Differences between revisions 7 and 8
Revision 7 as of 2002-06-28 08:44:07
Size: 8674
Editor: anonymous
Comment: missing edit-log entry for this revision
Revision 8 as of 2002-06-28 10:14:27
Size: 10482
Editor: anonymous
Comment: missing edit-log entry for this revision
Deletions are marked like this. Additions are marked like this.
Line 70: Line 70:
= AGGIORNAMENTO ORE 12.30 =

'''MONDO'''

'''Spagna'''

Il tribunale di appello di Pau, nel sud est della Francia, ha dato oggi il via libera all’estradizione di Juan Maria Olano, ex portavoce di Gestoras Pro Amnistia, affinché venga giudicato dai tribunali spagnoli per la sua presunta appartenenza ad ETA. La corte ha specificato che Olano potrà essere giudicato per i fatti commessi dal 1995 ad oggi.
Olano, arrestato il 3 dicembre del 2001 nella località basca-francese di Bayonne, è considerato dalla giustizia spagnola come uno dei principali responsabili di Gestoras pro amnistia, associazione che il governo spagnolo giudica legata strettamente all’eta.
Secondo il giudice Garzon, che conduce l’inchiesta, Gestoras va considerata una associazione illegale “creata, disegnata, protetta, sviluppata e finanziata dall’ETA”, incaricata di reclutare militanti.
Se le accuse fossero provate, anche il tribunale francese potrebbe giudicare lo stesso Olano.
Gli avvocati di Olano ne hanno chiesto la remissione in libertà, e l’esito della domanda dovrebbe venir reso noto oggi stesso.
Dopo l’illegalizzazione di Batasuna, avvenuta di fatto la scorsa settimana con l’approvazione della legge sui partiti, anche questo processo si inserisce nel tentativo del governo spagnolo di fare terra bruciata intorno a tutte le organizzazioni che lavorano nei paesi baschi.
Gestoras pro Aministia nasce come organizzazione che si batte per l’amnistia dei prigionieri politici baschi, e nel corso degli anni si è occupata di denunciare tutti gli episodi di tortura messi in atto dalla polizia spagnola nei confronti dei detenuti, portando aiuto ai familiari, fornendo assistenza giuridica, formativa e sanitaria ai prigionieri.
Line 72: Line 85:





aperto da paoletta ad una ora improbabile della notte... ci si sente domani. A proposito, numero di blicero in Palestina, se può servire: 00972 67 361097

paoletta dormi la notte ore 9.30 in radio ...massimo ,buona giornata.

Aggiornamento ore 11.00

MONDO

Argentina

Sono state almeno diecimila le persone scese pacificamente in piazza ieri sera in pieno centro a Buenos Aires per protestare contro la politica economica del governo ma, soprattutto, contro l'uccisione di due dimostranti compiuta il giorno prima dalla polizia. I manifestanti sono sfilati in corteo dal palazzo del Congresso fino alla Casa Rosada, sede della Presidenza dell'Argentina; e del presidente, Eduardo Duhalde, hanno chiesto a gran voce le dimissioni.

Il commissario Alfredo Franchiotti e altri poliziotti sono stati arrestati preventivamente per la repressione poliziesca di ieri, nella quale morirono assassinate due persone. L'ordine di detenzione è stato dato dal governatore della provincia di Buenos Aires felipe Sola. Il commissario Alfredo franchiotti, che mercoledì era stato aggredito a pugni mentre parlava con i giornalisti all'ospedale Fiorito, è stato indicato da alcuni testimoni come l'autore dello sparo che ha ucciso Dario Santillan, uno dei manifestanti assassianti negli scontri tra polizia e piqueteros. Claudio Pandolfi, avvocato della Coordinadora Contra la Represión Policial (CORREPI) racconta che due testimoni che erano all'interno della Stazione Avellaneda ( la stessa dove fu assassinato Santillan) hanno visto come la polizia abbia sparato nella schiena alla vittima. Pandolfi ha detto inoltre che i testimoni hanno riconosciuto il commissario vedendolo in televisione nella improvvisata conferenza stampa nell'ospedale Fiorito che provocò altri incidenti. In una foto pubblicata dal quotidiano Clarin si vede Franchiotti nell'atto di arrestare uno dei due ferirti nella stazione. Così raccontano i testimoni: Dario santillan, che apparteneva alla Coordinadora de Trabajadores Desocupados Aníbal Verón, si era avvicinato alla stazione per aiutare un ferito. nello stesso posto si erano concentrate varie donne e manifestanti che erano scappate dal luogo degli incidenti, credendo che fosse un luogo sicuro. Quandio la polizia ha ripreso il controllo del luogo, Santillan stava aiutando un ferito. In quel momento, sempre secondo le testimonianze, il manifetsante ha ricevuto un colpo di pistola nella schiena, che ne ha provocato la morte. Franchiotti sarebbe l'autore dello sparo. Quello che è certo, è che la burocrazia che determina queste procedure ha fatto in modo che si attui una perizia sulle 120 armi in dotazione alla polizia.

(indymedia argentina)

Doccia fredda per le speranze dell'Argentina di ricevere dai paesi piu' indistrializzati del mondo denaro fresco e agevolazioni che le permettano di superare l'attuale cirisi economica, forse la peggiore nella sua storia. E' stato il cancelliere tedeesco Gerhard Schroeder, a margine dei lavori per il summit del G8 in Canada, a gelare le aspettatiove di Buenos Aires, affermando che il Paese sud-americano non e' ancora in regola con i parametri del caso. "L'Argentina", ha osservato il leader di Berlino, "deve adempiere tutte le condizioni necessarie affinche' le arrivino aiuti dall'Occidente, ma per il momento non si trova in tale posizione". Opposto l'atteggiamento di Jose' Maria Aznar, premier spagnolo e presidente di turno dell'Unione Europea, che ha invece perorato la causa argentina rammentando ai partner gli impegni assunti a suo tempo. Da ieri Roberto Lavagna, ministro dell'Economia di Buenos Aires, si trova a Washington per colloqui con i responsabili del Fondo Monetario Internazionale e con le autorita' Usa; colloqui che finora non hanno sortito alcun esito. Schroeder ha anche sottolineato che per ora non sussistono i presupposti per una piena ripresa dei rapporti con il Fmi.

Palestina

ore 9.45

Le truppe israeliane che circondano la sede del governatorato di Hebron, in Cisgiordania, avrebbero dato un'ora di tempo ai palestinesi che si trovano all'interno perche' si arrendano prima di essere attaccati. Lo riferiscono fonti palestinesi, ma un portavoce dell'esercito israeliano ha smentito l'esistenza di un ultimatum. Soldati israeliani hanno usato megafoni per spingere alla resa i palestinesi asserragliati, chiamando anche loro parenti perche' li convincano. Sono stati anche sparati colpi dagli elicotteri contro l'edificio del governatorato. Da martedi, quando e' iniziato l'assedio, si sono arresi 150 palestinesi dell'intelligence militare presenti nel compound.

I Paesi del G8 hanno raggiunto un accordo sulla urgenza di riformare le istituzioni e l'economia palestinese sulla necessita' di tenere elezioni libere e giuste. E' quanto si legge nel documento finale del vertice di Kananaskis che si e' concluso ieri sera in Canada. Gli Otto grandi della terra hanno condiviso l'assetto futuro di un Medio Oriente con due Stati, Israele e la Palestina che vivano l'uno accanto all'altro in condizioni di sicurezza e all'interno di confini sicuri e concordati. (Vam/Pn/Adnkronos) 28-GIU-02 10:40

Australia

E' sempre più alta la tensione nel centro di detenzione di Woomera (Australia meridionale). Dopo le recenti proteste culminate in uno sciopero della fame, oggi 35 richiedenti asilo per i quali era previsto il rimpatrio nei Paesi di origine si sono dati alla fuga, aiutati da attivisti per i diritti umani. Un portavoce del dipartimento dell’Immigrazione ha dichiarato che, poco dopo la mezzanotte locale, alcuni sostenitori dei diritti dei rifugiati hanno squarciato una delle reti di recinzione che delimitano i confini del campo, contribuendo così alla fuga dei 35 profughi di nazionalità afgana, iraniana ed irachena.Se rintracciati, i profughi fuggitivi potrebbero scontare fino a 5 anni di prigione, mentre agli attivisti verrebbe comminata una pena ancora maggiore: 10 anni di carcere per favoreggiamento nella fuga. Woomera, località nel deserto australiano situata 450 chilometri a nord di Adelaide, è stata più volte teatro di rivendicazioni, risse e disordini messi in atto dai richiedenti asilo, esasperati dalle pesanti condizioni di vita e dalle lungaggini burocratiche. I centri di detenzione sono più volte finiti nel mirino di organizzazioni per i diritti umani, che accusano le autorità australiane di trattare i profughi alla stregua di criminali. Studi recenti hanno dimostrato che i tentativi di suicidio o autolesionismo sono ‘endemici’ tra i detenuti.

Dall'Italia

E' lo scoop di Repubblica, che grazie al direttore di "Zero in condotta", quindicinale di , Valerio Monteventi, pubblica oggi le lettere del giuslavorista assassinato dalle nuove BR. Lettere destinate a riaprire una polemica esplosa già nelle prime ore dopo l'omicidio, perché confermano le ripetute, disperate e consapevoli richieste di aiuto di Marco Biagi alle massime cariche dello Stato e ai responsabili della Pubbblica Sicurezza perché lo tutelassero da una minaccia terroristica ormai pressante, inconbente, concreta. E perché contengono pesanti riferimenti al segretario della Cgil Sergio Cofferati.

Il direttore di "Zero in condotta", Valerio Monteventi (che è anche consigliere comunale di Rifondazione comunista), ha anticipato i testi delle lettere a "La Repubblica".

Anche Repubblica ha effettuato i suoi accertamenti che confermano l'autenticità delle cinque lettere scritte. L'economista le aveva inviate al presidente della Camera Pier Ferdinando Casini, al prefetto di Bologna, al sottosegretario Maurizio Sacconi, al direttore di Confindustria Stefano Parisi, e al ministro Roberto Maroni tra il luglio e il settembre scorso. Il contenuto di alcune missive era già noto: ad esempio la lettera che chiama il ministro a rispettare gli impegni per la scorta personale, e quella al sottosegretario e amico Sacconi, nella quale parla della "moglie allarmatissima" per la sua sicurezza. Non si aveva invece notizia della lettera inviata a Casini, con a quale chiede "aiuto per la sicurezza personale". L'economista - la lettera è del 15 luglio 2001 - racconta tutta la sua angoscia e chiude il messaggio con una raccomandazione: "Ti prego di non parola con la tua mamma della questione confidenziale che ti ho prospettato perché mia mamma ne è all'oscuro". Nella lettera al prefetto di Bologna il riferimento a De Gennaro è esplicito: "La mia situazione è sottovalutata. Ne ho parlato anche con il presidente Casini che ne ha parlato con il dottor De Gennaro".

AGGIORNAMENTO ORE 12.30

MONDO

Spagna

Il tribunale di appello di Pau, nel sud est della Francia, ha dato oggi il via libera all’estradizione di Juan Maria Olano, ex portavoce di Gestoras Pro Amnistia, affinché venga giudicato dai tribunali spagnoli per la sua presunta appartenenza ad ETA. La corte ha specificato che Olano potrà essere giudicato per i fatti commessi dal 1995 ad oggi. Olano, arrestato il 3 dicembre del 2001 nella località basca-francese di Bayonne, è considerato dalla giustizia spagnola come uno dei principali responsabili di Gestoras pro amnistia, associazione che il governo spagnolo giudica legata strettamente all’eta. Secondo il giudice Garzon, che conduce l’inchiesta, Gestoras va considerata una associazione illegale “creata, disegnata, protetta, sviluppata e finanziata dall’ETA”, incaricata di reclutare militanti. Se le accuse fossero provate, anche il tribunale francese potrebbe giudicare lo stesso Olano. Gli avvocati di Olano ne hanno chiesto la remissione in libertà, e l’esito della domanda dovrebbe venir reso noto oggi stesso. Dopo l’illegalizzazione di Batasuna, avvenuta di fatto la scorsa settimana con l’approvazione della legge sui partiti, anche questo processo si inserisce nel tentativo del governo spagnolo di fare terra bruciata intorno a tutte le organizzazioni che lavorano nei paesi baschi. Gestoras pro Aministia nasce come organizzazione che si batte per l’amnistia dei prigionieri politici baschi, e nel corso degli anni si è occupata di denunciare tutti gli episodi di tortura messi in atto dalla polizia spagnola nei confronti dei detenuti, portando aiuto ai familiari, fornendo assistenza giuridica, formativa e sanitaria ai prigionieri.

gror280602 (last edited 2008-06-26 09:52:14 by anonymous)