Home page Ror interattiva

Appunti e note redazionali

Fonti

Gr 19:30

Sommario

In primo Piano

Editoriale

NOTIZIE BREVI

ESTERI

ITALIA

Siparietto


Gr 13:00

ESTERI

IMMIGRAZIONE ‘IRREGOLARE’: GOVERNO LULA CONTRO “INTOLLERANZA” PAESI RICCHI

“L’immigrazione irregolare è una questione umanitaria che non può mai essere confusa con la criminalità. Nessuno lascia la propria terra perché lo vuole, ma perché ne ha bisogno o crede di potersi costruire una vita più dignitosa altrove”: pur senza riferimenti diretti alla politica italiana, ma rivolgendo un richiamo “ai cuori e alle coscienze dei dirigenti del mondo”, il presidente Luiz Ignácio Lula da Silva lo ha detto firmando a Brasilia una nuova legge che regolarizzerà decine di migliaia di immigrati (almeno 50.000, secondo fonti ufficiali, fino a 200.000 secondo altre fonti); la nuova normativa prevede che gli stranieri arrivati in Brasile prima del 1° Febbraio 2009 possano ottenere un permesso di residenza provvisorio che dopo due anni potrà diventare permanente. “Consideriamo ingiuste le politiche migratorie adottate recentemente da alcuni paesi ricchi che includono il rimpatrio degli immigrati. Per noi, la repressione, la discriminazione e l’intolleranza non vanno alle radici del problema e non risolveranno la crisi economica mondiale. Lavoro e dignità sono la risposta che il Brasile offre agli immigrati di fronte all’intolleranza dei paesi ricchi” ha detto ancora Lula, ricordando la povertà che costrinse la madre, quando il presidente era ancora bambino, ad abbandonare l’arido Nord-Est intraprendendo un viaggio di 3000 chilometri in cerca di un futuro migliore a San Paolo. Anche il ministro della Giustizia Tarso Genro è stato esplicito: “In alcuni paesi europei siamo alla preistoria della democrazia: criminalizzano la semplice presenza degli immigrati sul loro territorio mentre i capitali possono circolare senza alcun tipo di frontiera”.

“GOLPE” IN HONDURAS: SEGRETARIO GENERALE OSA A TEGUCIGALPA

Secondo quanto riferito da una deputata fedele a Zelaya, l'esercito avrebbe aperto il fuoco nelle strade di San Pedro Sula contro i manifestanti che invocavano il ritorno del presidente destituito Manuel Zelaya. La deputata, Silvia Ayala, ha sostenuto di avere un video che documenta la repressione in cui sono rimasti feriti un ragazzo, poi ricoverato in ospedale, e un fotografo.

Roberto Micheletti, capo di Stato dell'Honduras in seguito al golpe che ha destituito il presidente Manuel Zelaya, ha dichiarato di "non avere obiezioni da fare" all'ipotesi di elezioni presidenziali anticipate, "se questo può aiutare a risolvere la crisi politica in cui versa il Paese". Il governo golpista apre quindi a una consultazione da tenersi prima della data fissata originariamente dalla Suprema corte elettorale, il prossimo 29 novembre.

Somalia, continuano gli scontri a Mogadiscio

I ribelli islamici dei Giovani Mujahidin e del Partito islamico hanno circondato il palazzo presidenziale a Mogadiscio, dove si trova il presidente del governo transitorio Ahmad Sharif.

Intanto, secondo quanto riferisce la tv araba ‘al-Jazzera, almeno 20 persone sono morte dopo gli scontri scoppiati ieri sera nella periferia della capitale somala tra i ribelli islamici e le truppe fedeli al governo transitorio somalo. Questa mattina sono riprese i combattimenti nei quartieri Abdelaziz e Karam, che si trovano a poca distanza del palazzo presidenziale e l'aeroporto. Al momento i militari delle forze di pace non hanno preso parte agli scontri in corso ma si prevede che potrebbero scendere in campo prossimamente. L'Unione Africana ha dispiegato in città 4800 uomini provenienti dall'Uganda e dal Burundi.

Pakistan: attacco drone Usa nel nord ovest, almeno 13 morti

NEW DELHI - E' di almeno 13 morti e decine di feriti il bilancio dell'attacco di un drone americano nel nord ovest del Pakistan. Lo riferisce la televisione pachistana Geo Tv.

L'aereo senza pilota, secondo l'emittente, è partito da una base Nato in Afghanistan e ha lanciato razzi contro un presunto campo di militanti talebani a Kokatkhel, nell'area di Sarokai, nel distretto del Sud Waziristan.

Un altro razzo sarebbe stato lanciato, secondo la televisione, dallo stesso drone contro una madrassa, una scuola coranica, nell'area di Mantoi, nello stesso distretto. In questa scuola non ci sarebbero state vittime in quanto la struttura era chiusa per lavori.

"Lo dicevamo da mesi"

Nessun cadavere è stato recuperato. Le squadre di soccorso al largo delle Comore, dove lunedì notte si è inabissato un Airbus A310 della compagnia yemenita Yemenia, continuano a cercare ma il presidente dell'Unione delle Comore, Ahmed Abdallah Sambi, gela le speranze dei parenti delle vittime: "Le operazioni sembrano complicate, il luogo dell'incidente non è stato determinato con certezza e nessun corpo è stato recuperato fino a questo momento".

L'unica superstite, una ragazza di 14 anni, Bahia Bakari, era stata trovata qualche ora dopo lo schianto, le cui cause restano ancora sconosciute, di questo apparecchio che trasportava 153 persone.

I familiari di questi ultimi, sconvolti dal dolore e dalla rabbia, hanno manifestato per tutta la giornata di ieri all'aeroporto di Marsiglia e alla fine, scrive oggi Le Figaro, hanno costretto la compagnia Yemenia a sospendere 'fino a data da stabilire' tutti i voli in partenza dalla città francese. "Lo dicevamo da mesi", gridavano molti di loro, ieri, ricordando le denunce inascoltate sugli 'avions pubelles', le carrette del cielo utilizzate dalla compagnia per i voli con le Comore. L'Airbus caduto, in particolare, era stato messo al bando per voli sui cieli francesi.

Nel primo rapporto ufficiale francese sull'altro disastro, quello dell'Airbus Air France Rio-Parigi che si è inabissato il 1 giugno nell'Oceano, è emerso intanto che i sensori della velocità non sono stata la causa primaria dell'incidente e che l'aereo ha toccato l'acqua intatto. Ovvero non esplose in volo e tuttavia procedeva a una velocità tale che non c'è stato nemmeno il tempo perché i giubbotti salvagente dei 228 a bordo si aprissero. In ogni caso, il responsabile del team investigativo Alain Bouillard ha dichiarato che "siamo ancora molto lontano dallo stabilire le cause dell'incidente".

Falliscono altre sette banche Usa, totale 2009 sale a 52

NEW YORK - Nuova ondata di fallimenti bancari negli Usa, dove sei banche dell'Illinois e una del Texas sono state poste sotto sequestro portando il totale dei crac bancari di quest'anno a 52: un livello che non si vedeva dal 1992.

Mentre il pacchetto di misure d'emergenza voluto dall'amministrazione Obama sembra aver tamponato l'emorragia delle grandi banche, sono spesso gli istituti regionali ad accusare il colpo della recessione, delle crescenti insolvenze sui crediti concessi sulla casa e le proprietà commerciali e dei prodotti del credito strutturato finiti male. E l'Illinois ha la maglia dei fallimenti di istituti di credito, con 12 banche chiuse quest'anno.

Gli attivi totali posti sotto sequestro - scrive la Bloomberg - sono pari a 1,49 miliardi di dollari, i depositi raggiungono gli 1,34 miliardi.

Portogallo: ministro mima corna in parlamento, dimissioni

LISBONA - Il ministro dell'economia portoghese, Manuel Pinho, si è dimesso per aver offeso un deputato dell'opposizione rivolgendogli il gesto "delle corna" durante un importante dibattito in parlamento.

Pinho si era messo gli indici di entrambi le mani sulla testa e si era rivolto al capogruppo comunista Bernardino Soares, dandogli così del cornuto dopo che questi lo aveva attaccato su una questione mineraria.

Il premier portoghese, il socialista José Socrates, ha definito il gesto "inaccettabile" e ha reso noto di aver accolto le dimissioni offerte da Pinho già durante il dibattito. Socrates ha chiesto al ministro delle finanze, Fernando Teixeira, di aggiungere al suo portafoglio anche quello dell'economia fino alle elezioni politiche del 27 settembre.

ITALIA

Tornano a passare i treni, continuano a morire gli ustionati

E' salito a 21 il bilancio delle morti causate dall'incidente ferroviario avvenuto nella notte fra lunedi' e martedi' scorsi alla stazione di Viareggio. L'ultimo decesso, stamattina: si tratta di un giovane morto all'soepdale di massa. 17 i feriti ricoverati nei vari ospedali italiani, di questi almeno quattro sono in pericolo di vita.


Gr 9:30

ESTERI

ITALIA


Appunti e note redazionali

Servizi audio della giornata


Torna a inizio pagina

gror090603 (last edited 2009-07-03 10:48:26 by anonymous)