Continua così la morsa delle truppe ebraiche sulle principali localita' cisgiordane amministrate dall'Autorita' Nazionale Palestinese: Ramallah, Betlemme, Nablus, Jenin, Tulkarem, Hebron e Qalqilya. Proseguono i rastrellamenti e le catture di persone sospettate di coinvolgimento in atti terroristici; in vigore il coprifuoco. Ieri Sharon aveva escluso operazioni direttamente nell'enclave palestinese di Gaza, avvertendo che chi conosce bene la zona sa che non vi si deve restare; il premier non aveva tuttavia escluso blizt contro le cellule della resistenza palestinese che proprio a Gaza hanno le loro basi Intanto da Washington Il messaggio del Presidente Bush a Yasser Arafat e' inequivocabile. Lo afferma il Segretario di Stato Usa Colin Powell, ribadendo che il leader palestinese deve essere sostituito. Da registrare altresi' il commento entusiastico del ministro per l'Ambiente ebraico, Tzahi Hanegbi, al piano di pace per il Medio Oriente illustrato lunedi' da George W. Bush, che prevede la creazione di uno Stato palestinese indipendente ma senza la permanenza al vertice di yasser Arafat: "in suo onore", ha sichiarato Hanegbi in tono raggiante, "emetteremo una tessera onoraria di appartenenza al nostro partito, il Likud"

Sharon sotto accusa

Il primo ministro isareliano Ariel Sharon saprà oggi se sarà perseguito dalla giustizia belga per il suo ruolo nel massacxro nei campi palestinesi di sabra e chatila, avvenuto nel 1982 in libano. La camera d'accusa della corte d'appello di bruxelles si deve pronunciare sulla ricevibilità di un'accusa per crimini di guerra, crimini contro l'umanità e atti di genocidio, accusa depositata contro di lui nel giugno del 2001 da 23 palestinesi sfuggiti al massacro. Noin ci sarà udienza pubblica, ma il contenuto della decisione sarà comunicato agli avvocati delle parti e alla stampa nella mattinata. L'accusa è basata su una legge belga, detta di competenza universale, che permette ai tribunali belgi di giudicare gli autori di crimini di guerra, cerimini contro l'umanità e genocidi, qulae che si a il luogo dei crimini, le nazionalità e i luoghi di residenza delle vittime e degli accusati.

Ofek-5

Israele e' in grado di colpire con i suoi missili qualsiasi obiettivo del pianeta. Lo afferma il prof. Moshe Gelman, direttore dell'Istituto Technion di tecnologia, commentando il recente lancio del satellite Ofek-5. Lo Stato israeliano, precisa a Haaretz lo scienziato israeliano, puo' lanciare una testata contro qualsiasi punto della Terra grazie alle capacita' sviluppate con la messa in orbita di Ofek-5.

Canada G8

si apre oggi il vertice del g8, che per due giorni vedrà isolati dal mondo i leader dei paesi considerati puiù industrializzati. Come vuole la tradizione, prima sdi convocare il presidernte russo Putin a raggiungerli, i sette sdi interrogheranno sull'economia mondiale, e avranno il loro daffare per convincere i mercati, in piena discesa, del vigore della ripèresa economica mondiale. Sarà anche difficile non parlare della caduta del dollaro, che comincia a d essere minacciosa per la ripresa. Unica novità, l'invito fatto a quattro capi di stato africani e al segretario dell'onu Kofi annan. Intanto, Calgary, la più vicina delle città si prepara alle manifestazioni antimondializzazioni nella più grande incertezza, poichè si ignorano ancora i percorsi accessibili per raggiungere questa città ricca e isolata, dove anche i trasporti sono costosissimi ed escludenti. Molte manifestazioni, infatti, sono state dirottare a Ottawa.

Aggiornamento ore 11.00

L'Esercito israeliano ha imposto in mattinata il coprifuoco in tutta Hebron, mentre i carri armati che circondano gli uffici del governatore palestinese aprivano sporadicamente il fuoco in direzione dell'edificio. Al personale asserragliato all'interno gli occupanti hanno intimato la resa servendosi degli altoparlanti; si ignora quante persone vi siano dentro, ma il sospetto e' che possano esservisi mescolati estremisti ricercati dalle forze di sicurezza ebraiche. Fonti palestinesi hanno inoltre denunciato che sono state confiscate e fatte saltare in aria numerose vetture private; i militari hanno ribattuto che si trattava di auto rubate in Israele, e che sono state distrutte per paura che fossero state imbottite d'esplosivo onde essere poi utilizzate in nuovi attentati terroristici. (AGI) Pdo/0957 261010 GIU 02